Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 29 novembre 2019

Il Friuli in edicola, venerdì 29 novembre 2019

Il Friuli in edicola, venerdì 29 novembre 2019

Ri-sposati e contenti - I friulani credono così tanto nel matrimonio... che ne fanno più di uno

Per un friulano su 5 un matrimonio non basta - Inguaribili romantici. Nonostante le prima nozze siano state un fallimento, i nostri corregionali continuano a credere nell’amore e ci riprovano anche più di una volta

Il matrimonio piace così tanto ai friulani che si sposano più di una volta. Uno su cinque ripete il fatidico sì dopo un fallimento. Secondo gli ultimi dati Istat disponibili al 2018, infatti, oltre il 21 per cento degli uomini e il 20 per cento delle donne si uniscono in matrimonio, a questo punto civile, almeno due volte se non di più. La speranza di trovare l’anima gemella non muore mai.
Leggi il resto nel numero in edicola

Frane in aumento, territorio sempre più fragile - Allerta costante. Il catasto regionale registra il 6% in più di nuovi casi rispetto al 2016. Oltre 4.300 persone risiedono in aree con pericolosità elevata o molto elevata

Al termine di un novembre da incubo per la sequela di eventi meteo estremi - per altro ampiamente previsti dagli esperti dopo un’estate a dir poco torrida - anche il nostro territorio si lecca le ferite.
Leggi il resto nel numero in edicola

A scuola si lavora. E si viene pagati - Friuli Occidentale. Progetto di apprendistato duale: quindici ragazzi dell’Ipsia di Sacile ‘Pietro Della Valentina’ trascorrono due giorni in azienda e quattro a scuola. Sono stati regolarmente assunti

Si chiama apprendistato duale ed è diverso dalla tradizionale alternaza scuola-lavoro. Si tratta di un progetto ideato da Adecco, società specializzata di The Adecco Group che sviluppa e valorizza il capitale umano, e che è partito nel Friuli occidentale coninvolgendo 15 studenti dell’Ipsia di Sacile ‘Pietro Della Valentina’ fino a giugno 2021 in 11 aziende. In estrema sintesi, i ragazzi trascorreranno tre giorni a scuola e due in azienda.
Leggi il resto nel numero in edicola

Le gang di Udine: i nostri Anni ’50 – ‘La banda delle cataste’, il romanzo di esordio dell’udinese di adozione Lino Leggio, torna in libreria in una nuova versione: il racconto vero di una città dura, senza censure

Ci ha messo tanto, più di quarant’anni, per riuscire a mettere su carta quei ricordi di una città dura e violenta, lontana dai luoghi comuni sul passato. Poi, Lino Leggio non si è fermato più, e dal 1999 a oggi ha scritto una quindicina di libri, una buona parte dei quali ambientati in un luogo e periodo storico ben precisi: la Udine del dopoguerra, quella degli Anni ’50 e delle ‘bande’ giovanili che sfoggiavano nomi in seguito ripresi dalle band musicali. Ma che nella prima periferia urbana assumono tratti più simili alle Gangs of New York di un secolo prima che alle immagini patinate da Il delinquente del rock & roll del suo idolo Elvis.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il Friuli punta su una nuova Europa - ‘Suns Europe’ conferma la formula rodata e la sua ‘mission’: mostrare come le lingue tradizionali minorizzate del Vecchio continente possono essere moderne, attuali, vive e anche ‘pop’

In un momento in cui gli euroscettici sembrano maggioranza, e il concetto stesso di un continente tenuto assieme da regole comuni, una valuta anti-svalutazione, l’assenza di confini e conflitti, pare passato di moda, in Friuli c’è chi punta a una nuova visione. Da 5 anni, Udine ospita Suns Europe, festival delle arti in lingua minorizzata (un tempo dette ‘minoritarie’), ponendo il Friuli al centro di una vision condivisibile - al di là delle opinioni - nel claim ‘Diritto alla lingua, diritto alla diversità’.
Leggi il resto nel numero in edicola

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Business

Green

Life Style

Family

Gli speciali

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori