Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 8 ottobre 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 8 ottobre 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 8 ottobre 2021

Patente per lavorare - Cosa succede dal 15 ottobre con le nuove regole contro il virus. Ecco chi rimarrà a casa senza stipendio

Dal 15 ottobre senza pass non si lavora - NODI AL PETTINE. Ancora molti lavoratori non si sono vaccinati. Il numero di tamponi da effettuare è destinato a crescere in maniera esponenziale, ma crescono le preoccupazioni che nelle aziende si registrino molte assenze
Dal 15 ottobre e fino alla fine dell’anno sarà necessario essere dotati di green pass per poter accedere al posto di lavoro. Chi non potrà esibirlo sarà allontanato e la sua assenza sarà ingiustificata. Detto in parole povere, si starà a casa senza stipendio. La norma riguarda tutti, lavoratori pubblici e privati con la sola eccezione dei...
Leggi il resto nel numero in edicola

Il sistema dei tamponi rischia di non reggere - FARMACISTI PREOCCUPATI. Il grido di allarme di Luca Degrassi, presidente di Federfarma Fvg: il rapido aumento della richiesta di controlli sta saturando la capacità di dare risposte

Dallo scorso agosto le farmacie del Fvg rappresentano un elemento molto importante del sistema allestito per effettuare i tamponi, ma nei prossimi giorni e, soprattutto, a partire dal 15 ottobre quando il green pass sarà obbligatorio per poter lavorare, rischiano di essere travolte da uno tsunami. Lo conferma il presidente di Federfarma Fvg, Luca Degrassi.
Leggi il resto nel numero in edicola

Solo l’unità premia - LEGA SALVINI PREMIER. Incrementa le preferenze e aumenta il numero di amministratori. Per il segretario Marco Dreosto il centrodestra dove si presenta unito vince sempre
Uniti si conta e si vince, in Europa come nel più piccolo dei comuni friulani. È questa la morale che trae il segretario regionale della Lega Salvini Premier, Marco Dreosto, alla luce dei risultati delle recenti elezioni amministrative.
Leggi il resto nel numero in edicola

Dopo le città, tocca ai paesi - PARTITO DEMOCRATICO. Prima forza nei grandi centri, ma ancora debole in provincia. Per il segretario Cristiano Shaurli il Pd soffre ancora di solitudine e per questo apre il cantiere di una grande alleanza progressista per le Regionali del 2023
Dalle città ai paesi. È questo il percorso che propone il segretario regionale del Pd, Cristiano Shaurli, per rafforzare l’onda di ripresa del proprio partito e guardare con fiducia all’appuntamento con le Regionali del 2023. Se nei municipi di maggiori dimensioni, infatti, si è spesso affermato quale forza più votata, nella profonda provincia, compresa quella friulana, deve ancora recuperare molte posizioni.
Leggi il resto nel numero in edicola

I rifugi del Fvg lanciano la sfida ai trentini - TUTTA UN’ALTRA MONTAGNA. La testimonianza di Federico Puzzolo, gestore di un rifugio a Rigolato, convinto servano proposte alternative a quelle del turismo di massa
I rifugi non sono alberghi stellati in quota, ma luoghi nei quali vivere una natura il più incontaminata possibile e trovare chi ti guida e ti spiega cosa ti circonda. “Ecco perché i nostri rifugi - sottolinea Federico Puzzolo, che gestisce a Rigolato, assieme alla socia Debora Bolt, il rifugio Chiampizzulon - non devono fare l’errore di diventare una sorta di Disneyland in alta quota come è avvenuto in Trentino”.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il dono del sangue torna nelle scuole - UDINE. L’autoemoteca dell’Afds fa tappa all’istituto Malignani nel ricordo della studentessa Silvia Piccini, promessa del ciclismo travolta da un’auto lo scorso aprile
Con l’inizio dell’anno scolastico, riparte anche l’attività delle sezioni studentesche dell’Associazione friulana donatori di sangue (Afds). Tra i primi appuntamenti in programma la donazione di gruppo della sezione Malignani che si terrà mercoledì 13 ottobre grazie all’autoemoteca che parcheggerà così nel piazzale dell’istituto di via Leonardo da Vinci a Udine.
Leggi il resto nel numero in edicola

Ute: ritorno alla normalità - UDINE. Il quarantesimo anno accademico dell’Università della Terza Età ‘Naliato’ punta a recuperare i numeri pre-Covid. Tra le nuove iniziative quelle per recuperare il piacere del contatto fisico e della convivialità. Prolusione inaugurale affidata a don Alessio Gerett
Al via il quarantesimo anno accademico dell’Università della Terza Età di Udine, che assieme a quella di Trieste è la prima della regione e tra le più antiche in Italia. Ed è l’anno di una faticosa ripartenza, visto che l’emergenza sanitaria ha penalizzato non poco anche le attività di questa istituzione formativa e ricreativa.
Leggi il resto nel numero in edicola

Casa Cavazzini riapre con i giganti - ‘LA FORMA DELL’INFINITO’ inaugura una nuova stagione per il Museo d’arte moderna e contemporanea, che punta a trasformare Udine in una città di richiamo per gli appassionati da tutto il mondo. Ultimo arrivo: Gaugin
Per Casa Cavazzini sarà una specie di ‘seconda inaugurazione’. Aperto nel 2012 dopo una lunga ristrutturazione su progetto dell’architetto Gae Aulenti, il Museo d’arte moderna e contemporanea di Udine riapre sabato 16 dopo un nuovo, significativo intervento da 1,2 milioni di euro, che permette di rispettare gli standard richiesti nell’ambito del circuito espositivo internazionale.
Leggi il resto nel numero in edicola

Misteri, il metal è meglio di Giacobbo - I CELTIC HILLS, band di hard & heavy della ricca scena regionale, ricevocano narrazioni e leggende anche locali nei loro album, come l’ultimo ‘Mystai Kaltoy’: un successo di critica che ha ormai superato i confini nazionali
Camminiamo su una terra piena di storia e attorno (o sotto) a noi spesso si celano dei misteri che la fonti ufficiali faticano a svelare. Forse solo Roberto Giacobbo, ai tempi di Stargate e Voyager, col suo mix di informazioni ed entertainment, sarebbe riuscito a far luce su alcuni misteri del nostro Friuli!
Leggi il resto nel numero in edicola

Di nuovo i talenti - L’Udinese e’ tornata alla politica che in passato ha dato tante soddisfazioni: quella della ricerca e valorizzazione di giovani promesse. Un’infornata estiva di nuove leve
Un’infornata consistente di nuove leve: è questa la caratteristica principale del mercato estivo 2021. E si può ben dire, ora, che ci sia stata una effettiva svolta nelle strategie di mercato. Per la verità, l’età media della squadra non è bassissima, siamo a 27,7 anni. A ‘pesare’ sono soprattutto le carte d’identità di ‘senatori’ come …
Leggi il resto nel numero in edicola

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori