Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 5 febbraio 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 5 febbraio 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 5 febbraio 2021

Pirati al telefono - Le proposte commerciali sono sempre più invadenti. Ecco come difendersi

Pirati del telefono all’arrembaggio - SENZA TREGUA. Il rapporto tra utenti e compagnie telefoniche resta complicato, tra addebiti non dovuti, rincari imprevisti e disservizi
Poche cose sono immutabili quanto l’arrembaggio costante agli utenti delle compagnie telefoniche. Ne scriviamo da anni ma, nonostante i passi avanti, compiuti grazie all’avvento del Codice del consumo o al lavoro dell’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni (Agcom) e dei Corecom regionali, l’impressione è che gli utenti restino in balia dell’insaziabile fame di profitti delle compagnie, non bilanciata a sufficienza da sanzioni abbastanza incisive da spingerle a cambiare finalmente rotta.
Leggi il resto nel numero in edicola

Le compagnie fanno cadere la linea - ORDINARIA ARROGANZA. Ecco alcuni casi di comportamento scorretto dei gestori telefonici, tra mancate risposte, ritardi e colpi bassi per accaparrarsi nuovi clienti

"Attenzione che con la prossima bolletta scattano aumenti del 20 per cento. Se vuole può cambiare contratto la facciamo contattare da un nostro addetto". Alla telefonata successiva arriva la proposta di una nuova compagnia. E’ uno dei casi di arrembaggio commerciale accaduto di recente a un friulano che si è rivolto all’associazione Consumatori attivi. A raccontarcelo Raffaella Bizzozero che si occupa dei contenziosi con le compagnie telefoniche e ci conferma che i problemi restano sempre gli stessi.
Leggi il resto nel numero in edicola

Senza centro non c’è equilibrio - GIANCARLO CRUDER. In politica mancano le idee che vanno oltre il proprio naso. Basterebbe rileggere la legge della ricostruzione per capire come avere una macchina amministrativa efficiente ed efficace
“Ho l’impressione che i politici di oggi facciano spesso discorsi ‘alti’, ma non ‘lunghi’: quelli cioè che guardano oltre il proprio naso. E questa è l’unica nostalgia che ho del passato”. Così Giancarlo Cruder, uomo legato profondamente a un centro che oggi è inconsistente, atomizzato e per niente incisivo. Tarcentino, classe 1947, democristiano doroteo, è stato presidente del Consiglio regionale dal 1994 al 1996 quando fu nominato presidente della Giunta: “Un incidente della storia… non sapevano chi nominare alla guida del Friuli-Venezia Giulia” scherza.
Leggi il resto nel numero in edicola

San Francesco, tesoro dimenticato - UDINE. La chiesa sconsacrata è un monumento nazionale sottovalutato. Un prezioso volume porta alla scoperta dell’edificio e dei suoi capolavori
La chiesa di San Francesco di Udine, pur essendo uno dei più antichi edifici della città di Udine riconosciuto anche come monumento di interesse nazionale, è forse sottovalutato dai friulani, che riconoscono più facilmente Duomo e castello come simboli della città. Questa disaffezione è iniziata nella seconda metà del 1700 con il trasferimento dei frati minori alla chiesa del Carmine ed è proseguita fino ai giorni nostri.
Leggi il resto nel numero in edicola

La app inclusiva è pronta al decollo - UDINE. Entro marzo Willeasy aiuterà le persone con esigenze specifiche a trovare le strutture attrezzate per le loro necessità. Nel frattempo continua la campagna di raccolta di capitali
Arriverà sul mercato entro marzo Willeasy, la prima piattaforma italiana a misura di inclusione, che permette alle persone con esigenze specifiche - dovute a disabilità, età avanzata, allergie e intolleranze alimentari, viaggiatori con animali - di trovare gli eventi e le strutture attrezzate per le loro necessità, come ristoranti, hotel e musei.
Leggi il resto nel numero in edicola

Una bussola ci guida nel labirinto dei bonus - LA LEGGE DI BILANCIO conferma agevolazioni già esistenti e ne introduce di nuove, ma il pericolo sono la confusione e la mancanza di efficacia
Il 2021 si potrà definire l’anno dei bonus. La Legge di bilancio infatti, oltre a confermare agevolazioni già esistenti, ne ha introdotte diverse per aiutare famiglie e persone in difficoltà. L’elenco dei provvedimenti è corposo e significativo...
Leggi il resto nel numero in edicola

L’identità friulana tra Attila e il leone di San Marco - ‘IMMAGINARE IL PATRIARCATO’ è il titolo del progetto cui sta lavorando l’associazione IoDeposito: artisti e scrittori regionali e internazionali al lavoro su un ‘ipertesto multimediale’ che riassume il concetto non solo politico di ‘Patrie dal Friûl
Il 2020 ha stoppato la maggior parte delle nuove produzioni, comprese quelle legate al ‘tema unico’ dettato dalla Regione: la tanto discussa fine del Patriarcato di Aquileia, interpretata come vera provocazione da chi intravede nella supremazia del leone di San Marco sull’aquila patriarchina una sorta di parallelismo con il presente.
Leggi il resto nel numero in edicola

I drammi ancora aperti del confine orientale - MAURO TONINO in ‘Italiani dimenticati’ torna a scrivere di foibe, esodo e conflitti etnici
Una questione complessa, quella del ‘confine orientale’, ancora fortemente divisiva nel Paese, nonostante l’istituzione del ‘Giorno del ricordo’ il 10 febbraio. Dimenticare o mistificare la storia – che tende a ripetersi, in forme nuove, ma sempre tragiche – non è la strada scelta dall’udinese Mauro Tonino, già sindacalista, animatore e presidente di circoli culturali.
Leggi il resto nel numero in edicola

“Abbiamo perso tutto, resta solo la rabbia” - 'UDINE 2.0’ è il nuovo singolo del rapper italo-colombiano Il Guru (al secolo Anthony Pali): “Tornare nella mia città dopo anni a Milano è stato un trauma, ma mi ha fatto capire che il rap deve schierarsi con gli ‘ultimi’...
È un brano destinato a fare rumore e a dividere il pubblico tra chi l’amerà e chi l’odierà, senza vie di mezzo. “Questo è il Friuli fratello mio/ Udine è il diavolo insieme a Dio/ più le bestemmie che le preghiere”: è l’inizio di Udine 2.0, il nuovo brano del rapper italocolombiano Il Guru (al secolo Anthony Pali), disponibile da pochissimi giorni online con un video ‘esplicito’ (come si sarebbe detto una volta), realizzato in maniera un po’ ‘acrobatica’.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il ribaltone e’ arrivato a gennaio - POCHE MA INCISIVE le operazioni del mercato di ‘riparazione’, che potrebbero costringere Gotti a dover cambiare ancora la fisionomia della squadra, comprese le certezze appena acquisite
Il mercato di riparazione ha portato per mister Gotti e il suo staff un nuovo scossone, dopo quello successivo alla trasformazione estiva della squadra. Ma, stavolta, il Covid c’entra davvero poco. Fa strano, forse, parlare così, visto che di fatto è arrivato un solo volto nuovo, Llorente. Il punto è che sono partiti due titolari come Lasagna e Mandragora e ricambi che corrispondono alle figure di Coulibaly, Ter Avest e Nicolas.
Leggi il resto nel numero in edicola

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori