Home / Salute e benessere / Case di riposo, le rette vanno 'calmierate'

Case di riposo, le rette vanno 'calmierate'

Riccardi: "E' volontà della Regione intervenire per evitare aumenti di costi per le famiglie. Ma dopo il Covid occorre ripensare parametri e modelli"

Case di riposo, le rette vanno \u0027calmierate\u0027

"E' volontà della Regione intervenire per evitare aumenti delle rette delle case di riposo che andrebbero a ricadere su anziani e famiglie provvedendo all'erogazione di un contributo straordinario a sostegno degli enti gestori delle residenze per anziani, la cui entità verrà definita sulla base delle risorse disponibili". Lo ha affermato oggi a Trieste il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, nel Question Time del Consiglio Regionale.

"La Regione - ha reso noto Riccardi - ha già provveduto ad effettuare una prima sommaria valutazione sia dei maggior costi sostenuti dalle residenze per scongiurare la diffusione dell'epidemia, sia delle mancate entrate dovute alla sospensione di alcuni servizi e alla riduzione dei nuovi accoglimenti di utenti all'interno delle strutture stesse".

"Il nostro intervento sulle case di riposo - ha però aggiunto il vicegovernatore - non potrà limitarsi a favorire sotto il profilo finanziario la sostenibilità dei servizi erogati agli ospiti, ma dovrà incidere anche sulle soglie di qualità e di organizzazione delle strutture. Se da un lato il Covid impatta sui costi di gestione delle case di riposo e di conseguenza sulle rette - ha concluso Riccardi -, occorre dire che la pandemia ha enfatizzato limiti e criticità più generali che in parte conoscevamo e che ora ci chiedono una riflessione approfondita sui parametri con l'obiettivo di alzare l'asticella dei servizi nei rispettivi ambiti pubblico e privato".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori