Home / Politica / 'Serve chiarezza sulla gestione dell'emergenza Covid'

'Serve chiarezza sulla gestione dell'emergenza Covid'

Le opposizioni incalzano: "Fondata la denuncia degli anestesisti. E' ora che Fedriga e Riccardi facciano chiarezza sulle reali condizioni in cui ci troviamo". La replica del Presidente Fvg

\u0027Serve chiarezza sulla gestione dell\u0027emergenza Covid\u0027

"La situazione sanitaria in cui si trova il Fvg è preoccupante e va chiarita a partire dalla gestione dell'emergenza covid da parte della Regione. Quanto è accaduto nelle terapie intensive e denunciato dagli anestesisti nei mesi scorsi ora emerge in tutta la sua gravità e non può essere archiviato come una fake news. Le strumentali giustificazioni non reggono più, è ora che Fedriga e il suo assessore Riccardi facciano chiarezza sulle reali condizioni in cui ci troviamo". Lo chiedono i consiglieri regionali dei gruppi di opposizione del Partito democratico, M5S, Patto per l’Autonomia, Cittadini e Open Fvg intervenuti oggi a una conferenza stampa a Trieste.

"Gli esiti delle ispezioni ministeriali fatte lo scorso agosto sugli ospedali di Palmanova e Gorizia – afferma il capogruppo del Pd, Diego Moretti – hanno evidenziato una serie di criticità che confermano che gli anestesisti dell'Anaroi-Emac, che denunciavano una situazione critica delle terapie intensive, avevano ragione e quanto sia stato indegno il processo in Commissione a cui fu sottoposto il loro presidente, Alberto Peratoner. A questo si aggiungono le continue segnalazioni che arrivano dai territori sui tracciamenti completamente saltati, con famiglie e persone in totale balia di tamponi da fare. E infine, gli ultimi dati preoccupanti che riguardano la mortalità, le vaccinazioni e l'alto numero di contagi cresciuti esponenzialmente in queste ultime settimane, con Trieste e Gorizia ai vertici delle classifiche nazionali. La situazione è preoccupante, Fedriga e la sua giunta la smettano con lo scaricabarile e continuo rimando al Governo e facciano chiarezza".

Secondo il consigliere regionale del M5s, Andrea Ussai, "è intollerabile la comunicazione secondo cui “tutto va bene”, omettendo criticità in una situazione in cui gli ospedali sono nuovamente sotto pressione, i servizi rischiano il collasso e gli operatori sono esasperati, in regione e soprattutto a Trieste, dove nuovamente la mortalità e l’incidenza sono tra le più alte in Italia. Il rapporto del ministero dopo le ispezioni di agosto evidenzia numerose criticità sulla classificazione e comunicazione dei posti letto di terapia intensiva, sulla separazione dei percorsi Covid e non Covid, e sul clima organizzativo. Il report ministeriale ha confermato quanto denunciato dai professionisti, adesso ci aspettiamo le scuse formali di chi derubricava quelle affermazioni a “beghe tra anestesisti” e di capire come si pone il presidente Fedriga nei confronti di chi non garantisce la tanto decantata “massima trasparenza”. Vogliamo infine sapere come ed entro quando verranno risolti i problemi: ribadiamo la necessità, già sollevata con richiesta formale a ottobre, di audire al più presto in Commissione le organizzazioni sindacali, in particolare sulla carenza di personale".

Secondo il capogruppo del Patto per l'Autonomia, Massimo Moretuzzo, "il vicepresidente Riccardi ha assunto una posizione gravissima, inaccettabile. Con questa conferenza stampa, abbiamo voluto denunciare il fatto che il report del ministero sia stato categorizzato come una fake news. Siamo profondamente preoccupati. I dati dell’ultimo anno fotografano una situazione drammatica. Sul fronte della mortalità, il Friuli Venezia Giulia è ai massimi livelli in Italia, con un’esplosione da novembre 2020. Sono dati oggettivi, non sindacabili. Chiediamo chiarezza, chiediamo di sapere come stanno davvero le cose", afferma Moretuzzo, che evidenzia come, rispetto a questi temi, "all’opposizione in Consiglio regionale vada riconosciuto un atteggiamento collaborativo con la maggioranza; nessuno ci può accusare di strumentalità".

Per la consigliera regionale dei Cittadini, Simona Liguori "sconcerta il cortocircuito del presidente Fedriga che da un lato, essendo a capo della Conferenza delle Regioni, collabora quotidianamente con il ministero della Sanità, mentre dall’altro avalla l’operato dell'assessore regionale Riccardi che minimizza le criticità sulla gestione dei posti letto di terapia intensiva e la relativa gestione del personale evidenziate dagli ispettori mandati in Friuli Venezia Giulia dal ministro Speranza".

Secondo il consigliere regionale di Open Sinistra Fvg, Furio Honsell "non è accettabile che Riccardi abbia scatenato una guerra contro il sindacato degli anestesisti quando questo ha segnalato alcune disfunzioni nella gestione delle terapie intensive in pandemia per poi scoprire che il report dei commissari ministeriali, di fatto, conferma la versione del sindacato. Nella gestione della pandemia l’assessore Riccardi si preoccupa più di dimostrare di non essere il responsabile del fatto che il Fvg sia a ogni ondata ai vertici, piuttosto che a porre in atto tutte le possibili misure per tutelare la salute dei cittadini. I rilievi ministeriali non vanno minimizzati ma devono essere raccolti. Inoltre, il sistema di accompagnamento dei positivi deve essere perfezionato visto che il tracciamento non esiste. Attualmente i positivi sono costretti a muoversi per i tamponi e non sono ancora chiare quali siano le cure precoci. Chiediamo maggiore trasparenza e soprattutto assunzioni di responsabilità".

La replica del presidente Fedriga

"Lascia attoniti la continua speculazione sulla sanità regionale, in un periodo pandemico, operata dalle opposizioni. Risulta infatti evidente dalla relazione degli ispettori del Ministero della salute che il Friuli Venezia Giulia non solo ha garantito standard di prestazioni sanitarie adeguate ai nostri cittadini ricoverati nei presidi ospedalieri della Regione ma che, vale la pena ricordare, ha anche accolto e curato numerose persone trasportate da altre Regioni in grave difficoltà".

Lo dichiara il governatore del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga, stigmatizzando le polemiche sull'esito della visita ispettiva compiuta la scorsa estate dagli ispettori del Ministero della Salute negli ospedali di Gorizia e Palmanova. Fedriga rimarca che "come chiarito dalle direzioni generali delle Aziende interessate dall'ispezione, ovvero Asugi e Asufc, i rilievi riscontrati sulle terapie intensive riguardano la comunicazione di codici, oltretutto normati in anni ben precedenti all'attuale amministrazione regionale, che nulla hanno a che fare con le prestazioni erogate dal sistema sanitario regionale nel corso della pandemia e che in ogni caso si sono avviate le azioni di miglioramento suggerite dai funzionari ministeriali".

Il governatore esprime quindi "totale solidarietà al vicepresidente Riccardi per gli attacchi ricevuti da parte di chi, per l'ennesima volta, sta dimostrando di voler utilizzare la pandemia a proprio uso e consumo senza pensare al bene della collettività e della comunità del Friuli Venezia Giulia".

“Serve maggiore senso di responsabilità e una collaborazione maggiore con le Istituzioni per poter uscire dalla crisi pandemica tutti assieme. Non è che continuando a fare speculazioni politiche attaccando a vuoto l’amministrazione regionale, si riducono i contagi o si aiutano i cittadini del Friuli Venezia Giulia a uscire da questo difficile momento. Sarebbe molto più maturo da parte del centro sinistra regionale lavorare compatti con la giunta per dimostrare unità di intenti al fine di combattere e vincere il vero nemico che è il virus. Massima solidarietà da parte del nostro movimento al Presidente Fedriga e all’assessore Riccardi per le accuse che sono state rivolte a loro e completa fiducia nell’operato di questa giunta", dichiara in una nota l’europarlamentare e coordinatore Lega Fvg Marco Dreosto.
Articoli correlati
1 Commenti
Vin62

Siete monotoni...fate cose costruttive

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori