Home / Politica / Trieste, attesa per la visita dei Presidenti Mattarella e Pahor

Trieste, attesa per la visita dei Presidenti Mattarella e Pahor

Lunedì 13 intenso programma per i due Capi dello Stato, che culminerà nella restituzione del Narodni Dom alle 13

Trieste, attesa per la visita dei Presidenti Mattarella e Pahor

E’ iniziato il conto alla rovescia per l’atteso incontro dei Presidenti Sergio Mattarella e Borut Pahor a Trieste che, lunedì 13 luglio, saranno protagonisti di un intenso calendario di appuntamenti, ricco di significati storici per la nostra terra di confine, che ancora, per molti versi, cerca comprensione reciproca e pacificazione.

Il Capo dello Stato arriverà in volo da Roma, all’aeroporto di Ronchi, accompagnato dal ministro degli Esteri Luigi Di Maio, dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese e dal ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi. Da lì la delegazione si sposterà alla Caserma del II Reggimento Piemonte Cavalleria dove, alle 11, è previsto l’incontro tra i due Presidenti (Pahor arriverà in auto da Lubiana) con gli onori militari.

Il corteo, quindi, si dirigerà al Monumento nazionale di Basovizza, dove, alle 11.25, è previsto il primo momento altamente simbolico, ovvero la deposizione di una corona per ricordare le vittime della tragedia delle foibe e dell’esodo. Quindi, il passaggio al Monumento ai Caduti sloveni, il cippo del Tigr, che ricorda gli antifascisti sloveni fucilati dal regime fascista.

Alle 12.20, la delegazione presidenziale è attesa in Prefettura, dove è prevista la doppia consegna – italiana e slovena - delle massime onorificenze (il titolo di Cavaliere di Gran Croce e la "Zlato odlicje", la medaglia d'oro della Repubblica di Slovenia) allo scrittore Boris Pahor, sopravvissuto alle violenze nazifasciste e ultimo testimone dell'incendio del Narodni Dom, che sarà il cuore pulsante della visita. In Prefettura, infatti, sarà firmato il memorandum per la restituzione del prestigioso edificio, progettato dall'architetto Max Fabiani, dato alle fiamme il 13 luglio del 1920 da una banda di squadristi. Alla firma prenderanno parte anche il Ministro dello Sviluppo economico, Stefano Patuanelli, e il vicepresidente della Camera Ettore Rosato, in veste ufficiale.

Il gruppo si sposterà quindi in via Filzi, per il momento ufficiale della consegna del Narodni Dom, prima di tornare in Prefettura per una colazione. Al termine, i due presidenti si saluteranno, ma la visita di Mattarella proseguirà nel palazzo della Regione, dove incontrerà i rappresentanti delle associazioni del mondo dell’esodo giuliano, fiumano e dalmata.

VIABILITA'. In occasione dell’incontro, tutti gli uffici della Questura e dei Commissariati distaccati e sezionali della provincia resteranno chiusi al pubblico per l’intera giornata, fatta eccezione per l’Ufficio denunce. Per qualsiasi tipo di urgenza e necessità il cittadino potrà telefonare al Numero unico d’emergenza 112.

Sono previste brevi limitazioni pedonali e alla circolazione veicolare, che non arrecheranno disagi alla cittadinanza. Oltre trecento gli appartenenti alle Forze dell’Ordine coinvolti nel dispositivo di sicurezza, in parte reparti specializzati e provenienti da fuori città.

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Economia

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori