Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 7 maggio 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 7 maggio 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 7 maggio 2021

Non stiamo più in piedi - Crollo dei residenti e ‘sorpasso’ degli anziani sui giovani

In un anno spariti ben 7.463 abitanti - RITORNO AL 2004. Residenti scesi sotto la soglia del milione e 200mila, come sedici anni fa. In teoria non è un problema, se nello stesso tempo gli anziani non fossero aumentati di quasi 60mila e i giovani diminuiti di 100mila
In Friuli-Venezia Giulia siamo di meno, molti di meno. Secondo i più recenti dati dell'Istat, la nostra regione conta oggi 1.198.753 abitanti, scendendo così sotto la soglia 'psicologica' dell'1,2 milioni. Nel solo ultimo anno, complice la pandemia che ha portato al doppio record di più morti e meno nascite, i residenti sono diminuiti di 7.463 unità. Un livello che ci riporta indietro di sedici anni, al 2004.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il Lussari ha perso il friulano - TARVISIO. Nello storico santuario le messe sono state sempre recitate in quattro lingue, fino alla morte del rettore Mateucig. Purtroppo, non c’è nessuno che prende il suo posto

Il Santuario di Monte Santo di Lus - sari è uno storico punto di riferimento da oltre sei secoli per tre comunità di fedeli: quella carinziana, quella friulana e quella slovena. Uno degli aspetti che ha sempre voluto preservare e che impressiona positivamente i tanti turisti che giungono su questa cima delle Alpi Giulie è la convivenza linguistica anche nella liturgia.
Leggi il resto nel numero in edicola

Una farfalla per i 90 anni della cantina cooperativa - CASARSA. L’importante traguardo de La Delizia porta una rinnovata strategia, ancora più attenta alla qualità e alla sostenibilità. E l’immagine di arricchisce di un nuovo simbolo
Il 7 maggio del 1931 veniva inaugurata quella che è diventata la Cantina cooperativa viticoltori friulani La Delizia che rappresenta ben 400 aziende viticole e quasi 2.000 ettari vitati e che, con una produzione annuale di 23 milioni di bottiglie, si pone come punto di riferimento nel panorama vitivinicolo nazionale, riconosciuta come una delle più rilevanti realtà per l’economia della regione.
Leggi il resto nel numero in edicola

Caro ministro ti scrivo... - CIVIDALE. Il produttore vinicolo Paolo Rodaro lancia suggerimenti su gestione fondi agricoli, burocrazia, polizia e istruzione
Il noto produttore vitivinicolo cividalese Paolo Rodaro ha deciso di intraprendere carta e penna e scrivere a quattro ministri per fornire suggerimenti ispirati alla sua esperienza personale e professionale.
Leggi il resto nel numero in edicola

Turismo: una stagione in sospeso - A PESARE È L’INCERTEZZA sulle misure che regoleranno l’estate. Turisti stranieri ancora ‘non pervenuti’, italiani appesi a mille dubbi, pur con la possibilità di disdire alberghi e appartamenti anche a ridosso del soggiorno
Dopo mesi di restrizioni, confinamenti, coprifuochi, l’imminente estate porta con sé il profumo di libertà. Un aroma che è ancora una speranza e che assolutamente mescolato con le più attente misure di precauzione, anche se ad alimentare le aspettative c’è l’avanzamento della campagna vaccinale. A tutti i livelli l’allentamento delle misure è stato accompagnato dall’appello ad agire con prudenza e a non sentirsi autorizzati a dimenticare le regole per ridurre il rischio di contagio. Ciò nonostante c’è voglia di vacanza e gli italiani si stanno preparando a trascorrere al meglio le ferie.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il ‘piano B’ per i festival tutti in presenza - DOPO LE VERSIONI ‘DIGITALI’ del 2020, i principali appuntamenti in regione, da Udine a Lignano, da Gorizia a Pordenone, spostati nel tempo per garantire edizioni quasi come prima della pandemia. Tutte le date annunciate
Lo scorso anno sono arrivati con un po’ di affanno, ma molti ce l’hanno fatta a realizzare anche ‘in presenza’ buona parte del programma. Stavolta, in pieno lockdown, si è pensato subito a un ‘piano B’ per i numerosi festival letterari della regione, che al di là dell’indubbio valore culturale rappresentano un sostegno indispensabile al settore turistico in questi tempi incerti. La soluzione?
Leggi il resto nel numero in edicola

Forza e cultura affidate alle donne - SETTIMANA DELLA CULTURA FRIULANA. Tre protagoniste del Friuli di oggi raccontano le loro esperienze in ambiti professionali diversi fatte di passioni, successi e difficoltà.
La Settimana della Cultura Friulana, da poco avviata, propone numerosi eventi che si possono vedere direttamente dal sito della manifestazione www.setemane.it. Sempre sul sito è possibile consultare il ricco programma che spazia dalle conferenze agli spettacoli teatrali alle presentazioni di libri e di altri contenuti di interesse culturale.
Leggi il resto nel numero in edicola

I sopravvissuti dei paesi fantasma - DAVIDE DEGANO. Il fotografo friulano, con studi in Olanda, nel libro “Sclavanie” racconta lo spopolamento delle Valli del Natisone e del Torre, traguardando però un loro possibile rilancio ambientale, sociale e culturale
Basta un reportage fotografico per compiere un’analisi storica, ambientale e sociale? Ci prova Davide Degano con il suo libro “Sclavanie”, che raccoglie le immagini dei luoghi della sua infanzia, tra Valli del Natisone e Prealpi giulie, quelle che in termini etnografici sono definite orma le Ghost town a causa dello spopolamento subito nel corso degli anni. Trent’anni, originario di Faedis, laureato in fotografia alla Royal Academy of Art (Kabk), all’Aia, Degano si divide tra Olanda e Venezia. La sua pubblicazione può essere prenotata sulla piattaforma di crowd funding ‘Produzioni dal basso’.
Leggi il resto nel numero in edicola

“Non c’è più ‘bene’ e ‘male’, solo erbacce” - STEFANO MONTELLO rinuncia al friulano per il suo primo, vero album solista, ‘Sei pezzi facili’, uscito per ora su piattaforma digitale. “Non so se gli Flk torneranno assieme: forse quello che dovevamo dire, lo abbiamo già detto, però abbiamo toccato il cuore delle persone, facendo anche politica”
Ormai 30 anni fa, con i Mitili Flk, inaugurava la stagione della gnove musiche furlane con il primo rap in marilenghe, Ratatuie, anche se oggi preferisce parlare di ‘spoken poetry’ e spiegare la scelta stilistica con “la voglia di uscire dalla gabbia della melodia, con rabbia e libertà. Anche se non riesco ancora a farmi piacere i rapper...”.
Leggi il resto nel numero in edicola

Ora i punti sono per il decimo posto - UNA VOLTA RAGGIUNTA la salvezza, l’Udinese ha la tendenza a rallentare nel finale. Per evitare il fastidioso trend, Pozzo ha fissato un nuovo obiettivo, il più alto degli ultimi otto anni
Qualche settimana fa, quando ancora l’Udinese infilava con una certa costanza risultati positivi, il Paron si era lasciato andare a sogni di gloria. Niente di che, per la verità, visto che nell’ambiente friulano c’è stato chi ha pensato si potesse puntare anche più in alto. Il tifoso numero uno ha posto un nuovo obiettivo, comunque ragionevole: il decimo posto.
Leggi il resto nel numero in edicola

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori