Home / Spettacoli / 'Camping' e 'Fiore di Cactus' per il Festival Internazionale Mascherini

'Camping' e 'Fiore di Cactus' per il Festival Internazionale Mascherini

Continua fino al 31 ottobre, nei teatri di Azzano Decimo e Gozzi di Pasiano di Pordenone. Sabato 7 novembre la serata di gala con I Papu

\u0027Camping\u0027 e \u0027Fiore di Cactus\u0027 per il Festival Internazionale Mascherini

Continua venerdì 16 e sabato 17 ottobre il “Festival Internazionale dedicato a Marcello Mascherini”, che si concluderà sabato 7 novembre con la tradizionale serata di gala, quando finalmente sarà reso pubblico il titolo dello spettacolo che si aggiudicherà la “Foglia della magia”, preziosa opera d’arte realizzata dallo scultore azzanese di fama internazionale Dante Turchetto. Venerdì 16, alle 21, il Teatro Gozzi di Pasiano di Pordenone ospiterà la Compagnia teatrale “Ronzinante Teatro” di Merate (Lecco) che porterà in scena “Camping” di Lorenzo Corengia. Sabato 17, alle 21, la Compagnia teatrale “Colonna Infame” di Conegliano porterà in scena “Fiore di Cactus” di Pierre Barillet e Jean-Pierre Grédy trad. Giulia Serafini (regia di Paolo Zardetto).

Camping è il nome di una roulotte, lì ferma dal 1992 davanti al lago di Memphremagog nel Vermont (USA). Camping è diventata negli anni la cornice perfetta dei momenti di svago di tre amici New Yorkesi, Ethan, Sean e Brian e poi di Elisabeth, la compagna di uno di loro. Ogni occasione è buona per andare “da” Camping: il lago, qualche birra, la pesca e la pace di un posto tutto loro; l’evasione temporanea di un campeggio che trasforma semplici momenti in fotografie di spensierata felicità. Ma la vita, a volte, non aspetta che tutto finisca con dei bei ricordi legati ad un luogo magico: i tre amici dovranno affrontare una sfida più grande di loro, più grande della loro amicizia, superabile solo con una scelta estrema da cui non si può tornare indietro. La dimensione del tempo perderà la sua importanza per svanire tra le pieghe dei ricordi ed un presente difficile da accettare. La tristezza ed il dolore avranno come inaspettate compagne di viaggio la gioia e la risata. La vita, in fondo, ha una trama molto semplice: si nasce, si vive, si muore; quello che ci sta in mezzo è un magnifico puzzle di momenti, gesti, ricordi, emozioni e migliaia di fotogrammi che si imprimono. E poi ci sono dei luoghi che diventano la cornice imperfetta della nostra vita, uno di questi luoghi è Camping.


Ci può essere un lato romantico in un cactus? Certo, se c’è una storia brillante a farlo sbocciare. Una storia che parla d’amore e di un insolito triangolo: un dentista playboy che si finge già sposato per evitare le domande di matrimonio, la ragazza che gli ha fatto perdere la testa e che ora vorrebbe sposare, e un’assistente piena di misteri che diventerà la moglie per ­finta dalla quale poter ­finalmente divorziare. Ma uscire da un castello di bizzarre, stravaganti e divertenti bugie è tutt’altro che facile! Fiore di cactus è un gioco a rincorrersi in cui compaiono attori spiantati, commediografi­ fumosi e bionde fatali, una girandola di emozioni e risate in cui è bello lasciarsi trasportare dal flusso delle gag e dei colpi di scena. Ma è anche un viaggio a tutta velocità per liberarsi dalle paure e scoprire la gioia di essere se stessi.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori