Home / Politica / 'Buttrio vara il bilancio, invariati Imu e Irpef'

'Buttrio vara il bilancio, invariati Imu e Irpef'

“In uno scenario inatteso di grandi incertezze abbiamo supportato le famiglie, i lavoratori e gli operatori economici"

\u0027Buttrio vara il bilancio, invariati Imu e Irpef\u0027

“In uno scenario inatteso di grandi incertezze abbiamo supportato le famiglie, i lavoratori e gli operatori economici attivandoci con azioni mirate, e lo stesso impegno sarà garantito anche nel 2021”. Con questa rassicurazione, il Comune di Buttrio ha presentato in consiglio comunale - per la prima volta in diretta streaming - il bilancio di previsione 2021-2023, che pareggia per 8.583.070 euro.

Due le azioni che l’amministrazione comunale ha promosso a sostegno delle attività economiche e delle imprese: l’accollo di parte della TARIP nei confronti della società A&T 2000, per un importo complessivo di circa 38.500 euro, di cui 17.610 euro finanziato con trasferimento della Regione FVG, e l'erogazione di contributi comunali a fondo perduto a sostegno delle attività economiche, di circa 48mila euro. Verrà poi presto in soccorso il “Fondone”, risorse a sostegno delle funzioni fondamentali dei Comuni a seguito dell'emergenza sanitaria, pari a € 205.265 (trasferimento della Regione per conto dello Stato). La destinazione della raccolta fondi (pari a 24.676 euro) sarà indicata dalla Commissione comunale per l’emergenza sanitaria.

La pressione tributaria a carico delle famiglie e delle attività economiche resta invariata: nessun intervento, infatti, sulle aliquote IMU, sulle esenzioni e addizionale Irpef comunale. “Anche le tariffe relative ai servizi a domanda individuale non subiranno aumenti - ha rimarcato l’assessore al Bilancio Patrizia Minen -. A fronte del costo che l’amministrazione sostiene per erogare questi servizi, l’importo recuperato dagli utenti è quasi il 42%. A livello di spesa corrente, l’obiettivo è stato quello di rimodulare gli stanziamenti e le progettualità, a fronte di possibili di ridotte risorse”. Una novità: dal 2021 il Canone Unico Patrimoniale sostituisce la Tosap e l’Imposta comunale sulla pubblicità e diritto sulle pubbliche affissioni.

Il bilancio risulta inoltre gravato dall’accantonamento a fondo crediti di dubbia esigibilità per imposte e tasse e per servizi a domanda individuale di circa di 213mila euro. “In prospettiva – spiega l’assessore Minen - l’aspettativa del gettito tributario sarà condizionata dalla capacità delle nostre imprese di ritornare a una operatività ottimale. Come amministrazione assicureremo il nostro sostegno, auspicando che quanto prima trovi conclusione la fase pandemica. Saranno, inoltre, garantite le risorse per garantire la rete di protezione per le categorie più deboli”.

Il consiglio comunale si è svolto senza la presenza della minoranza, che ha abbandonato l’aula contrariata dal mancato inserimento nei punti all’ordine del giorno delle interrogazioni (però non previste dal regolamento in un consiglio comunale ordinario). Un’azione disapprovata dalla maggioranza e dal Sindaco Bassi, che ha ribadito di aver solo rispettato le regole. Si è anche evidenziata la mancata partecipazione dell’opposizione alla Commissione temporanea istituita ad inizio pandemia. Alla seduta ogni assessore ha poi esposto gli interventi relativi al proprio referato.

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori