Home / Salute e benessere / Test sierologici, in Fvg bassissima adesione

Test sierologici, in Fvg bassissima adesione

Il vicepresidente Riccardi, in diretta su Telefriuli, ha dato notizia della scarsa partecipazione all'indagine avviata da Ministero della Salute e Istat

Test sierologici, in Fvg bassissima adesione

L'adesione della popolazione Fvg all'indagine di sieroprevalenza avviata dal Ministero della Salute e dall'Istat? E' davvero molto bassa. La notizia arriva dal vicepresidente della Regione Riccardo Riccardi che, intervenendo in diretta a Telefriuli intervistato da Alessandra Salvatori, ha parlato di "poche persone, sull'ordine di qualche unità, che finora hanno dato la loro disponbilità".

"Dovremo spingere i cittadini ad aderire. C'è molta gente che chiede di poter fare i test (anche telefonando alla Croce Rossa per candidarsi, ndr), ma non è stata individuata nel campione statistico. In base ai dati aggiornati a ieri, in molti non hanno risposto al telefono, mentre tanti si sono detti non disponibili. E questo è un problema", ha detto Riccardi.

Per lo studio epidemiologico, infatti, sono stati selezionati - distribuiti per sesso, attività e sei classi di età - 150mila nominativi in Italia, dei quali poco meno di 8mila in Fvg che la Croce Rossa Italiana sta contattando telefonicamente (il numero che appare è nazionale e inizia con 06.5510) dal 25 maggio. Il test sierologico si svolge in tutta sicurezza con un prelievo del sangue in uno dei centri individuati in regione e permetterà di capire quante persone, nel Paese, abbiano sviluppato gli anticorpi al nuovo Coronavirus, anche in assenza di sintomi. Gli esiti, diffusi in forma anonima e aggregata, potranno essere utilizzati anche per altri studi scientifici e per l’analisi comparata con altri Paesi europei.

Per ottenere risultati affidabili e utili, è fondamentale che le persone selezionate per il campione aderiscano. Partecipare non è obbligatorio, ma conoscere la situazione epidemiologica in Italia e la propria condizione personale serve a ognuno di noi.

"Credo che la decisione di ampliare i test sierologici anche ai laboratori privati - conclude Riccardi - permetterà a molte aziende, che già ne avevano fatto richiesta, di effettuare le analisi per la presenza degli anticorpi sui dipendenti. Ma spero che anche chi è stato selezionato per svolgere gratuitamente l'esame possa decidere di partecipare allo studio".

1 Commenti
reant1972@libero.it

Se mi chiamassero aderirei subito perché il test fatto privatamente ha un suo costo e si spera che i dati siano analizzati correttamente. Purtroppo questa iniziativa paga anni di telefonate commerciali non richieste che provengono da numeri di ogni forma e provenienza per cui l'utente medio preferisce sempre non rispondere alla chiamata da un numero sconosciuto. Se avessero reso pubblico quel numero prima forse ci sarebbero state più adesioni.

Cronaca

Economia

Politica

Spettacoli

Sport news

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori