Home / Politica / Cal, intesa per la manutenzione viaria nei Comuni

Cal, intesa per la manutenzione viaria nei Comuni

Via libera preliminare al disegno di legge regionale per consentire interventi programmati e rendere più agevole il finanziamento

Cal, intesa per la manutenzione viaria nei Comuni

Un disegno di legge regionale settoriale, specifico per le attività di manutenzione delle infrastrutture sulla viabilità comunale, volto a sostenere i Comuni nel mantenere la qualità della propria rete viaria, consentirne una manutenzione programmata oltre che rendere più agevole il finanziamento. Sono questi i principali obiettivi del ddl su 'contributi per interventi manutenzione reti stradali comunali' illustrati oggi ai membri della IV commissione del Consiglio delle autonomie locali dai tecnici della direzione Infrastrutture e Territorio alla presenza del vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia.

Si tratta di un intervento normativo con cui dare supporto ai Comuni nel mantenimento della viabilità comunale per la messa in sicurezza, la conservazione del livello di servizio e il miglioramento della funzionalità. Una misura, come è stato spiegato, ispirata dalle esigenze espresse dai territori in difficoltà dopo la soppressione delle Province che erogavano risorse ad hoc.

Nel dettaglio, gli interventi riguardano la sistemazione del piano viabile, dei marciapiedi, degli attraversamenti pedonali, dell'illuminazione oltre che la manutenzione della piattaforma stradale, la sistemazione della segnaletica verticale, dei parcheggi e delle pertinenze stradali.

I finanziamenti verranno erogati con procedimento annuale e secondo criteri definiti da una delibera giuntale. Le risorse verranno stanziate al Comune ogni due anni e comunque non prima che l'ente abbia terminato il precedente contributo. Viene data priorità ai Comuni più piccoli e ai territori gravati da una presenza sistematica di trasporti eccezionali.

Il ddl regionale prevede per il 2020, relativamente alle spese di parte corrente, una spesa di 50.000 euro e per le spese in conto capitale 200.000 euro per il 2020, analoga cifra per il 2021 e 1.000.000 euro per il 2022.

Fra le istanze sollevate dal dibattito in commissione, anche la proposta del Comune di Aviano di inserire i Comuni montani fra le priorità oltre alla necessità di rivedere i criteri di riparto: per il Comune di San Vito al Tagliamento si deve guardare al numero di abitanti mentre per il Comune di Precenicco il criterio più corretto è da individuare nei chilometri di strade comunali presenti nel territorio dell'ente locale e la tipologia di utilizzo della strada.

Il provvedimento ha ricevuto nella seduta del Consiglio delle autonomie locali (Cal), successiva ai lavori della commissione, un'intesa preliminare in attesa di essere ridiscusso nella Giunta regionale chiamata ad esprimersi sulle proposte, per poi ritornare al Cal e successivamente all'Aula consiliare.


0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori