Home / Salute e benessere / Fedriga ha la varicella. Burioni: "Adulti, vaccinatevi!"

Fedriga ha la varicella. Burioni: "Adulti, vaccinatevi!"

La notizia del ricovero del Governatore in ospedale spinge il noto virologo e immunologo a lanciare un appello

Fedriga ha la varicella. Burioni:  Adulti, vaccinatevi!

La notizia del ricovero in ospedale del Governatore del Fvg, Massimiliano Fedriga, per varicella, offre un nuovo spunto per una campagna d'informazione a Roberto Burioni, noto virologo e immunologo, da anni impegnato a combattere per favorire le vaccinazioni. "Questa volta - scrive il professore sul suo portale Medical Facts - io non mi rivolgo ai genitori e non vi scrivo neanche la solita tiritera, su quanto sia importante vaccinare i propri figli per difendere loro e chi non si è potuto vaccinare. Questa volta parlo a voi, adulti come me. Se non siete certissimi di avere avuto la varicella da bambini (e la mamma che vi dice tranquillo l’hai avuta, e neanche il librettino con la scritta del medico che vi ha visitato vi offre questa certezza), io vi consiglio di vaccinarvi. Non per proteggere gli altri, ma perché – ve lo garantisco –, la varicella è una malattia molto contagiosa e prenderla da adulti è davvero qualcosa di molto, molto, molto spiacevole".

"Nel migliore dei casi passate quindici giorni a grattarvi come i pazzi, nel peggiore possono accadere tanti guai, che non sto a elencare, ma che potete evitare con una semplice, sicura ed efficace vaccinazione. Se poi oltre a essere adulti siete donne in età fertile, ricordate che contrarre la varicella mentre si aspetta un bambino non è un guaio: è una tragedia", prosegue Burioni. "Poi vedete voi. Negli ospedali non mancano mai pazienti ricoverati, perché non si sono vaccinati e che stanno soffrendo pene dell’inferno a causa di una varicella: vedete voi se volete essere uno di questi".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori