Home / Salute e benessere / Diritti dell’infanzia, psicologi in prima fila

Diritti dell’infanzia, psicologi in prima fila

Martedì 24 in Sala Ajace a Udine, convegno organizzato dall’Ordine con la partecipazione della Regione e del Garante Fvg

Diritti dell’infanzia, psicologi in prima fila

Lavorare per la tutela e la promozione dei diritti dei minori significa pensare ai bambini e agli adolescenti come soggetti attivi, portatori di diritti specifici, non solo come a persone "incomplete", cariche di molti bisogni e alcuni desideri. Si tratta di una prospettiva originale e potenzialmente rivoluzionaria, che è contenuta in uno dei documenti che maggiormente hanno riscosso il consenso internazionale: la Convenzione per i diritti dell'infanzia e dell'adolescenza.

Anche in Italia questa prospettiva è stata scelta come prioritaria a partire dagli anni '90 e molte azioni sono state sviluppate per la sua implementazione. Un forte contributo hanno dato, nella costruzione di quest'opera, anche i professionisti e i ricercatori di area psicologica. Mancavano, tuttavia, ancora alcuni passi importanti che ora si stanno compiendo.

Se ne discuterà martedì 24 settembre, dalle 15, in Sala Ajace, a Udine, nel corso del convegno “Il contributo della Psicologia nella difesa dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza”. Un evento cui parteciperanno alcuni dei principali esperti nazionali del settore, assieme al Garante regionale per i diritti dell’infanzia, al vice presidente della Giunta Fvg e assessore alla Salute e Politiche Sociali Riccardo Riccardi e all’assessore regionale all’Istruzione e Famiglia Alessia Rosolen.

"La discussione sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza è una delle tematiche più attuali del panorama mediatico, politico e sociale, con particolare attenzione a ciò che concerne i diritti dei più piccoli nelle condizioni di emergenza e di fragilità sociale", ricorda il presidente dell’Ordine regionale degli Psicologi, Roberto Calvani, che ha fortemente voluto questo tipo di approfondimento/aggiornamento per la categoria. "A partire dalle grandi tragedie umanitarie delle guerre, sino alla realtà italiana, è noto ciò che può accadere alle vite dei bambini, ad esempio, nel dramma della tratta e traffico di esseri umani, nell’accoglienza/gestione/integrazione dei migranti, dentro le tragedie dei terremoti o dentro le storie di vita quotidiana nelle periferie difficili delle città".

Calvani ha anche sottolineato il ruolo strategico della professione di psicologo nell’accompagnamento della crescita e nella garanzia del benessere delle nuove generazioni. L’intervento con i minori pone allo psicologo molti interrogativi di carattere operativo e deontologico, oltre a richiedere un costante aggiornamento normativo. Lavorare con i minori presuppone la conoscenza del quadro internazionale che regola i diritti dei giovani soggetti e in particolare la Convenzione Onu sui diritti del fanciullo (CRC) e di come questa possa trasformarsi in un potente strumento operativo.

Il convegno ha come obiettivo la presentazione e comprensione di come le conoscenze psicologiche possano contribuire alla realizzazione di azioni efficaci per la tutela dei diritti di ogni bambino, bambina e adolescente.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori