Home / Salute e benessere / Stop ad AstraZeneca per gli Under 60. Richiamo con altro vaccino

Stop ad AstraZeneca per gli Under 60. Richiamo con altro vaccino

Anche il Fvg ha deciso di sospendere la somministrazione della seconda dose a chi ha meno di 60 anni

Stop ad AstraZeneca per gli Under 60. Richiamo con altro vaccino

Stop all’uso di AstraZeneca tra gli Under 60 ed eventuale richiamo con un vaccino diverso, ovvero Pfizer o Moderna. E’ quanto ha deciso il Cts, un’indicazione che il Ministero della Salute renderà pienamente operativa - e perentoria - per tutte le regioni.

La decisione è stata formalizzata nel pomeriggio nel corso di una conferenza stampa, alla quale hanno preso parte il Ministro Roberto Speranza, il Commissario Francesco Paolo Figliuolo e Franco Locatelli, presidente del Consiglio Superiore di Sanità e coordinatore del Cts.

“La vaccinazioni è lo strumento più importante per vincere la guerra al Covid”, ha detto Speranza, aprendo l’incontro. “La scienza ci ha offerto questa possibilità e crediamo sia un punto fondamentale sul quale proseguire come fatto in questi mesi. A oggi, quasi un italiano su due ha fatto la prima dose e uno su quattro ha completato il ciclo vaccinale, quindi dobbiamo dire grazie ai cittadini, ma anche a tutto il personale del sistema sanitario impegnato nella campagna e al Commissario Figliuolo”.

“I vaccini hanno salvato tante vite” ha detto il professor Locatelli, precisando che tra Cts, Aifa e Ministero c’è stata una valutazione meticolosa su AstraZeneca, che ha portato alla decisione di oggi.

“Abbiamo ritenuto opportuno rivalutare le indicazioni all’uso di AstraZeneca a fronte del mutato scenario epidemiologico. Il rapporto benefici-rischi (in particolare per le trombosi) è cambiato, perché sono migliorati tutti i parametri epidemiologici. Oggi ci sono 600 posti letto di terapia intensiva occupati, mentre a inizio aprile i pazienti in area critica erano 3.700. Da diversi giorni, registriamo non più di 20-25 ricoveri quotidiani”.

In Fvg, a differenza di altre regioni, non sono stati organizzati Open Day con AstraZeneca, che era stato impiegato per gli Under 60 solo nella prima fase della campagna, destinata a forze dell'ordine e personale della scuola.

"Su indicazione della Direzione centrale Salute, il Friuli Venezia Giulia, al pari di altre Regioni italiane, in via cautelativa ha deciso di sospendere la somministrazione della seconda dose del vaccino Astrazeneca agli under 60". A darne comunicazione è il vicegovernatore della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

"La decisione - spiega Riccardi - è stata presa a seguito della comunicazione data nel corso della conferenza stampa di aggiornamento della campagna vaccinale e sull'andamento epidemiologico. Nelle more dell'acquisizione della circolare ministeriale o di altro atto con le relative disposizioni, si indica in via cautelativa la sospensione della somministrazione della seconda dose del vaccino Astrazeneca ai soggetti al disotto dei 60 anni".

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori