Home / Salute e benessere / Autismo ed emergenze, serve una risposta efficiente

Autismo ed emergenze, serve una risposta efficiente

A Pordenone un convegno nazionale dedicato ai temi dell’accessibilità e della sicurezza inclusiva

Autismo ed emergenze, serve una risposta efficiente

Aperte le iscrizioni al convegno e al workshop 'Autismo ed emergenze: una risposta efficiente va costruita: esperienze e prospettive' che si terranno a pordenone il 25 e 26 ottobre , rispettivamente nell’aula magna della Fiera e al Consorzio Universitario. Gli eventi, gratuiti, propongono due occasioni di studio e confronto sui temi dell’accessibilità e sicurezza per le persone con Disturbi dello Spettro Autistico (e non solo), a partire dall’esperienza maturata a Pordenone, dove a riguardo sono stati attivati in questi anni protocolli innovativi a cui si stanno interessando numerose associazioni, ospedali e altre realtà del Paese.

L’iniziativa rientra tra le azioni previste dal progetto “inclusionLAB” (Laboratorio permanente sull’accessibilità e la sicurezza per l'inclusione delle persone con autismo e disabilità intellettive) che è stato ideato dalla Fondazione Bambini e Autismo onlus con il sostegno della Fondazione Friuli e la partnership dell’Azienda Sanitaria 5 Friuli Occidentale, la Prefettura di Pordenone, il Comando dei Vigili del Fuoco, il Cerpa Italia Onlus (Centro Europeo di Ricerca e Promozione dell’Accessibilità) e l’Associazione di familiari “Noi Uniti per l’Autismo” Onlus.

In particolare Workshop e Convegno sono anche patrocinati dalla Regione, dal Comune e dal Consorzio Universitario di Pordenone, dalla Protezione Civile a livello nazionale e da Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti, e hanno l’ulteriore supporto di Credit Agricole FriulAdria.

“Quello che vogliamo”, dice Davide Del Duca, Direttore della Fondazione Bambini e Autismo “è fare il punto, dopo una serie di esperienze che ci hanno visto pionieri su queste tematiche, su cosa è possibile concretamente fare per migliorare la gestione delle emergenze che possono coinvolgere le persone con autismo. Ma anche come sia possibile migliorare l’accessibilità negli ambienti pubblici di questi cittadini che rappresentano più dell’1% della popolazione. Progettare autism friendly si può e si deve e crediamo possa rappresentare un valore aggiunto per tutti. Ulteriore obiettivo è quello di far diventare le competenze maturate a Pordenone un patrimonio a disposizione di tutti traducendo le esperienze in buone prassi e disciplinari condivisi. Durante il convegno, e più in generale attraverso tutte le azioni del progetto inclusionLAB di cui il convegno fa parte, intendiamo favorire lo scambio tra addetti ai lavori, professionisti, utenti e famiglie".

Tra i relatori sono attesi Antonio Persico (Università di Messina), Elisabetta Schiavone (CERPA Italia Onlus), Erica Gaiatto (Progetto PEBA Comune di Pordenone), Stefano Zanut (Vigili del Fuoco di Pordenone), Laura De Santi e Roberto Dall’Amico (AAS 5 - Ospedale di Pordenone), Marco Giordani (Cooprogetti Pordenone), Cinzia Raffin, Odette Copat, Emanuela Sedran e Marianna Filippini (Fondazione Bambini e Autismo onlus), nonché Debora Corradazzi di Angsa Marche. Alla tavola rotonda di fine convegno, coordinata da Claudio Arrigoni del Corriere della Sera, parteciperanno tra gli altri Angelo Borrelli, Capo del Dipartimento della Protezione Civile, e Fabio Dattilo, Capo del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.

L’evento pur essendo gratuito necessita di una iscrizione inviando una mail a segreteria@bambinieautismo.org.

Per maggiori info www.bambinieautismo.org e a breve un sito web interamente dedicato. Tel. Segreteria organizzativa: 043429187.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori