Home / Politica / 'Assunzioni, si rischia di aggravare la situazione dei piccoli comuni'

'Assunzioni, si rischia di aggravare la situazione dei piccoli comuni'

Lenarduzzi (Anci) sulla bozza di delibera: “Se guardiamo ai parametri proposti, risultano peggiorativi rispetto a quelli attuali"

\u0027Assunzioni, si rischia di aggravare la situazione dei piccoli comuni\u0027

Approderà lunedì al Comitato Autonomie Locali Fvg la bozza di delibera che ridisegnerà gli spazi per le nuove assunzioni nei comuni regionali ma da più parti si sollevano dubbi, soprattutto tra i rappresentanti delle municipalità medio-piccole.

Franco Lenarduzzi, coordinatore Anci Piccoli comuni, nonché Sindaco di Ruda: “Se guardiamo ai parametri proposti, questi risultato peggiorativi rispetto a quelli attuali regionali e nazionali, soprattutto per i comuni dai 2000 ai 5000 abitanti. Secondo la nuova normativa proposta, gli spazi per le nuove assunzioni, vitali in questo momento difficile e di drammatica carenza di personale nei comuni minori, non sanerebbero l’attuale situazione. Grandi comuni, come quello di Trieste, ne risulterebbero invece avvantaggiati”.

Il riferimento è alle due tabelle, inserite nella bozza di delibera, che definiscono le soglie di possibile incremento dei costi del personale dipendente a tempo indeterminato. Parametri che si definiscono anche sulla base della situazione finanziaria e d’indebitamento della rispettiva amministrazione.

“Con le spese che siamo costretti a sopportare, anche connesse agli aiuti sociali e alle imprese in periodo di pandemia da Covid, non possiamo che prevedere ulteriori difficoltà nell’indebitarci per farci carico di nuove professionalità. Serve fare un ragionamento serio su queste decisioni, lontani da logiche politiche o di territorio, pensando a come i piccoli centri soffrano ancora più dei grandi della mancanza di persone che possano offrire servizi e gestire l’apparto burocratico contro cui anche i piccoli comuni si devono ogni giorno scontrare” aggiunge Lenarduzzi.

Che conclude: "La bozza di delibera è passata troppo velocemente, in questi pochi giorni, senza avere il necessario tempo per le opportune valutazioni, soprattutto sulle ricadute che nel pratico poi verranno riscontrate. Già lunedì il Cal dovrà pronunciarsi. Spero vivamente in un opportuno approfondimento di analisi e magari in un rinvio".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori