Home / Politica / Il Covid 19 non ferma la scuola per sindaci

Il Covid 19 non ferma la scuola per sindaci

Anche quest’anno la Summer School si farà, ma in edizione webinar. Iscrizioni aperte fino all’8 giugno

Il Covid 19 non ferma la scuola per sindaci

Anche quest’anno la Summer School in strategie di sviluppo locale e progettazione europea rivolta agli amministratori locali ci sarà. Dopo tre edizioni realizzate a Zovello di Ravascletto, l’emergenza Covid-19 ha costretto Anci Fvg, Aiccre Fvg, Ocse e Infomest (ma non impedito) a reinventare la settimana residenziale di formazione in montagna trasformandola in una esperienza di apprendimento “a distanza”.

Oltre ad essere on-line, l’edizione 2020 della Summer School, annovera altre due novità. La prima, Isig come nuovo soggetto del partenariato per offrire una esperienza formativa sempre più ricca agli amministratori locali; la seconda, il periodo di svolgimento che non sarà settembre ma tra giugno ed inizio luglio. Il percorso verrà intrapreso anche grazie anche sul supporto dei formatori e degli esperti di Compa Fvg, centro di competenza per la Pubblica Amministrazione.

Il programma prevede: 16 giugno (presentazione staff e gruppo partecipanti, orario 17.30 - 19.30), 24-25-26 e 29-30 giugno (incontri di studio-confronto, orario 17.30-20.30) e 11 luglio (condivisione finale dei lavori, orario 10.00-12.00).

Selezionati tramite apposito Bando di iscrizione, trenta amministratori locali, provenienti dal Friuli Venezia Giulia, dal Veneto e dal Trentino, si collegheranno tramite Zoom per partecipare attivamente alle lezioni tenute da esperti di livello nazionale e poi esercitarsi in attività di discussione e lavoro di gruppo on-line. L’obiettivo di fondo è offrire agli amministratori un contesto stimolante di apprendimento di concetti, modelli, metodi, strumenti e di cambio/condivisione di idee per comprendere e immaginare come si possa progettare lo sviluppo in termini di rilancio delle economie e delle comunità locali nel post-Covid.

Le iscrizioni sono aperte fino alle ore 12 dell’8 giugno p.v. Partecipare a questa opportunità consentirà agli amministratori di arricchire, oltretutto, la propria rete di relazioni istituzionali e personali per far circolare idee e progettualità possibili a beneficio delle comunità anche dopo la conclusione della Summer School entrando a fare parte della Smart Community degli amministratori per lo sviluppo locale.

Se prima del Covid-19 pensare a modi nuovi per fare sviluppo era importante oggi è necessario. In questo scenario diviene ormai imprescindibile assumere la programmazione come metodo di lavoro per la progettazione di interventi coerenti, finanziabili con i fondi europei o con altre risorse nell’ambito delle politiche internazionali, nazionali, regionali secondo una logica partenariale.

Il 3 giugno dalle 17.30 alle 18.30 si terrà un webinar per promuovere e introdurre i temi della Summer School. Si parlerà di “politiche e azioni per lo sviluppo locale: attualità di un metodo in tempi di COVID-19 tramite una conversazione tra Paolo Rosso, policy analyst dell’OCSE, e Alberto Bramanti, professore dell’Università Bocconi, esperto di economia e politiche per lo sviluppo locale. Seguirà Presentazione del programma della Summer School 2020 e sua discussione con i partecipanti.

Relatori della Summer School 2020

Mauro Bonaretti - Consigliere della Corte dei Conti dal 2018; in precedenza ha svolti importanti incarichi nel Governo italiano: Capo di Gabinetto del Ministro delle Infrastrutture e dei trasporti; Segretario Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri; Capo di Gabinetto del Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie. Dal 2005 al 2013 ha assunto l’incarico di Direttore Generale del Comune di Reggio Emilia. Ha conseguito la laurea magistrale in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Parma.

Edoardo Croci - Direttore di ricerca dello IEFE, il centro di ricerca di economia e politica dell’energia e dell’ambiente dell’Università Bocconi, dove è anche coordinatore dell’”Osservatorio sulla green economy”. E’ titolare del corso di “Carbon management and carbon markets” all’Università Bocconi. E’ stato Assessore alla Mobilità, Trasporti e Ambiente del Comune di Milano, Presidente dell’Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente della Regione Lombardia, membro del Consiglio direttivo del Parco nazionale del Gran Paradiso, Subcommissario di governo per la realizzazione del sistema depurativo delle acque di Milano, Vicepresidente di Fedarene (European Federation of Regional Energy and Environment Agency), Vicepresidente del Coordinamento nazionale italiano Agenda 21 locale. È presidente della sezione Milano di Italia Nostra e della fondazione Ambiente Milano.

Ivan Curzolo – Direttore di Informest. Laureato in Giurisprudenza, ha iniziato la propria attività professionale collaborando con diverse società di consulenza in Italia e all’estero. Esperto di programmazione e progettazione comunitaria è stato componente del Gruppo di Lavoro del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti per la predisposizione del Quadro di riferimento strategico nazionale 2007 – 2013. È stato poi funzionario responsabile di progetto del Segretariato Tecnico Congiunto (STC) del PO transnazionale Spazio Alpino e Direttore del STC del Programma Sud Est Europa 2007 – 2013 a Budapest, Ungheria. Nella programmazione 2014 – 2020 è stato coordinatore di vari gruppi di lavoro per la predisposizione di Programmi INTERREG e quindi a capo del Segretariato Congiunto del Programma di Cooperazione transfrontaliera INTERREG V Italia - Croazia 2014 – 2020 presso la Regione del Veneto quale Autorità di Gestione. È autore di diversi articoli sulla cooperazione territoriale e lo sviluppo locale.

Stefania Ravazzi - Professore associato di Scienza politica e direttrice del Laboratorio di Politiche presso il Dipartimento di Culture, politica e società dell'Università di Torino. Il Laboratorio agisce nel campo della ricerca e della terza missione per l'analisi e valutazione di politiche pubbliche e per la progettazione partecipata e la gestione alternativa dei conflitti. E’ presidente del Corso di studi in Scienze del governo e titolare degli insegnamenti di “Analisi delle politiche pubbliche”, "Governo delle città" e "Governance e gestione alternativa dei conflitti" all’Università di Torino. Ha lavorato in gruppi di ricerca a livello locale, nazionale e internazionale sui temi della governance, della democrazia deliberativa e dei modelli di sviluppo economico locale. Da anni collabora con istituzioni pubbliche locali alla progettazione e gestione di processi deliberativi per il coinvolgimento di cittadini e stakeholders nei processi decisionali. E’ affiliata al Collegio Carlo Alberto e membro del Centro di studi nazionale sulle città e le politiche urbane Urban@it.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori