Home / Politica / 'Musei, a Trieste contratti con retribuzioni inique'

'Musei, a Trieste contratti con retribuzioni inique'

La denuncia del Patto per l'Autonomia, che presenta un'interrogazione alla Giunta per tutelare i lavoratori

\u0027Musei, a Trieste contratti con retribuzioni inique\u0027

"Nella gestione degli appalti nei musei triestini emergono contratti non congrui e basse retribuzioni". È quanto sostengono, in una nota che raccoglie la denuncia del Comitato paritetico regionale per la cooperazione sociale, i consiglieri regionali Massimo Moretuzzo e Giampaolo Bidoli.

Gli esponenti del Patto per l'Autonomia interrogano la Giunta Fedriga per conoscere quali azioni s'intendano adottare per tutelare i lavoratori dopo l'affidamento da oltre 4 milioni di euro del servizio di sorveglianza, biglietteria, bookshop e assistenza al pubblico per i musei e le sedi espositive del Comune di Trieste. In particolare, dall'esecutivo regionale il gruppo del Patto si attende una risposta in merito all'opportunità che negli appalti di servizi sul territorio regionale si eviti, nel gioco dei ribassi, l'assegnazione di gare a imprese che riconoscono ai propri lavoratori retribuzioni inique e poco rispettose della professionalità degli addetti.

In riferimento alla gara per i musei triestini, "vogliamo sapere - si legge ancora nella nota - se la Giunta prevede di intervenire presso il Comune di Trieste perché riconsideri la propria posizione, in particolare per quanto riguarda l'applicazione del più congruo Contratto collettivo nazionale di lavoro Multiservizi al personale addetto alle attività appaltate, e quali azioni intende porre in essere nell'immediato affinché le gare bandite dalle stazioni appaltanti sul territorio si svolgano in modo tale da garantire il valore sociale degli appalti pubblici e la tutela del lavoro, la dignità dei lavoratori coinvolti e la qualità dei servizi".

"Spetta alla Regione vigilare - osservano i consiglieri del Patto - ma, nonostante le promesse della Giunta e le forti attese dei tanti soggetti interessati sul territorio, la materia dei contratti pubblici rimane ancora disciplinata a livello statale, poiché manca una legge regionale sugli appalti".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori