Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 4 giugno 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 4 giugno 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 4 giugno 2021

Nemici in casa - Un residente ogni dieci della nostra regione vive in una abitazione troppo umida oppure rumorosa

Casa, ‘amara’ casa per un residente su dieci - SALUBRITÀ E RUMOROSITÀ. In regione 120mila persone vivono in edifici con problemi strutturali o di umidità e di inquinamento acustico
La pandemia e il conseguente distanziamento sociale (alias isolamento domiciliare) a molti ha fatto riscoprire la propria casa, con le sue virtù ma anche con tutti i suoi difetti. E nella maggior parte dei casi, questi non sono soltanto frutto di una impressione personale. Dati alla mano (quelli dell’Istat elaborati dalla Fiera nazionale Saie), in regione un decimo della popolazione vive in abitazioni inadeguate.
Leggi il resto nel numero in edicola

“Serve il coraggio di abbattere e ricostruire” - COSTRUTTORI. Lo stato di manutenzione non è sufficiente e gli eventi naturali fanno il resto. Contessi: “Introduciamo nuovi modelli di riqualificazione”

L’obsolescenza degli edifici è un problema nazionale, osserva il presidente regionale dell’associazione costruttori (Ance), l’udinese Roberto Contessi. Il capitale edilizio è entrato in un ciclo di obsolescenza crescente. Il 60% è stato costruito prima del 1980 e il 42,5% ha più di 50 anni.
Leggi il resto nel numero in edicola

Innovazione incartata da ben tre anni - UDINE. Un progetto di intelligenza artificiale applicata alle industrie Danieli Automation, Brovedani e Lima Lto attende da troppo tempo l’ok da Roma
Un progetto altamente innovativo che vede assieme nomi importanti dell’industria friulana, come Danieli Automation, Brovedani, Lima Lto e beanTech, attende da quasi tre anni il via libero dal Ministero dello Sviluppo economico.
Leggi il resto nel numero in edicola

Adrenalina per tutti - FORNI DI SOPRA. Tra le diverse attrazioni turistiche la ferrata del Clap Varmost è tra le più gettonate e offre un panorama spettacolare sulle Dolomiti friulane
Alle spalle del paese, sulla vetta panoramica del Clap Varmost, è possibile affrontare la ferrata sportiva che si dilunga sullo spigolo est-ovest della montagna e dalla cima si può godere di una vista panoramica incantevole. Dalla cima del Clap Varmost (1.780 metri) è possibile ammirare tutta la catena fornese delle Dolomiti Friulane...
Leggi il resto nel numero in edicola

Il momento della resa dei conti - DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2021. Novità e conferme normative e procedurali per presentare senza errori tutti i documenti all’Agenzia delle Entrate
Entra nel vivo la stagione della dichiarazione dei redditi. Quest’anno il termine per l’invio del 730 è fissato il prossimo giovedì 30 settembre, mentre il modello Redditi pf può essere integrato e inviato fino al 30 novembre, ma ci sono anche scadenze intermedie come illustriamo nello schema in basso.
Leggi il resto nel numero in edicola

In viaggio aspettando il green pass - LE REGOLE. In attesa del documento che permette gli spostamenti senza limitazioni, il primo consiglio è informarsi bene prima di fare la valigia
Fino al 30 luglio 2021, la normativa italiana consente gli spostamenti dall’Italia verso alcuni Paesi, specificati negli elenchi pubblicati sul sito del Ministero degli esteri. Si raccomanda in ogni caso, prima di partire, di verificare la normativa in vigore in tema di ingressi nei Paesi di destinazione, consultando l’apposita su ViaggiareSicuri.
Leggi il resto nel numero in edicola

Un ‘furlano’ a Roma: ‘Zvan da Vdene’ - ‘GIOVANNI DA UDINE TRA RAFFAELLO E MICHELANGELO’, la prima retrospettiva dedicata dalla sua città al poliedrico artista del ‘500 apprezzato da colleghi e pontefici, espone nella Galleria d’arte antica un’indagine completa sulle sue opere
Annunciata un anno fa, rimandata a ottobre in piena seconda ondata, parte in una sede diversa – il Castello e non Casa Cavazzini, in restyling - la prima retrospettiva dedicata al grande artista cui è dedicato il teatro udinese. Giovanni da Udine tra Raffaello e Michelangelo (1487–1561), promossa dal Comune di Udine e curata da Liliana Cargnelutti e Caterina Furlan, con un autorevole comitato scientifico, aprirà sabato 12 nelle Gallerie d’arte antica, dove fino al 12 settembre sarà visibile un cospicuo numero di disegni provenienti da diversi musei europei e da una collezione privata americana.
Leggi il resto nel numero in edicola

Ottant’anni a colori - GIANNI BORTA. Importante traguardo per il maestro udinese simbolo dell’astrattismo naturalistico. Dall’infanzia nel quartiere di Chiavris alle mostre personali in giro per il mondo
I n questi ottant’anni Gianni Borta non ha mai smesso di sognare a occhi aperti, esattamente come fanno i bambini. Forse è proprio questo il segreto della sua splendida forma al taglio di un prestigioso traguardo anagrafico. Nato il 5 aprile 1941, il pittore dei colori sgargianti, ha nutrito la sua passione per l’arte fin dalla culla perché proprio nell’arte ha cercato il segreto della vita e il segno di Dio.
Leggi il resto nel numero in edicola

Ma non si era detto: estate senza concerti? - APPUNTAMENTI quasi a livelli pre-pandemia per i mesi ‘caldi’ in regione. Da Lignano e Grado a Udine e Trieste, tutti gli eventi principali di una stagione che solo poche settimane fa pareva morta prima di iniziare. E invece ci sono già i primi ‘sold out’
Un paio di mesi fa, la situazione era ‘fluida’ e gli organizzatori manifestavano scarso ottimismo sull’estate 2021. Nel migliore dei casi, sostenevano, sarà una replica di quella passata, con appuntamenti all’aperto contingentati, in sicurezza, in stragrande maggioranza con artisti italiani. E’ bastata invece la discesa della curva epidemica col boom dei vaccini, ben prima dell’attesa ‘zona bianca’, per veder apparire stagioni (quasi) da anni d’oro, festival ricchi di ospiti e addirittura i primi sold out a settimane dalle date annunciate!
Leggi il resto nel numero in edicola

E la panchina e’ ancora zona gialla - IL VALZER DEI TECNICI in serie A pare aver risparmiato - per ora - l’Udinese. Negli ultimi anni, gli allenatori confermati hanno ricevuto l’Ok in pochi giorni, ma c’è chi ha aspettato settimane per l’addio
Mai come oggi, la famosa affermazione secondo cui “il destino di un allenatore dipende dai risultati” suona veritiera in casa Udinese. L’incertezza sul futuro della panchina dei friulani, che si sta protraendo molto oltre il termine della stagione, rende davvero difficile capire quale sarà la decisione della proprietà sulla guida tecnica della prossima stagione.
Leggi il resto nel numero in edicola

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori