Home / Spettacoli / 'Verdi legge Verdi' al Comunale di Monfalcone

'Verdi legge Verdi' al Comunale di Monfalcone

Teatro, musica e canto nell'originale interpretazione di Massimiliano Finazzer Flory, domenica 7 novembre

\u0027Verdi legge Verdi\u0027 al Comunale di Monfalcone

L’originale interpretazione di Giuseppe Verdi, scritta e interpreta dal regista, attore e drammaturgo Massimiliano Finazzer Flory, viene offerta al pubblico del Friuli Venezia Giulia dal Comune di Monfalcone con lo spettacolo “Verdi legge Verdi”, che andrà in scena domenica 7 novembre, alle ore 16.00, al Teatro Comunale (ingresso gratuito, prenotazioni alla biglietteria del teatro, dal lunedì al sabato, dalle 17 alle 19, contattando il numero 0481/494664 oppure via mail: biglietteria.teatro@comune.monfalcone.go.it - obbligo di Green Pass).
Un’opera d’eccezione e di successo che, nell’unire magistralmente teatro, musica e canto, esplora la biografia di Verdi dando voce al compositore con una selezione di lettere originali dedicate all’Italia, alla musica, alla politica, all’arte, e a tre passioni di Verdi: Dante, Manzoni e Shakespeare. Con l’accompagnamento musicale di Massimo Morelli al pianoforte e del baritono Enrico Cossutta nel ricordo di alcune delle sue opere più significative (Nabucco, Don Carlos, Rigoletto, Macbeth, Otello, Falstaff…), la piéce è un omaggio alla musica e all’opera lirica italiana e, al tempo stesso, una straordinaria opportunità di approfondimento storico e culturale.

“Di Giuseppe Verdì è nota l’opera della sua musica” – afferma Massimiliano Finazzer Flory – “ma prima del compositore c’è un uomo che scrive, che legge, con un rapporto quasi fisico con i suoi libri, le sue letture: nel monologo, tratto da autentiche parole e pensieri di Verdi, la drammaturgia non dimentica l’amore per I Promessi Sposi ma anche riferimenti ai tre capolavori shakespeariani Macbeth, Otello, Falstaff. Uno spettacolo” – conclude – “dalla forte carica emotiva e formativa, molto adatto e apprezzato anche dai giovani”.
Voce e volto del compositore, Finazzer Flory ne assume perfettamente le sembianze, giocando sull’immaginario incontro tra il Verdi di oggi e il Verdi del passato, mettendolo in scena come un romanzo, raccontando le tante sfaccettature e i lati straordinari della personalità del massimo operista italiano dell’Ottocento.
In un’unica narrazione in nove episodi, intervallata dalla selezione delle più celebri pagine verdiane, il compositore emiliano rivive attraverso la sua famiglia, la prima spinetta, la sua formazione, il Conservatorio; il suo rapporto con la musica e Wagner, i librettisti come Arrigo Boito, i suoi consigli a un giovane compositore e ai cantanti; la sua relazione con Milano e l’Italia, la sua esperienza di deputato; il suo punto di vista sull’arte, sulla musica; il suo giudizio del pubblico e l’incontro con i direttori, in particolare Toscanini; la sua relazione con Shakespeare e le sue verità su Otello, Macbeth e Falstaff e il dietro le quinte de Rigoletto e Traviata; i suoi libri più amati, Dante Alighieri e I promessi sposi di Alessandro Manzoni; il suo rapporto con Parigi, Londra, l’amore per la natura; Un breve ricordo di tutte le sue opere dall’Oberto al Falstaff.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori