Home / Politica / Pordenone cambia, ecco i candidati della lista Ciriani

Pordenone cambia, ecco i candidati della lista Ciriani

Tra loro il giovane manager Edoardo Della Barbara, l’ingegnere impegnato nel sociale Federico Bonetti e il funzionario della Difesa e presidente dello Yatching club di Aprilia Marittima, Flavio Caramia

Pordenone cambia, ecco i candidati della lista Ciriani

Nei giorni scorsi la lista Ciriani – Pordenone cambia ha svelato i nomi dei 40 candidati alle elezioni comunali di ottobre. Tra questi c’è il giovane manager Edoardo Della Barbara, l’ingegnere impegnato nel sociale Federico Bonetti, il funzionario della Difesa e presidente dello Yatching club di Aprilia Marittima, Flavio Caramia.

Edoardo della Barbara (al centro nella foto), 24 anni, laureato a Milano in relazioni pubbliche e comunicazione d’impresa, si occupa del controllo e sviluppo del processo produttivo nell’azienda di famiglia che produce articoli tecnici in gomma. "Sostengo da tempo Ciriani – ha detto - e ora ho deciso di candidarmi perché mi sento più pronto, competente e maturo. Pordenone è diventata più viva, bella e attrattiva. Voglio che i giovani siano protagonisti di questo cambiamento partecipando alla costruzione di una città sempre più smart, sostenibile e accessibile".

Federico Bonetti (a sinistra nella foto), ingegnere pordenonese, ha studiato a Milano e ha lavorato diversi anni all’estero. E’ attivo nel sociale e nella parrocchia del Sacro Cuore. "Mi candido – ha commentato – perché sarei felice di dare una mano agli altri e a chi è in difficoltà. Aiutare le persone è la cosa che mi gratifica di più".

Flavio Caramia (a destra nella foto) si candida invece per il potenziamento turistico di Pordenone: "Tra la presidenza del circolo nautico e quella dello yatching club di Aprilia, che è il primo centro nautico in Europa, ho maturato tanti anni di esperienza nel campo turistico. Un’esperienza che voglio mettere al servizio di Pordenone, per rivalutarla sotto l’aspetto turistico e farla conoscere meglio ai pordenonesi, agli italiani e agli stranieri".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori