Home / Politica / Alta velocità Venezia-Trieste, 400 milioni di euro per risparmiare 44 secondi

Alta velocità Venezia-Trieste, 400 milioni di euro per risparmiare 44 secondi

Il capogruppo del M5S in Consiglio regionale Sergo torna a parlare di procedura di valutazione di impatto ambientale del progetto di fattibilità per il potenziamento della linea ferroviaria

Alta velocità Venezia-Trieste, 400 milioni di euro per risparmiare 44 secondi

Ritorna a parlare di procedura di valutazione di impatto ambientale del progetto di fattibilità per il potenziamento della linea ferroviaria Venezia-Trieste e degli interventi per la sua velocizzazione, il capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale, Cristian Sergo.

"Il costo complessivo dell'opera rimane secretato - scrive in una nota -, ma dovremmo essere intorno ai 400 milioni di euro. Per un risparmio di tempo, questo sì presente nei documenti e messo nero su bianco, di 44 secondi per i treni ad alta velocità che raggiungeranno Trieste".

"Come spesso sostenuto, la vera velocizzazione della linea - continua Sergo - la si ottiene con i nuovi materiali rotabili e con il potenziamento tecnologico già in fase di esecuzione. Dalle varianti e dalle grandi opere si ottengono questi risultati, che ci porteranno a spendere 10 milioni per secondo guadagnato. Siamo passati dagli annunci ai fatti: dai 44 minuti che si dovevano risparmiare, Rfi ora prevede 44 secondi. Non che la cosiddetta variante di Latisana avrebbe migliorato le cose, ci avrebbe solo fatto spendere 200 milioni di euro in più per ottenere pochi secondi in meno, anche perché a Latisana i treni avrebbero dovuto fermarsi nella nuova stazione". "Ovviamente la velocizzazione è ancor meno interessante per i pendolari: in questo caso viene assicurato un risparmio di ben 35 secondi per i treni regionali. Nell'attesa di vedere desecretato il calcolo sommario della spesa per ottenere ulteriori dettagli - aggiunge il pentastellato -, invitiamo tutti i cittadini a visionare i documenti sul sito del ministero, solo così ci si può rendere conto di quello che sta accadendo. Ma soprattutto invitiamo tutte le categorie economiche a farlo, giusto per evitare continue brutte figure parlando di risparmi di tempo faraonici e attesa di questi lavori come se fossero la risoluzione di tutti i problemi del Friuli Venezia Giulia". "Otto anni per vedere un progetto e francamente si rimane sconcertati. Ribadiamo che laddove ci siano problemi da risolvere per superare colli di bottiglia eventuali, passaggi a livello e punti critici dal punto di vista della sicurezza di passeggeri e cittadini che vivono nelle vicinanze delle linee ferroviarie, saremo sempre i primi a sostenere le opere necessarie per intervenire. Ma saremo anche sempre i primi - conclude Sergo - a dire le cose come stanno senza prendere in giro chi ci legge".

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori