Home / Politica / Pordenone, Ciriani lancia la sua ricandidatura su Facebook

Pordenone, Ciriani lancia la sua ricandidatura su Facebook

Appuntamento mercoledì 24 alle 19.45 sulla pagina di Pordenone cambia

Pordenone, Ciriani lancia la sua ricandidatura su Facebook

"Avanti insieme per Pordenone". Con questo slogan la lista Ciriani sindaco - Pordenone cambia lancia la diretta Facebook con la quale Alessandro Ciriani presenterà la sua ricandidatura, già annunciata da tempo. L’appuntamento online è mercoledì 24 febbraio alle 19.45. Per seguirlo basterà connettersi appunto alla pagina Facebook di Pordenone cambia.

Il sindaco sarà intervistato dalla giornalista Francesca Pessotto, sia per tracciare un bilancio dei cinque anni alla guida del Comune sia per illustrare gli obiettivi per la città del prossimo futuro.

"Si parlerà non soltanto di ciò che è stato fatto e si sta facendo – spiega lo stesso Ciriani - ma di quello che si farà. In questi anni, infatti, oltre a lavorare per il presente, abbiamo messo solide basi per la Pordenone degli anni a venire. Un esempio su tutti: il prossimo sindaco, chiunque sia, potrà inaugurare il nuovo ponte sul Meduna, visto che abbiamo ottenuto i fondi dalla Regione per realizzarlo. Si tratterà di un evento storico. Ma i progetti sono tanti altri. Tra questi, solo per fare qualche esempio, la nuova piazza di Borgomeduna, la riqualificazione di Rorai, il rinnovo dell’ex Fiera".

Si parlerà insomma di tutti i temi che interessano la vita della comunità, dai lavori pubblici al sociale, dall’ambiente alla scuola, dalla sanità ai quartieri.

"L’invito a seguire la diretta online è rivolto a tutti. – dice Ciriani - Strade, fognature e aiuti sociali non sono di destra o di sinistra, ma provvedimenti per tutta la città. In questi anni ho governato cercando di seguire principi di buona amministrazione, non secondo logiche politiche".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori