Home / Salute e benessere / 'Vaccini a Pordenone, cittadini ancora penalizzati'

'Vaccini a Pordenone, cittadini ancora penalizzati'

Conficoni (Pd) commenta la situazione del centro di viale Treviso sul quale ha presentato alla Giunta regionale un'interrogazione

\u0027Vaccini a Pordenone, cittadini ancora penalizzati\u0027

"Tra rimpalli di responsabilità e sfilate per le inaugurazioni, i cittadini continuano a subire i disagi nell'attesa di ricevere la dose vaccinale anti Covid nel centro di viale Treviso a Pordenone". Lo afferma in una nota il consigliere regionale Nicola Conficoni (Pd), commentando la situazione del centro di viale Treviso sul quale ha presentato alla Giunta regionale un'interrogazione "per chiarire gli aspetti economici della vicenda e come mai è stata fatta una ricerca di mercato a posteriori".

"La Giunta Fedriga chiarisca - auspica l'esponente dem - perché, nonostante le sollecitazioni, non esista ancora una soluzione, prevedendo una sala d'attesa, che metta fine a una problematica che, anche oggi, si è manifestata in tutta la sua evidenza con gli anziani accalcati nel tentativo di ripararsi dalla pioggia o in piedi sotto l'ombrello".

"In questa vicenda - prosegue Conficoni - resta inaccettabile la disparità, già emersa nei giorni scorsi, con Azienda universitaria Friuli Centrale (Asufc), alla quale la Regione Fvg garantisce i fondi necessari per pagare 230mila euro l'affitto della Fiera di Udine per il centro vaccini, mentre l'Azienda sanitaria Friuli Occidentale (Asfo) non ha le risorse per dotarsi di uno spazio decente e deve affidarsi alla disponibilità di Pordenone Fiere che si accontenta di un rimborso spese, risultando così penalizzata".

"Proprio in questo intreccio - conclude la nota del Partito democratico - resta da chiarire la somma che, inaspettatamente, l'Asfo dovrà restituire alla Fiera a titolo di ristoro dei costi e per la quale si è provveduto a una ricerca di mercato postuma sulla disponibilità di spazi per realizzare un centro vaccinale. Un pasticcio che testimonia l'improvvisazione con cui si è proceduto, nonostante il sindaco di Pordenone avesse assicurato di avere un piano pronto già lo scorso dicembre".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori