Home / Salute e benessere / Prevenzione del tumore al seno, convenzione tra Lilt e Comune di Campoformido

Prevenzione del tumore al seno, convenzione tra Lilt e Comune di Campoformido

Giovedì 19 marzo primo incontro aperto al pubblico al Centro Civico in via Julia 43, a Basaldella

Prevenzione del tumore al seno, convenzione tra Lilt e Comune di Campoformido

"Investire nella prevenzione e nel controllo delle malattie croniche e tumorali per migliorare la qualità della vita e del benessere degli individui e della società in generale, promuovendo stili di vita sani e agendo in particolare nell'ambito della prevenzione dei fattori di rischio". Si condensa in queste righe lo scopo, condiviso con impegno e determinazione dai contraenti, della convenzione firmata il 27 febbraio a Campoformido dal sindaco, Erika Furlani, e da Giorgio Arpino, da pochi giorni riconfermato alla presidenza della sezione friulana della LILT (Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori).
Grazie a quest'intesa - che fa seguito ad analoghe iniziative portate avanti dalla LILT con altri comuni friulani, ad esempio Martignacco e San Leonardo - il comune di Campoformido ospiterà una serie di "serate informative di promozione della salute (la prima è in calendario per giovedì 19 marzo alle ore 20:00 al Centro Civico in via Julia 43 a Basaldella) che verranno pubblicizzate anche con la collaborazione della farmacia Patini, il cui titolare dott. Pietro Patini ha partecipato alla cerimonia della firma ed ha assicurato il suo convinto appoggio.

La convenzione impegna inoltre la LILT ad effettuare gratuitamente, ai residenti nel Comune di Campoformido, visite annuali di prevenzione di varie tipologie (a cominciare dalle visite senologiche) sia presso il Centro di Prevenzione e Ascolto Nella Arteni (ovvero nella sede udinese della LILT in via Francesco di Manzano 15) sia negli spazi idonei e attrezzati che verranno messi a disposizione dal Comune di Campoformido. "Dai tumori, grazie alla ricerca, si guarisce sempre più; ma la prevenzione rimane sempre un dovere verso se stessi, verso la famiglia e la società, perché, come recita il Logo LILT, Prevenire è Vivere": con queste parole il presidente Arpino ha concluso il suo intervento che ha preceduto la firma della convenzione.
Da parte sua, il sindaco Furlani ha ringraziato tutti coloro che hanno reso possibile il concretizzarsi della collaborazione tra il Comune e la LILT, in particolare l’assessore alle politiche assistenziali e sociali Brunella Micelli e la consigliere comunale Cristina Bevilacqua, che al contempo fa parte del Consiglio della LILT. Alla firma ha presenziato anche il vicepresidente e volontario della LILT dottor Luigi Di Caccamo, già chirurgo e senologo. 

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori