Home / Politica / Roberti incontra i dipendenti delle ex Province di Udine, Gorizia e Trieste

Roberti incontra i dipendenti delle ex Province di Udine, Gorizia e Trieste

La Regione è al lavoro per definire il piano dei fabbisogni degli Enti di decentramento

Roberti incontra i dipendenti delle ex Province di Udine, Gorizia e Trieste

"Dopo l'approvazione in Consiglio del ddl 142, già da questo fine settimana la Giunta lavorerà per definire il piano dei fabbisogni negli Edr, attribuendo a questi ultimi non solo il personale con il quale garantire la piena operatività delle funzioni ma anche per ridare slancio ad un ente che è molto più di una mera espressione amministrativa di un territorio".

Lo ha detto l'assessore regionale alle Autonomie locali Pierpaolo Roberti nel corso degli incontri svoltisi oggi con i dipendenti degli Enti di decentramento regionale (Edr) di Trieste, Gorizia e Udine e i rispettivi commissari Paolo Viola e Augusto Viola. In due riunioni distinte per l'area giuliano-isontina e friulana, l'esponente dell'esecutivo Fedriga ha avuto modo di raccogliere il feedback dal personale che in questo primo anno ha operato principalmente nel settore dell'edilizia scolastica. Inoltre ha illustrato le novità che si verranno a delineare dal 1 gennaio 2022 quando la funzione della gestione delle strade appartenenti alle ex Province torneranno in capo agli Edr con il rispettivo personale.

Gli Enti di decentramento regionale si faranno carico delle funzioni di progettazione, realizzazione, espropriazione, manutenzione, gestione e vigilanza, a eccezione delle autorizzazioni alla circolazione dei trasporti e dei veicoli eccezionali, che resteranno in capo a Fvg Strade. Le pratiche saranno pertanto agevolate, avendo un unico interlocutore per tutte le tipologie stradali regionali, ex provinciali o in gestione ad Anas. Complessivamente gli Edr di Gorizia e Trieste gestiranno poco più di 300 chilometri di strade ex provinciali, mentre più estesa è la rete stradale del Friuli, dove l'Ente di Udine gestirà 1332 chilometri.

"C'è molta soddisfazione - ha detto Roberti a margine degli incontri di oggi - nel vedere, dopo poco più di 11 mesi di attività, il passaggio da un ente che versava in situazione di grande difficoltà a causa di carenza di personale ad uno invece molto attrattivo. Lo dimostrano gli incrementi dei numeri di dipendenti che sfiorano il 200 per cento nell'Edr di Gorizia e il 100 per cento in quello di Udine. Questo significa che l'operatività amministrativa torna ad essere di grande rilevanza, permettendo così di far ripartire quegli investimenti e quelle opere finanziate con fondi statali e regionali rimasti purtroppo fermi per carenza di personale".

Sul fronte dei numeri, Roberti ha inoltre indicato la road map che la Giunta regionale porterà avanti con precisi provvedimenti. "Con l'approvazione in aula del ddl 142 - ha chiarito l'assessore - ora si apre la seconda fase operativa che vedrà l'Esecutivo approvare la rideterminazione dei piani dei fabbisogni all'interno dei quattro Edr, cui faranno seguito le nuove assunzioni. Ciò avverrà a partire già dalla seduta di Giunta in programma questo venerdì".

Quanto al personale, nel dettaglio, alla fine del 2014 la provincia di Udine aveva 108 addetti alla viabilità provinciale, attualmente sono 58, cui si aggiungono 20 tempi determinati; verranno assunte 43 unità per arrivare a 101 addetti complessivi. A Gorizia c'erano 15 occupati, oggi sono 7 cui si aggiungono 3 tempi determinati e con un incremento di 8 unità si arriverà a 15 addetti. Infine, a Trieste c'erano 12 addetti, oggi sono 5 a cui si aggiungono 2 tempi determinati e con un incremento di 4 unità si arriverà a 9 addetti. 

1 Commenti
mgbuiatti@gmail.com

Sarebbe stato sufficiente costituire delle aziende speciali sotto direzione regionale deputate alla gestione della viabilità ed edilizia scolastica e coinvolgere gli enti locali. La voglia di resuscitare per motivi ideologici le vecchie e ingloriose province purtroppo ha prevalso.

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori