Home / Il Friuli / Il Friuli in edicola, venerdì 9 aprile 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 9 aprile 2021

Il Friuli in edicola, venerdì 9 aprile 2021

Le lauree sbagliate - Se le aziende non trovano giovani qualificati in materie tecniche e scientifiche la colpa è anche delle famiglie

Pochi ingegneri, ecco i veri motivi - LAUREE RICERCATE. Un’indagine condotta dalla Swg, per conto della Regione, spiega come mai il numero dei laureati in materie tecnico-scientifiche resti così basso. E le aziende fanno sempre più fatica a trovarli
Perché le aziende fanno tanta fatica a trovare laureati in materie tecnico-scientifiche? Per quale motivo molti giovani scelgono quelle umanistiche o peggio si fermano prima entrando a far parte dalla schiera dei lavoratori precoci? Sono alcuni dei quesiti ai quali tenta di offrire una spiegazione l’interessante studio condotto dall’Istituto di ricerca Swg, commissionato dalla Regione. Che le aziende più strutturate fatichino a trovare giovani laureati era noto, ma sulle cause il dibattito era aperto.
Leggi il resto nel numero in edicola

Sulla scelta pesano i pregiudizi - DATI IMPREVISTI. La maggioranza degli intervistati ritiene che per le donne non ci sia spazio nelle lauree tecniche. E molti giovani scelgono di andare all’estero

La difficoltà del sistema formativo nel produrre giovani preparati nel settore tecnico-scientifico è nota, ma poco si conosce delle cause di questo problema, analizzate invece dallo studio condotto dalla Swg di Trieste per conto della Regione Fvg. L’indagine ha coinvolto, come ci ha spiegato Giulio Vidotto Fonda, direttore di ricerca di Swg, una platea di interlocutori molto ampia, cominciando a intervistare gli imprenditori mediante colloqui con i vertici di dieci tra le principali aziende della nostra regione per poi verificare la prospettiva dei giovani dentro e fuori i percorsi scientifici arricchendo il tutto con dati ufficiali europei, nazionali e regionali per cercare di comprendere le varie sfaccettature ed evitare di essere auto referenziali.
Leggi il resto nel numero in edicola

Idee oltre i partiti - ROBERTO MOLINARO. Con un curriculum politico e amministrativo tutto nel mondo della scuola, per l’ex assessore regionale oggi più che i ‘contenitori’ conta di più la capacità progettuale. “Purtroppo in questa partita non sto vedendo lanci lunghi”
Fu Roberto Molinaro il 14 maggio 2012 a porre in sede di Commissione Paritetica Stato-Regione, su mandato della giunta regionale presieduta da Renzo Tondo, la richiesta di una nuova norma di attuazione dello Statuto relativa alle competenze regionali in materia di istruzione, quale leva per dare un futuro al nostro territorio. Oggi, a quasi dieci anni di distanza, questo è un obiettivo che l’attuale amministrazione regionale continua a portare avanti, mentre l’ex assessore (che il 9 aprile, giorno di uscita del giornale, compie 64 anni) si è rituffato nella vita quotidiana della scuola friulana.
Leggi il resto nel numero in edicola

Gli altri morti Covid dei quali non si parla - IMPATTO DEVASTANTE. L’aumento in Fvg della mortalità causata direttamente dalla pandemia è evidente, ma i dati mostrano anche quante numerose siano le vittime indirette
La pandemia e la maniera nella quale è stata gestita sta presentando un conto molto pesante, in termini di vittime, ma sulla base dell’analisi compiuta da Paolo Pischiutti, ex direttore del Dipartimento di prevenzione e responsabile della Soc di Igiene e Sanità pubblica della ‘fu’ Azienda 3 “Alto Friuli” nonché ex direttore dell’Area prevenzione della Direzione centrale Salute della Regione, emerge che questo conto è e sarà, se possibile, ancora più salato.
Leggi il resto nel numero in edicola

Zona aperitivo - UDINE. Il fotografo Giulio Magnifico ha raccontato per immagini il centro cittadino, luogo classico di ritrovo per migliaia di persone, nelle giornate del recente lockdown
Immagini struggenti di una città spettrale. Sono quelle immortalate dal fotografo udinese Giulio Magnifico che nei giorni più duri dell’ultima zona rossa che ha interessato il Friuli ha voluto raccontare con il suo occhio la vita nel centro cittadino, quello per intendersi che normalmente è affollato da migliaia di persone all’ora dell’aperitivo. E invece, negozi non essenziali chiusi, bar aperti solo per asporto fino alle 18 e coprifuoco.
Leggi il resto nel numero in edicola

Guerra su quattro fronti - VITO D’ASIO. La Fieste de Patrie è stata celebrata sul Troi dai Asins con la bandiera del Friuli nella versione rossa
Sul ‘Troi dai Asìns’ ad Anduins di Vito d’Asio, diventato ormai luogo simbolo della friulanità, si è ripetuto come ogni anno il ricordo della Fieste de Patrie dal Friûl, in forma rispettosa delle norme sanitarie e commemorando tutte le persone scomparse a causa del coronavirus. Il coordinatore del Troi, Mirko Bellini, idealmente a nome di tutte le friulane e i friulani, ha svolto la cerimonia dell’alzabandiera con il vessillo patriarcale, che da un anno a questa parte è quello di guerra su fondo rosso, a testimoniare la lotta del Friuli contro il Covid-19.
Leggi il resto nel numero in edicola

La rivoluzione digitale è arrivata anche qui - LA CRYPTO ART, il trend del momento, raccontata dall’udinese MattiaC, tra i primi a credere nella novità: “Uno dei miei acquirenti è il collezionista che ha da poco sborsato 70 milioni per un’opera in Jpg da Christie’s”
Ci volevano i soldi, tanti soldi, per rendere ‘famosa’ una nuova tendenza artistica a livello mondiale, la crypto art, di cui avevamo parlato su queste colonne un paio d’anni fa. I fatti: un’opera digitale di Beeple, all’asta da Christie’s, è stata venduta per quasi 70 milioni di dollari, rendendo l’artista americano il terzo (vivente) più valutato al mondo. Il dettaglio: l’opera è un monumentale file Jpg, un collage di 5mila immagini pubblicate in rete nel corso degli anni.
Leggi il resto nel numero in edicola

Il corpo umano, un confine da superare - ‘MIND THE GAP’, fino al 24 aprile a Gorizia, è un progetto d’arte contemporanea ispirato al concetto di ‘limen’ dello psichiatra Franco Basaglia: tre artiste per un tema comune
Nella libreria Studio Faganel di Gorizia è aperta e visibile fino al 24 aprile la quarta edizione di Mind the Gap, progetto d’arte contemporanea promosso da Altreforme con il sostegno della Regione. La mostra – cocurata da Giada Centazzo, Bruno Di Marino e Rachele D’Osualdo – vede protagoniste tre artiste visive che partendo dal tema del limen, significante molto caro allo psichiatra Franco Basaglia, si interrogano intorno alla questione di cosa sia ‘individuo’ e cosa ‘corpo’, tra natura e cultura.
Leggi il resto nel numero in edicola

Quella volta di Dante in Carnia - IGINO PIUTTI. Dopo Marco Polo, lo scrittore ci prova col sommo poeta, trasformando una storia verosimile in una verità storica
Dante Alighieri è stato in Carnia: ci crede veramente Igino Piutti, storico e già autore di un’altra provocazione filologica immaginando Marco Polo sia nato tra queste vallate. Alla domanda se questa volta non gli pare di aver esagerato, la prende alla larga per farsi credibile e risponde: “Diverse sono le possibili soluzioni per un romanzo storico. Io di solito inserisco un personaggio inventato che vive le vicende realmente avvenute, come ne ‘Il Partigiano Gianni’ o ‘Il ritorno del Cosacco’.
Leggi il resto nel numero in edicola

“Pronto un protocollo per ripartire coi live” - LUCA TOSOLINI, organizzatore di grandi eventi con Fvg Music Live ed Eps Italia, mantiene in cartellone i grandi concerti estivi in regione, ma diventa meno ottimista ogni giorno che passa. “Presenteremo in Regione un pacchetto di misure per la riapertura, almeno parziale”
Ricordate l’ultimo concerto ‘vero’ cui avete partecipato, senza distanziamento, misurazione della temperatura e paura dei droplet del vicino? Se per gli spettatori il ‘vuoto’ è psicologico, esiste una categoria, spesso dimenticata (non qui), che ricorda il passato – solo 13-14 mesi fa – come fosse remoto. E intanto, non può far altro che continuare a guardare il ‘rosso’: quello dei propri bilanci!
Leggi il resto nel numero in edicola

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori