Home / Politica / Comuni montani senza copertura telefonica, no a cittadini di serie A o B

Comuni montani senza copertura telefonica, no a cittadini di serie A o B

Roberto Novelli (Forza Italia), compagnie e AgCom intervengano

Comuni montani senza copertura telefonica, no a cittadini di serie A o B

“Basta scuse, pretesti, temporeggiamenti. Numerosi comuni montani del Friuli Venezia Giulia, soprattutto nelle aree di confine, non hanno copertura telefonica e internet oppure ricevono il segnale degli operatori sloveni. Questo a dimostrare che evidentemente in Slovenia istituzioni e compagnie telefoniche riescono a garantire il servizio ai loro cittadini, mentre in Italia per ragioni economiche si preferisce lasciare chi abita e lavora nei paesi di montagna e di confine nell’isolamento. Le compagnie telefoniche e l’AgCom si sveglino e smettano di accampare scuse o annunciare potenziamenti che gli abitanti e gli imprenditori attendono da anni”.

Così il deputato di Forza Italia Roberto Novelli commentando la risposta a una sua interrogazione sulle interferenze del segnale di operatori telefonici sloveni in numerosi comuni montani delle aree confinarie.

“Secondo la ricognizione del governo sono 139 i comuni montani in cui si registrano disagi e disservizi, molti dei quali in Friuli Venezia Giulia. E la ragione è il disimpegno delle compagnie telefoniche per ragioni di scarsa redditività e il disinteresse dell’AgCom e del governo. Eppure la recente emergenza ha mostrato chiaramente quanto sia fondamentale avere copertura telefonica e di rete internet, sia per gli abitanti che per gli imprenditori, come è stato ricordato oggi in occasione dell’incontro di Amaro. Ma evidentemente per qualcuno esistono cittadini e imprese di serie A e di serie B. Una discriminazione inaccettabile di cui si deve far carico il governo e le istituzioni, imponendo il potenziamento del servizio nelle aree montante. Se riesce a farlo la Slovenia non vedo perché non può riuscirci l’Italia”, conclude Novelli.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori