Home / Politica / Lavoro, monitoriamo le crisi

Lavoro, monitoriamo le crisi

Rosolen commenta i dati sull'occupazione emersi dallo studio Ires Fvg

Lavoro, monitoriamo le crisi

"Già dall'anno scorso la crescita dell'occupazione sta rallentando ovunque, Germania compresa, ma in Friuli Venezia Giulia il saldo tra cessazioni e ingressi, tra licenziamenti e assunzioni nel mondo del lavoro nel primo semestre 2019 rimane in ogni caso positivo di oltre 25mila unità". Lo sottolinea l'assessore regionale al Lavoro, Alessia Rosolen, nel commentare i dati emersi dal più recente studio Ires in base ai dati Inps.

"La Regione - spiega Rosolen - ha più che triplicato gli incentivi regionali per le assunzioni, arrivando a 13 milioni di euro rispetto ai 4 del 2016. La scelta, destinata a sostenere l'accensione di contratti a tempo determinato o la stabilizzazione di quelli determinati, ha premiato il territorio con risultati eccezionali al punto che sono aumentati del 95 per cento i lavoratori che ne hanno beneficiato".

"Il rallentamento della crescita occupazionale rimane indubbiamente preoccupante - commenta l'assessore - ma è anche vero che, osservando l'andamento dell'ultimo decennio, si vede una curva continua contraddistinta da alti e bassi".

"Anche se la qualità dell'occupazione è indubbiamente migliorata - evidenzia ancora l'assessore regionale al Lavoro - i focolai di crisi ci sono e li stiamo monitorando con estrema attenzione, consci che finanziare i contratti a tempo indeterminato è stata un'operazione intelligente ma ci stiamo adoperando per garantire il migliore sostegno a tutte le realtà del Friuli Venezia Giulia".

"In un momento come questo - conclude Rosolen - si dimostra comunque sempre più necessaria l'opportunità di destinare risorse locali a cittadini consolidati del Friuli Venezia Giulia che, a loro volta, versano tasse e tributi in regione".

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori