Home / Salute e benessere / Coronavirus, i Balcani restano ‘osservati speciali’

Coronavirus, i Balcani restano ‘osservati speciali’

In Fvg i nuovi casi sono tutti collegati a persone rientrate dall’area della ex Jugoslavia

Coronavirus, i Balcani restano ‘osservati speciali’

Il Fvg continua a gestire al meglio l’emergenza Coronavirus, grazie anche al senso di responsabilità dei cittadini, che stanno rispettando le regole del distanziamento e dell’igiene. Ma si guarda con sempre maggiore preoccupazione a Est, in particolare all’area balcanica, dove l’epidemia sta conoscendo una nuova ripresa. I nuovi casi in regione – due nella giornata di ieri, per un totale di 122 attualmente positivi – sono infatti ancora legati a persone rientrate dall’estero.

Nella settimana dal 12 al 19 luglio, in base all’analisi della fondazione Gimbe, il Fvg ha registrato un incremento dei casi pari allo 0,4%, con una prevalenza nella popolazione di poco superiore a 150 ogni centomila abitanti. Meno bene nel vicino Veneto dove, complici sempre i focolai scatenati da rientri dall’estero, l’incremento è stato dell’1,1% mentre i nuovi casi si attestano a 400 ogni centomila abitanti.

Analizzando i numeri, la situazione è abbastanza simile a quella della nostra regione in Slovenia, che pure era stata sul punto di dichiarare la fine dell’emergenza. Negli ultimi giorni si è registrato un nuovo decesso, dopo oltre un mese e mezzo, che porta il totale a 112, mentre sono 261 le positività negli ultimi 14 giorni. Anche in Austria il Covid-19 è in leggero aumento, con 1.312 casi nelle ultime due settimane.

Decisamente meno sotto controllo l’andamento in Croazia, dove i casi sono in netto aumento rispetto al mese scorso: nelle ultime due settimane, i numeri parlano di 1.141 positivi, 92 nelle ultime 24 ore, per un totale di 4.345.

La curva dei contagi è in decisa crescita da alcune settimane anche in Bosnia, Kosovo, Macedonia del Nord, Montenegro e Serbia, che il Ministero dell’Interno ha inserito tra i 16 Paesi ‘a rischio’, dai quali non sono consentiti viaggi e transiti in Italia.

Il Paese più colpito dell’area mitteleuropea resta la Romania, dove nelle ultime 24 ore si sono registrati 767 contagi e 17 decessi, che hanno portato i totali a 37.458 e 2.026. Sono 8.109 i positivi nelle ultime due settimane.

Articoli correlati
0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori