Home / Politica / Ok ai contributi regionali per cultura e sport

Ok ai contributi regionali per cultura e sport

Parere unanime della V Commissione consiliare alla concessione di sovvenzioni una tantum

Ok ai contributi regionali per cultura e sport

Parere favorevole unanime della V Commissione consiliare, presieduta da Diego Bernardis (Lega), alla delibera giuntale illustrata dall'assessore regionale Tiziana Gibelli sulla concessione di sovvenzioni una tantum a favore degli organizzatori di attività culturali o sportive, o che gestiscono beni del patrimonio culturale o altri luoghi della cultura regionali, i quali hanno subìto la chiusura o una contrazione delle loro attività causa Covid-19, rimasti esclusi dai precedenti provvedimenti regionali di ristoro.

"Si è trattato di un lavoro complesso, fatto incrociando i dati con i colleghi assessori Alessia Rosolen per la parte Lavoro e Sergio Emidio Bini per la parte Attività produttive", ha detto Gibelli, che ha poi affermato che "le risorse sono sufficienti ed è controproducente che si accalchino tutti a fare domanda nelle prime ore, perché non si tratta di un click day. Il periodo utile va dall'1 al 15 marzo. Il contributo a fondo perduto è di 1.500 euro per ciascun beneficiario e ammontano a 3 milioni di euro le risorse totali messe a disposizione".

Gibelli ha voluto rassicurare sulla semplicità della procedura prevista per inoltrare la domanda di ristoro attraverso il portale istituzionale regionale, così come sulla platea stimata dei beneficiari, ovvero circa due mila lavoratori che possiedono partita Iva con i codici Ateco previsti dal regolamento e che troverebbero copertura finanziaria nel provvedimento.

Per chiarire dubbi o interrogativi sui requisiti e le modalità di accesso alle domande verrà realizzato un video tutorial che sarà pubblicato sul canale YouTube della Regione prima dell'apertura del bando; con lo stesso obiettivo verrà pubblicata una specifica pagina di orientamento sul sito istituzionale della Regione.

Due le richieste particolari dei consiglieri: la prima di Furio Honsell (Open Fvg) ha riguardato un'attenzione a categorie ancora escluse, in particolare i falegnami che contribuiscono alla realizzazione delle scenografie degli spettacoli; la seconda di Franco Iacop (Pd), inerente le bande musicali e la loro impossibilità ad iscriversi al Repertorio delle notizie economiche e amministrative (Rea).

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori