Home / Politica / Conferimento del verde, Campoformido rivede le tariffe

Conferimento del verde, Campoformido rivede le tariffe

Il costo, per chi consegna al centro di raccolta, sarà spalmato a fine anno su tutta la collettività

Conferimento del verde, Campoformido rivede le tariffe

L’amministrazione comunale di Campoformido ha avviato da tempo un dialogo con la direzione del gestore dei rifiuti A&T 2000. Il dialogo è finalizzato a migliorare l’efficienza del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti urbani e a proporre soluzioni per il contenimento dei costi e delle tariffe.

“La continua ricerca del miglioramento della differenziata e gli investimenti in efficientamento di gestione e in sviluppo di impianti di smaltimento costituiscono obiettivi che la società A&T2000 ha nel proprio piano industriale e che noi come comune intendiamo sostenere e spronare in tutti i modi possibili” spiegano il sindaco Erika Furlani e Andrea Bacchetti, assessore del Comune di Campoformido con deleghe al Bilancio e ai rapporti con le società partecipate.

Un tema particolare che merita essere sottolineato è il tema della frazione verde. La Normativa di riferimento prevede che il verde urbano prodotto sia da definirsi “rifiuto”. Ciò comporta che il relativo costo di smaltimento vada a gravare sulle tasche dei cittadini.

“Stiamo discutendo con la direzione di A&T 2000 per arrivare ad una soluzione che superi questo assurdo assunto legislativo: si sta valutando la possibilità di implementare un sistema di smaltimento che possa permettere di azzerare i costi di gestione del verde e addirittura portare riscontri positivi di natura economica” sottolineano Furlani e Bacchetti “Il percorso non sarà brevissimo ma abbiamo riscontrato un ottimo segnale di disponibilità dai vertici della società gestrice per valutare ed implementare delle soluzioni condivise".

Nel frattempo, per il 2022, il conferimento di verde all’interno del centro di raccolta non sarà più addebitato al soggetto che conferisce: il costo complessivo verrà spalmato a fine anno su tutta la collettività.

“Noi riteniamo che il verde sia un patrimonio pubblico di tutti: in particolare in questi ultimi tempi in cui si parla continuamente di tutela ambientale ci appare del tutto anacronistico far pagare chi in qualche modo il verde lo cura e lo difende”concludono Furlani e Bacchetti “Come ribadito anche in tema di bilancio la tutela dell’ambiente del nostro territorio è uno dei valori più importanti che vogliamo sempre e comunque perseguire”.

Nelle foto del Comune di Campoformido, l'assessore al bilancio Andrea Bacchetti

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori