Home / Politica / Migranti, la Slovenia faccia la sua parte

Migranti, la Slovenia faccia la sua parte

Novelli: "Il Fvg non può essere ventre molle dei flussi migratori"

Migranti, la Slovenia faccia la sua parte

"I dati, temo sottostimati, relativi agli ingressi di irregolari in Friuli Venezia Giulia, sommati alla presenza di migliaia di afgani e pakistani ai confini tra Bosnia e Croazia, confermano che la questione immigrazione nella nostra regione merita di essere affrontata con coraggio, determinazione e correttezza. Da parte di tutti: della Regione per quanto le compete, del governo italiano e ancor di più della Slovenia. Forza Italia è stata la prima a invocare la presenza dell’esercito al confine italo-sloveno in funzione di deterrenza. Una misura da inserire in un quadro di azioni coordinate e incisive, non sparate mediatiche". Così il deputato di Forza Italia Roberto Novelli.

"I 5mila ingressi irregolari, e la geografia, stanno lì a dimostrare che c’è qualcuno che avrebbe dovuto e deve fare di più, e quel qualcuno è la Slovenia. Da un lato, ignorando i richiami internazionali, fa la faccia feroce innalzando un muro al confine meridionale e dall’altro pare non essere così attenta nel sorvegliare il confine con l’Italia, usando come paravento le pattuglie miste. L’impressione è che gli amici sloveni abbiano tutto l’interesse a lasciar passare gli irregolari diretti in altri Paesi, in primis l’Italia attraverso il confine friulgiuliano. La nostra regione è stanca di essere considerata il ventre molle dell’Italia e reclama maggiore attenzione da parte del governo italiano e ancor più il rispetto delle regole da parte della Slovenia”, conclude Novelli.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori