Home / Salute e benessere / Pediatri, tavolo tecnico di settore con la Regione

Pediatri, tavolo tecnico di settore con la Regione

Al vaglio anche collaborazione tra professionisti e scuole

Pediatri, tavolo tecnico di settore con la Regione

Condivisione della proposta di istituzione di un tavolo tecnico di settore che veda seduti rappresentanti della categoria e delle aziende sanitarie. Ma anche la necessità di stringere un rapporto più saldo tra pediatri e mondo della scuola. Sono questi alcuni degli argomenti al centro dell'incontro svoltosi oggi a Palmanova tra il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, e una rappresentanza dei pediatri del Friuli Venezia Giulia, formata dal segretario regionale della Federazione italiana medici pediatri Sergio Masotti e i professionisti Paolo Lubrano e Andrea De Manzini.

L'occasione è servita per mettere a fuoco alcune problematiche emerse nel corso dell'epidemia, ma anche e soprattutto per affrontare il tema legato alla gestione della campagna antinfluenzale rivolta ai bambini in previsione della prossima stagione autunnale. Uno degli elementi sui quali si è soffermata l'attenzione è il fatto che i ragazzi in età pediatrica rappresentano il vettore con il quale l'influenza si trasmette ad oltre il 50 per cento degli over 60, ragione per cui diventa necessario aumentare il più possibile la platea dei giovani da immunizzare.


Una delle proposte avanzate al vicegovernatore è stata quella di istituire, quanto prima, un tavolo tecnico snello composto dai rappresentanti dei pediatri e delle aziende sanitarie in cui compiere una prima analisi di alcuni aspetti legati alla prevenzione, da diffondere poi su vasta scala nel territorio.
"Un'idea questa - ha commentato Riccardi al termine dell'incontro
- che rappresenta sicuramente un modo valido ed efficace per rafforzare uno degli aspetti cardine della riforma sanitaria, ossia la medicina territoriale".

Il vicegovernatore ha poi analizzato insieme ai rappresentanti dei pediatri la possibilità di allargare il raggio di azione della collaborazione, istituendo un filo diretto tra i professionisti e il mondo della scuola. "In questo modo - ha detto Riccardi - diventa possibile dare vita a una formazione che coinvolga anche i bambini su tematiche specifiche, come possono essere ad esempio quelle riguardanti la distruzione delle vie aeree. Anche questo è sicuramente un modo per accrescere a vasto raggio la cultura della prevenzione in Friuli Venezia Giulia".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori