Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 8 maggio 2020

Il Friuli in edicola, venerdì 8 maggio 2020

Il Friuli in edicola, venerdì 8 maggio 2020

Archimedi antivirus - Spremuta di meningi: l’emergenza sanitaria ha spinto aziende e progettisti friulani a ideare prodotti e servizi davvero geniali

L’emergenza aguzza l’ingegno - NUOVI ARCHIMEDE. La pandemia ha fatto emergere necessità che prima erano sottovalutate. In aiuto è arrivato un piccolo esercito di 'inventori' che ha dato vita a un mondo di innovazioni più o meno geniali
La necessità aguzza l’ingegno. Mai come in questo momento di emergenza il proverbio latino diventa attuale. La chiusura totale di aziende e attività commerciali, di cui soltanto adesso, dopo trenta giorni, s’intravede la parziale riapertura, ha inasprito la crisi che aveva già messo in ginocchio molti. Per non cadere in un baratro ancora più profondo, anche nella nostra regione più di qualcuno si è trasformato in un novello Archimede...
Leggi il resto nel numero in edicola

Idee che danno una boccata d’ossigeno - OBIETTIVO SALUTE. Sempre innovative, ma attente alla salute: sono le invenzioni di medici, studenti e ricercatori in prima linea

Una maschera da snorkeling trasformata in respiratore per pazienti affetti da Covid, grazie a un raccordo realizzato con una stampante 3D, è una delle idee più utili e geniali di questa emergenza.
Leggi il resto nel numero in edicola

Inizia l’era degli autobus su richiesta - FASE 2. Tra le linee guida della Regione per il trasporto pubblico locale, c’è anche la possibilità di prenotare le corse o i posti sui mezzi tramite call center o una App
Ricominciano le attività produttive e riprende anche il trasporto pubblico locale, dedicato ai lavoratori che non si muovono con la propria auto. Le condizioni, però sono differenti rispetto a prima del lockdown perché le norme di sicurezza sanitaria impongono decisivi cambiamenti.
Leggi il resto nel numero in edicola

Aeroporto: il mercato non decolla - ARIA DI CRISI. Trieste Airport non riaprirà prima del 17 maggio, ma il vero problema è il crollo della domanda. “Ci vorranno almeno due anni per tornare ai numeri del 2019” dice l’Ad
Nel 2019 a prendere il volo dal Trieste Airport, lo scalo regionale di Ronchi dei Legionari, sono state 800.000 persone. Un dato significativo, soprattutto considerando che ha indicato una crescita dell’1,4% rispetto all’anno precedente.
Leggi il resto nel numero in edicola

Fase 2: si apre la caccia alle badanti - DOMANDA IN CRESCITA. Sempre più friulani cercano un’assistente domestica per accudire i propri cari, ma i candidati cominciano a scarseggiare
Molte badanti sono tornate nei Paesi d’origine prima di restare bloccate, altre sono rimaste senza lavoro in concomitanza con le misure d’emergenza e non trovano nuovi assistiti a causa del timore delle famiglie per il contagio, e altre ancora non possono rientrare in Italia a causa dei limiti imposti alle frontiere. Questi sono solo alcuni dei problemi emersi in questi mesi e riguardano i lavoratori regolari.
Leggi il resto nel numero in edicola

Molto governo... e pochissimo parlamento - LE FONTI DELL’EMERGENZA. Critiche all’uso dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri per la ‘gestione ordinaria’ di una ‘emergenza straordinaria’
La forma di governo scelta dalla Costituzione, elaborata dall’Assemblea costituente dopo il referendum del 2 giugno 1946 ed entrata in vigore il 1° gennaio 1948, è quella della Repubblica parlamentare. In parole povere, la gestione del potere sovrano è affidata, nel nostro Paese, al raccordo tra l’organo posto al vertice del potere esecutivo, il Governo, e l’organo detentore del potere legislativo, il Parlamento. Detto diversamente, ma la sostanza non muta, il Governo può agire (per amministrare e per determinare la politica generale interna ed estera dell’Italia) solo se, quando e fino a quando gode della fiducia della maggioranza parlamentare.
Leggi il resto nel numero in edicola

Eredità francese che schiaccia le identità - NOI E GLI ALTRI - 2. In Italia l’impostazione di base è ancora quella ‘importata’ da Napoleone. Nel corso del tempo, soprattutto negli ultimi decenni, l’architettura istituzionale è stata ulteriormente ingarbugliata
Sin dopo la fine della Seconda guerra mondiale, di fatto, l’Italia ha mantenuto l’articolazione amministrativa ‘alla francese’ basata sulle Province (una novantina) e i Comuni (oltre ottomila). Le Province furono identificate e dimensionate in base alle esigenze di collocamento sul territorio di uffici e funzioni dello Stato e solo parzialmente sulla base delle comunanze storiche e culturali delle comunità ricomprese.
Leggi il resto nel numero in edicola

Bilanci sull’orlo di una crisi di nervi - MUNICIPI SOTTO ASSEDIO. I Comuni stanno affrontando come possono l’emergenza sociale e si preparano a sostanziose riduzioni degli introiti
Il lungo blocco causato dall’emergenza sta influendo sugli equilibri dei bilanci comunali. Molti si chiedono quali saranno i suoi effetti a fine anno, quando saranno ormai chiare le cifre a disposizione per allestire il bilancio preventivo del 2021. Nessuno degli amministratori locali ascoltati pare troppo incline all’ottimismo. Anzi, tutti si stanno attrezzando per far fronte alla brusca frenata dell’economia.
Leggi il resto nel numero in edicola

Una nuova casa per i gatti randagi - AIELLO. Al via i lavori per la nuova sede dell’oasi felina dell’associazione ‘Amici di Poldo’, che in una struttura a impatto zero potrà ospitare un centinaio di animali, un ambulatorio veterinario, un parco e offrirà servizi di pet therapy
Il lockdown ha congelato il Paese per alcune settimane, ma per fortuna non ha stoppato definitivamente i progetti per una realtà migliore. Nella Bassa friulana, infatti, prende consistenza la realizzazione della più grande oasi felina della regione, con struttura di ricovero e custodia. A gestirla sarà l’associazione di promozione sociale ‘Gli amici di Poldo’, che attualmente si occupa di un centinaio di felini a San Vito al Torre.
Leggi il resto nel numero in edicola

Raccontare storie: il rimedio contro le pandemie - DALLA PESTE AL COVID, la letteratura si è ispirata ai monenti più tragici della storia: dalle cronache di Paolo Diacono al ‘Decamerone digitale’ di oggi, passando per il capolavoro di Boccaccio, ambientato anche a Udine
Sin dalla notte dei tempi, l’uomo ha dovuto fare i conti con le pandemie e le contromisure, ossia l’isolamento. Già il monaco cividalese Paolo Diacono, nella sua Historia Langobardorum, raccontò nell’8° secolo la cosiddetta ‘peste di Giustiniano’ che tre secoli prima aveva decimato la popolazione in Italia, “fino ai confini degli Alamanni e dei Bavari”, al punto che “il mondo era ridotto al silenzio dei primordi. Nessuna voce nei campi, nessuna ombra di alcun passante”.
Leggi il resto nel numero in edicola

Le radici della nostra conflittualità - PASSATO PRESENTE. La storia dei friulani è caratterizzata da frammentazione in clan, partiti, gruppi avversari. Per risolverla è sempre stata utilizzata la figura del mediatore, spesso esterno. E proprio nei periodi di crisi emergono quelli pronti a sostituire le vecchie èlite
Conflittualità, mediazione, identità: sono concetti tra loro collegati e che costantemente attraversano, incrociandoci e mescolandosi, la storia del Friuli almeno negli ultimi tre secoli. Lo ha riscontrato Roberta Corbellini, esperta di fonti per la storia del territorio e della popolazione, già direttrice dell’Archivio di Stato di Udine fino al 2014, che attualmente collabora con riviste e centri di ricerca storica.
Leggi il resto nel numero in edicola

Le nostre case come musei - ENZO COMIN, artista pordenonese da anni attivo nell’ambito della fotografia pittorica, offre le sue opere in prestito temporaneo a chiunque lo richieda con l’iniziativa ‘You are the art’
L’emergenza stimola la creatività: lo conferma l’iniziativa dell’artista pordenonese classe 1979 Enzo Comin, che da anni ha concentrato la sua ricerca sulla fotografia pittorica, utilizzando vecchie pellicole e macchine fotografiche (o fotocamere modificate) per un progetto visionario che combina foto e poesia. L’idea – semplice e diretta, ma innovativa – è quella di offrire in prestito a chiunque lo chieda una delle sue opere, per rendere anche le nostre case un angolo d’arte, in questi tempi difficili.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il coronavirus odia il rock friulano - ‘VIA COL VENTO’, il terzo video dell’ultimo album di Franz Merkalli & Tellurika, metallari col gusto spiccato per l’ironia, è rimasto incompleto proprio quando mancava solo il contributo della band citata nel ritornello...
Inni nazionali al balcone, canzoni strimpellate al computer durante la quarantena, uscite discografiche così ridotte nel numero che le classifiche ufficiali, tra un po’, saranno costrette a inserire anche i jingle pubblicitari per far numero. Il Covid-19 ha cambiato le vite, le passioni e quello che chiamavamo ‘tempo libero’. Al punto che le piccole storie non trovano spazio se non sono ‘eroiche’, esemplari, riconducibili alla tragedia collettiva.
Leggi il resto nel numero in edicola

Onde Furlane guarda al passato, anche in digitale - L’EMITTENTE IN MARILENGHE continua le celebrazioni per il quarantennale con la sistemazione dell’archivio e la trasmissione di programmi con voci storiche
Durante questo periodo caratterizzato da restrizioni, Radio Onde Furlane ha continuato a svolgere il suo lavoro quotidiano di produzione e diffusione di cultura, intrattenimento e informazione.
Leggi il resto nel numero in edicola

Fase 3: inizia il valzer dei tecnici - IL MISTER BIANCONERO si sarebbe dovuto giocare la permanenza sulla panchina della prima squadra nel finale di stagione: potrà farlo solo in caso di ripresa del campionato
Il lockdown che ha fermato il Paese ha provocato danni in tutti i settori e quello dello sport non fa eccezioni. Finora i temi principali sono stati quelli della ripresa dei tornei, dei pagamenti dell’ultima parte dei diritti tv e degli stipendi ai giocatori. Ma il dorato mondo del pallone non può ignorare figure importanti come quelle degli allenatori. L’improvviso stop al campionato si è abbattuto in maniera pericolosa soprattutto su chi si trova ad affrontare situazioni precarie, tipo i tecnici che hanno trovato panchina in corsa accettando contratti per pochi mesi. Si sono messi in gioco, hanno rischiato e adesso vivono più di altri l’incertezza di questo anno critico.
Leggi il resto nel numero in edicola

VOTA LA MISS AI TEMPI DEL COVID - La bellezza non va in quarantena: lettori protagonisti del concorso Miss Andratuttobene, un progetto ideato dall’agenzia Mecforyou per stare vicini e sfilare anche se siamo lontani (qui il link)

Omaggio alle lettrici per la festa della mamma
Le mascherine anti-Covid, prima; le bustine di semi, poi; e le creme anti-età, oggi, alla vigilia della Festa della Mamma: piccoli gesti che abbiamo realizzato insieme ai nostri partner - questa volta, la Bakel di Udine - per essere vicini ai nostri lettori, oltre che con le notizie e le informazioni, anche in alcuni momenti della vita quotidiana. Come quelli che danno concretezza al grande valore delle nostre donne e delle nostre mamme e che ci ricordano anche, anche ai tempi della pandemia, la bellezza è un valore, qualunque essa sia. E nes
sun virus è più forte della bellezza di una mamma. Mediafriuli vuole affermarlo anche in un momento così difficile. E vuole farlo insieme ai suoi lettori. Perchè crediamo che il futuro sarà bello e lo costruiremo INSIEME. Anzi, abbiamo già cominciato.

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Green

Life Style

Gli speciali

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori