Home / Politica / 'Dl Rilancio, la maggioranza boccia lo stop al contributo Fvg'

'Dl Rilancio, la maggioranza boccia lo stop al contributo Fvg'

Savino: “Prendiamo atto che il Pd di Serracchiani e il M5S di Sut e De Carlo hanno votato contro la sospensione"

\u0027Dl Rilancio, la maggioranza boccia lo stop al contributo Fvg\u0027

La Camera ha respinto l’ordine del giorno presentato dalla coordinatrice di Forza Italia Fvg Sandra Savino e dal deputato azzurro Roberto Novelli che chiedeva la sospensione del contributo alla finanza pubblica da parte della regione Friuli Venezia Giulia.

“Prendiamo atto che il Pd di Serracchiani e il Movimento 5 Stelle di Sut e De Carlo hanno ritenuto di votare contro un atto che impegnava il governo a venire incontro alle legittime esigenze della nostra regione", commenta Savino. "A fronte di un crollo delle entrate fiscali per il 2020 stimato tra i 550 e i 698 milioni e una spesa per l’emergenza sanitaria di circa 150 milioni, il Fvg dovrà versare allo Stato 726 milioni. Una cifra esorbitante, tanto più che la nostra regione finanzia autonomamente il suo servizio sanitario, che mette a rischio l’erogazione dei servizi ai cittadini. Da qui il nostro ordine del giorno che impegnava il governo a sospendere la richiesta del contributo per questo biennio o in alternativa di farsi carico delle spese per il servizio sanitario".

"Una misura di equità, di solidarietà nazionale e di rispetto nei confronti dei cittadini del Fvg. Evidentemente il governo e la maggioranza giallorossa, compresi gli esponenti eletti nella nostra regione, non la pensano in questa maniera: per loro la ragion politica e la sopravvivenza di questo governo vale più degli interessi legittimi dei loro corregionali", conclude Savino.

La replica di Serracchiani

"Oggi alla Camera il centrodestra del Fvg si è smascherato del tutto: ha detto chiaramente che non vuole un negoziato Stato-Regione sul patto finanziario, ma uno scontro politico a prescindere dal risultato. Infatti FI ha portato in Aula e sottoposto alle logiche di schieramento un documento che va contro il concetto stesso di negoziato con lo Stato, che bypassa le prerogative della Regione autonoma, contiene cifre non condivise e nemmeno tiene conto di quanto già erogato dallo Stato. Con questo tentato colpo di mano si rendono le cose più difficili". Lo ha affermato la deputata Debora Serracchiani (Pd) commentando l'ordine del giorno, bocciato, di FI a Montecitorio che chiedeva la sospensione del contributo alla finanza pubblica da parte della regione Friuli Venezia Giulia.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori