Home / Politica / Marina Nova, il Tar Fvg dà ragione al Comune

Marina Nova, il Tar Fvg dà ragione al Comune

Soddisfatta il Sindaco di Monfalcone Cisint: "Apre la strada agli investimenti necessari a completare il pieno rilancio del litorale"

Marina Nova, il Tar Fvg dà ragione al Comune

“Quella del Tar Fvg è una sentenza di grande valore per la città e per l’Amministrazione comunale per tre motivazioni, e la grande soddisfazione personale per questo risultato può essere condivisa da tutti i monfalconesi", così il Sindaco Anna Maria Cisint, commenta la decisione del Tribunale amministrativo regionale che dà ragione al Comune su Marina Nova.

"La prima ragione è che questa pronuncia apre la strada agli investimenti necessari a completare il pieno rilancio del nostro litorale. Se da un lato, infatti, già stiamo investendo 3 milioni di euro per qualificare ulteriormente Marina Julia, ora anche Marina Nova può fare il salto di qualità nei suoi servizi, creando un sistema complessivo che compete alla pari con gli altri arenili della regione e offrendo servizi unici del genere per gli amanti degli sport legati al mare e per le famiglie".

"Le due spiagge rimarranno a totale libero accesso, ma anche l’Isola dei Bagni potrà contare su attrezzature, ristorazione e attività importanti che ne incrementeranno l’attrattività e il turismo a beneficio generale. Se pensiamo che solo quattro anni fa quello era un luogo chiuso, abbandonato e in totale degrado, si può comprendere l’importanza della prospettiva che si apre con questa sentenza. Ma è gravissimo che l’impugnazione pretestuosa della Greencoop abbia fatto perdere un’intera stagione balneare alla città", prosegue Cisint.

"La seconda motivazione è che questa sentenza promuove a pieni voti l’operato dell’amministrazione comunale, le scelte fatte e le procedure utilizzate. Il Tar non solo ha dato pienamente ragione al Comune ma, punto per punto, ha sottolineato la correttezza seguita dall’ente e l’infondatezza totale delle impugnazioni fatte. Dice in sostanza che i monfalconesi sono in buone mani riguardo alla legittimità e alla serietà dell’azione amministrativa. C’è una visione di sviluppo che stiamo portando avanti nel pieno rispetto della legge, guardando soprattutto all’interesse generale, come è richiesto da una buona gestione della cosa pubblica".

"Il fatto che il tribunale abbia addossato tutte le spese processuali al ricorrente, cosa che normalmente non avviene, dà il segno della pretestuosità del ricorso e dell’inconsistenza delle contestazioni fatte. I nostri uffici, che hanno tenuto un comportamento attento e rigoroso nelle procedure, hanno il mio totale apprezzamento per il loro impegno".

"Infine, la serietà di atteggiamento che ho voluto tenere durante l’istruttoria ha premiato in confronto alle insinuazioni improvvide e di cattivo gusto lanciate a piene mani dagli esponenti dell’opposizione, fra i quali si è distinto come sempre il consigliere regionale Moretti. Senza conoscere fatti e dati, sono state alimentate polemiche strumentali, che ora vengono liquidate da una sentenza chiara che ha rigettato in toto tutte le contestazioni e ha stabilito la validità delle scelte dell’Amministrazione comunale. Si tratta dell’ennesima lezione per una sinistra priva di argomenti seri di fronte alla nostra visione e ai nostri programmi e che non comprende che lo sciacallaggio politico già bocciato dagli elettori li confina sempre più all’angolo”, conclude Cisint.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori