Home / Salute e benessere / Coronavirus, da lunedì chiuse le Università di Udine e Trieste

Coronavirus, da lunedì chiuse le Università di Udine e Trieste

La misura precauzionale decisa questa mattina dal Comitato Operativo per l’emergenza. Sono 14 le persone in isolamento, tutte risultate negative ai test per Covid-19

Coronavirus, da lunedì chiuse le Università di Udine e Trieste

Nuova riunione, questa mattina, del Comitato Operativo per l’emergenza coronavirus del Fvg. Dopo il punto in videoconferenza con Roma, la Regione - che ieri ha dichiarato lo stato di emergenza - ha disposto una nuova misura precauzionale. D'intesa con i rettori, si è deciso di sospendere tutte le attività delle Università di Udine e di Trieste, compresa la Sissa, da lunedì 24 febbraio.

"L'evoluzione della situazione relativa alla diffusione del Coronavirus - si legge nel provvedimento - consiglia in via prudenziale l'adozione di misure cautelative a tutela della saute pubblica e del sereno funzionamento delle attività istituzionali di tutti gli atenei del Fvg, stante la naturale e rilevante mobilità degli studenti, sopratutto provenienti da Regioni in cui si sono già verificati casi di positività al virus. Per questo, da lunedì 24 febbraio a domenica 1 marzo compresi sono sospese le attività didattiche (lezioni, esercitazioni, tirocini, seminari e similari), gli esami, le conferenze o i dibattiti. Saranno chiuse al pubblico le biblioteche e sale studio. Salvo diverse direttive, le attività riprenderanno lunedì 2 marzo. Il recupero delle lezioni e degli esami - si legge ancora - sarà comunicato quanto prima".

Le altre scuole per il momento funzioneranno regolarmente. Nessun provvedimento, invece, per quanto riguarda le manifestazioni pubbliche.

Alle 12 la riunione del Comitato d'emergenza della Regione, nella quale il governatore Massimiliano Fedriga e il vicegovernatore con delega alla Protezione civile e alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, faranno il punto della situazione.

Sono due le strutture individuate in Friuli Venezia Giulia per ricoverare pazienti che presentino sintomi da Coronavirus per eventuali periodi di quarantena, una in prossimità di Trieste e l'altra nel comune di Tricesimo. Si tratta della Foresteria del Santuario di Madonna Missionaria, la struttura fortificata che sorge di fronte alla chiesa. Lo ha reso noto il vicegovernatore Riccardi al termine del Comitato operativo della Protezione civile del Fvg con il Dipartimento nazionale al quale ha partecipato il ministro della Salute Roberto Speranza.

Contuinua il monitoraggio delle 14 persone che sono in isolamento; per tutte, i primi test sono risultati negativi.

Il vicegovernatore ha reso noto che l'evoluzione della situazione è in crescendo e che anche il Friuli Venezia Giulia sta continuando l'organizzazione delle misure di prevenzione a cui si sta dedicando ininterrottamente dalla fine di gennaio e che sta proseguendo da ieri con particolare intensità.

La Regione invita a non alimentare allarmismi, a contattare il 112 per chiedere informazioni in caso di preoccupazione in ordine a sintomi che si possono riscontrare e a non accedere ai Pronto Soccorso se non in caso di effettiva necessità.

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori