Home / Politica / Rotta balcanica, in Fvg attesa un'impennata di migranti

Rotta balcanica, in Fvg attesa un'impennata di migranti

Savino: "La regione non può reggere da sola i flussi. Governo e Ue intervengano subito"

Rotta balcanica, in Fvg attesa un\u0027impennata di migranti

Sarebbero quasi tremila i migranti rintracciati in Friuli Venezia Giulia nel solo 2019 dopo aver percorso la rotta balcanica e varcato il confine con la Slovenia. Un incremento del 90% rispetto all'anno precedente e di circa il 350% rispetto al 2017. Sono i dati forniti dal Viminale e resi noti dalla trasmissione di La7 Tagadà nella puntata andata in onda ieri. "Numeri sottostimati, per stessa ammissione di chi li ha forniti, perché non comprendono i dati delle questure né coloro che riescono a entrare ma non vengono rintracciati. Un'impennata di ingressi che precede le minacce di Erdogan ma che potrebbe aumentare ancora se la Turchia dovesse veramente aprire i propri confini con l'Europa. Trieste e l'intero Friuli Venezia Giulia non possono reggere l'urto di un flusso incontrollato di migranti", afferma in una nota Sandra Savino, deputata e coordinatrice di Forza Italia in Friuli Venezia Giulia.

"Ho presentato un'interrogazione per chiedere al governo di fornire ufficialmente i dati storici sugli ingressi attraverso il confine nord-orientale e impegnarsi a tenerli aggiornati e pubblici così come accade per gli sbarchi. Sino ad oggi la rotta balcanica non ha ricevuto le dovute attenzioni da parte del governo: se vogliamo evitare che la situazione diventi ingestibile e insostenibile per Trieste e l'intera regione è necessario che governo e Ue prendano coscienza delle possibili conseguenze", conclude Savino.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori