Home / Spettacoli / 'Peninsula', il nuovo zombie blockbuster di Yeon Sang-ho

'Peninsula', il nuovo zombie blockbuster di Yeon Sang-ho

\u0027Peninsula\u0027, il nuovo zombie blockbuster di Yeon Sang-ho

Anteprima nazionale alla Festa del Cinema di Roma, giovedì 22 ottobre, poi la partecipazione al Trieste Science+Fiction, per il film distribuito dalla friulana Tucker Film

Sarà la Tucker Film a distribuire in Italia Peninsula, l’attesissimo zombie blockbuster di Yeon Sang-ho con cui si chiude la trilogia aperta da Seul Station e portata avanti dal cult Train to Busan (entrambi gioielli del catalogo Tucker). Il film verrà presentato in anteprima italiana alla Festa del Cinema di Roma (giovedì 22 ottobre, alle 21.30, al Cinema Europa) e parteciperà poi al Trieste Science+Fiction Festival (dal 29 ottobre al 3 novembre). Nuova storia e nuovi personaggi (Peninsula non è un sequel: si svolge semplicemente nell’universo narrativo di Train to Busan), ma l’adrenalina è sempre la stessa. Anzi: ne scorre anche di più!

Un’occhiata alla trama? Quattro anni dopo l’apocalisse zombie raccontata da Train to Busan, la penisola coreana è completamente devastata e isolata dal resto del mondo. È una terra dimenticata da Dio e dagli uomini. Jung-seok, un ex militare che era miracolosamente riuscito a fuggire a Hong Kong, s’imbatte in un delinquente americano che gli affida un allettante quanto pericolosissimo incarico: dovrà recuperare un camion abbandonato nel centro di Seoul…


Lasciando la parola a Yeon Sang-ho: "Ho voluto raccontare la storia di persone normali che vivono in una società razionale, moderna, e che improvvisamente devono reagire di fronte a un nuovo mondo, avvolto da una barbarie che si oppone ai valori umani". E ancora. "Se con Train to Busan ho messo in scena una guerra con gli zombie sotto il sole, la quasi totalità di Peninsula si svolge di notte. Ma non volevo che il pubblico si sentisse soffocato, quindi ho creato scene notturne luminose. Il direttore della fotografia, Lee Hyung-deok, ha utilizzato una tecnica nota come Day for Night, in cui le scene notturne vengono girate alla luce del giorno…".

Primo successo commerciale estivo post-Covid in Corea del Sud, anche Peninsula (come Train to Busan) era stato selezionato dal Festival di Cannes e trabocca letteralmente di scene d’azione. Tra queste, un memorabile inseguimento per le strade di Seoul che sembra uscito da Mad Max: Fury Road e non ha precedenti nella – pur generosa – storia degli action coreani.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori