Home / Salute e benessere / Covid, al via lo screening sulla comunità bengalese di Monfalcone

Covid, al via lo screening sulla comunità bengalese di Monfalcone

Tra venerdì e sabato l'Azienda sanitaria eseguirà il tampone alle circa 300 persone arrivate dal Bangladesh nell'ultimo mese

Covid, al via lo screening sulla comunità bengalese di Monfalcone

"Partiamo con un'attività preventiva d'informazione capillare, fatta attraverso le associazioni datoriali e i consolati, comunicando la lista dei Paesi dai quali chi proviene deve essere sottoposto a quarantena, assieme al contestuale obbligo di contattare il dipartimento di prevenzione dell'Azienda sanitaria territorialmente competente". Lo ha detto oggi il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, nel corso della riunione che si è tenuta in videoconferenza con il prefetto di Trieste e commissario di Governo, Valerio Valenti, e i rappresentanti delle associazioni di categoria e degli Enti locali del territorio.

Come ha ribadito Riccardi, sebbene il numero dei nuovi contagi, tutti relativi a persone provenienti dall'area balcanica, sia ancora contenuto, non va sottovalutato il rischio che, se il fenomeno non viene tracciato e sorvegliato, possano svilupparsi focolai di proporzioni importanti.

In quest'ottica, come ha spiegato il vicegovernatore, la strada della prevenzione e dell'informazione è preferibile a quella dell'introduzione di misure restrittive che andrebbero a incidere sulla vita dei cittadini e sulle attività economiche.

"Non ci troviamo di fronte a un contagio che vede la diffusione di casi all'interno degli ospedali o delle case di riposo come è venuto nella fase uno, ma registriamo - ha detto - il fatto che i nuovi positivi sono provenienti dai paesi dell'ex Jugoslavia. Mentre un altro elemento di attenzione è stato posto sulla comunità bengalese di Monfalcone, in considerazione del blocco istituito dal Governo sui voli dal Bangladesh".

In particolare, per quel che riguarda la situazione di Monfalcone, sarà eseguito tra venerdì e sabato, da parte dell'Azienda sanitaria universitaria Giuliano Isontina, uno screening con tampone sulle persone (circa 300) individuate dal Comune che sono arrivate dal Bangladesh nell'ultimo mese. Oltre a ciò, sarà distribuita una dettagliata brochure con tutte le informazioni del caso.

Nella giornata di domani sarà inviata dalla Regione una nota dettagliata su tutte le informazioni necessarie per le aziende e le persone provenienti dai Paesi extra Ue segnalati dal Ministero della Salute. Inoltre, sullo stesso tema, sempre nella giornata di domani, ci sarà un incontro tra la Regione con i presidenti delle Assemblee dei sindaci degli Ambiti dei servizi sociali dei Comuni.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori