Home / Politica / Come riutilizzare i beni sequestrati alla criminalità

Come riutilizzare i beni sequestrati alla criminalità

L'Osservatorio regionale antimafia ha presentato il vademecum nel corso di un convegno di respiro nazionale

Come riutilizzare i beni sequestrati alla criminalità

Anche un manuale può servire a combattere la criminalità organizzata. È questa l'intuizione dell'Osservatorio regionale antimafia (Ora) del Fvg che oggi in aula consiliare ha presentato - nel corso del convegno di respiro nazionale sui beni confiscati alle mafie - un vademecum che ha la funzione di un libretto di istruzioni per gli amministratori locali e le associazioni. L'obiettivo è quello di spiegare in modo semplice le procedure per il riutilizzo dei beni sequestrati alla criminalità organizzata, talmente complesse che in qualche caso rischiano di scoraggiare l'iniziativa degli interessati.

"L'iniziativa del vademecum - ha spiegato Enrico Sbriglia, presidente dell'Osservatorio - è frutto della collaborazione con le Università di Trieste, Udine e Padova e ha l'obiettivo di coinvolgere sempre di più enti locali e territorio. Il rischio della complessa normativa sul riutilizzo è infatti che i patrimoni della criminalità cadano in abbandono, se non addirittura che tornino nelle mani dei mafiosi. L'opuscolo che abbiamo realizzato permetterà invece anche ai piccoli enti locali di impiegare quei beni in modo diretto o attraverso i soggetti del terzo settore".

"Qui in regione - ha aggiunto il presidente dell'Ora - il numero dei beni confiscati è limitato, e tale dovrà rimanere, ma l'impegno è soprattutto quello di destinarli e impiegarli nel modo migliore".

"Oggi i protagonisti sono i ragazzi - ha sottolineato Piero Mauro Zanin, presidente del Consiglio regionale -, quei giovani che troppo spesso in Italia si rinchiudono nel privato, ma in questo caso si sono confrontati con la dimensione pubblica su un argomento non facile, dimostrando grande serietà e impegno". Il riferimento è agli stagisti dell'Ora, ma anche agli studenti dell'istituto superiore Marinoni di Udine che si sono cimentati nei progetti di riutilizzo.

"Questi giovani - ha ripreso Zanin, che prima dell'inizio del convegno aveva ricevuto nel salottino del Consiglio un ospite di prestigio dell'assise, il sottosegretario all'Interno Emanuele Prisco, assieme ad alcuni dei relatori - hanno dimostrato senso etico, al quale dovranno affiancare il principio della responsabilità: questo ci dà speranza per il futuro". "La cosa che alle mafie fa più male - ha ricordato ancora il presidente dell'Aula - è perdere i propri beni, vedersi colpire nel portafogli. E riuscire a utilizzare quegli immobili per fini positivi è una catarsi, una sorta di legge del contrappasso".

Zanin ha ringraziato dunque l'Osservatorio, ricordando la scelta del Consiglio regionale di affidarsi a esperti esterni di alta professionalità e mettendo in rilievo il ruolo delle Università che tramite gli studenti stagisti esercitano appieno la loro "terza missione" di supporto al territorio. Dopo i saluti di Annunziato Vardè, prefetto di Trieste - che ha sottolineato l'alto numero di beni sequestrati già destinati in Fvg e nella città capoluogo - e del procuratore capo Antonio De Nicolo, che si è soffermato sulla "cronologia" giuridica che prevede sequestro e confisca prima del riutilizzo dei beni, sono intervenuti i docenti Gian Paolo Dolso (Università di Trieste), Alessia Ottavia Cozzi (Ateneo di Udine), Giuseppe Mosconi (Università di Padova) e il presidente di Anci Fvg, Dorino Favot, che ha ribadito la disponibilità dei Comuni alla piena collaborazione su queste tematiche. L'assessore regionale alle Autonomie locali e alla Sicurezza, Pierpaolo Roberti, ha concluso la prima parte del convegno con una riflessione sull'importanza della prevenzione, dell'anticipare i problemi e non solo di rincorrerli.

"In Fvg, è stato detto, il numero dei beni confiscati è modesto rispetto a molte altre regioni, non solo del Sud. Ma qui oggi - ha aggiunto Roberti - è importante lanciare un messaggio preciso: la criminalità organizzata deve sapere che questo territorio non è ricettivo, grazie all'alleanza tra le diverse istituzioni. Ed è importante farlo in questo momento storico, quando gli investimenti legati al Pnrr e al rilancio di Porto Vecchio di Trieste potrebbero alimentare appetiti legati agli appalti".

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori