Home / Spettacoli / A Pordenone 'Aspettando Godot' interpretato da clown

A Pordenone 'Aspettando Godot' interpretato da clown

A Pordenone \u0027Aspettando Godot\u0027 interpretato da clown

Un'anteprima assoluta con lo spettacolo ispirato all'opera di Samuel Beckett: mercoledì 12 agosto, nell’Oasi di via Selvatico, per la rassegna 'Le Primizie de L’Arlecchino Errante'

Un'anteprima assoluta con l'immortale "Aspettando Godot" interpretato da clown: ultimo appuntamento mercoledì 12 agosto nell’Oasi di via Selvatico a Pordenone per la rassegna “Le Primizie de L’Arlecchino Errante” della Scuola Sperimentale dell’Attore alle 19 con l'opera di Samuel Beckett. Ma il progetto contenitore “di Mercoledì alle 19” proseguirà poi dal 19 agosto con i “Teatri nel Giardino del Mondo”, al parco della Madonna Pellegrina fino a 2 settembre.

Realizzato dalla Compagnia Hellequin, lo spettacolo è nuovo. "È nato a giugno - spiega Ferruccio Merisi presidente della Scuola -, in due puntate, come diretta Facebook. Da quel primo nucleo, è stato elaborato uno spettacolo molto intrigante che cambia a seconda dell’ambientazione: nell’Oasi di via Selvatico, la facciata liberty dell’ex asilo diventerà parte stessa della scenografia. Salvo qualche espediente di traduzione più incisiva, il testo di Beckett è rispettato fino in fondo: in un'oretta, tutta la parte centrale, tutta l’essenza di uno dei più grandi testi del ‘900 riesce ad arrivare a tutti, compresi i bambini".


...Eppure non manca una virgola: salvo qualche espediente di traduzione più incisiva, il testo di Beckett è rispettato fino in fondo. Mancano è vero delle pagine intere, ma si è dovuto rispettare il bioritmo dei clowns: come certe farfalle, loro non vivono più di un’ora... E forse è così anche per il loro pubblico! Ma in quell’oretta, tutta la parte centrale, tutta l’essenza di uno dei più grandi testi del ‘900 riesce ad arrivare a tutti, compresi i bambini. E’ incredibile come, spogliata dai cliché dell’equazione assurdo=noia, la storia di Vladimiro ed Estragone si iscrive prepotentemente nel libro del “Non ci resta che Ridere”, rivelando, nello sguardo disincantato sulla vita moderna, tutta l’umanità, la poesia, la tenerezza, l’allegria di fondo intesa come incapacità di tristezza, in cui ci riconosciamo tutti, in mezzo alle difficoltà.
Aspettando Godot è un testo geniale e sempre più attuale. Durante il lockdown l’abbiamo studiato on line, con qualche diretta facebook per studiare "con" il pubblico. E adesso siamo arrivati a questa anteprima live assoluta, che in streaming abbiamo scoperto essere adatta anche ai bambini. E’ uno spettacolo pensato per ambientazioni sempre diverse a seconda dei luoghi che visita. Qui all’Oasi utilizza la facciata liberty come “vecchio mondo”, la ghiaia come spiaggia prosciugata, la rampa per disabili come strada per l’altrove. La prossima replica sarà in una cantina, prima della vendemmia...

Al giorno d’oggi (purtroppo) tante assurdità sono evidenti, persino nella vita di tutti i giorni. Le azioni e i comportamenti che ne scaturiscono sono tragicamente divertenti. Così questo famoso testo risulta in un certo modo più comprensibile e riceve una nuova e straordinaria attualità. Sarà che qualche tipo di virus era nell’aria anche quando Beckett l’ha scritto. E ridono (di comprensione elementare) anche i bambini. Sarà che anche loro negli ultimi tempi, senza troppo dirlo, hanno sofferto...

Lo spettacolo andrà in scena mercoledì 12 agosto alle 19 all'Oasi di via Selvatico, che sempre più rivela il suo genius loci di incubatore di umanità e produttività. Per prenotazioni, richieste di invito, proposte: 340 9330447. La sede di via Selvatico, messa a disposizione con convenzione dal Comune di Pordenone, è uno spazio diventato una vera e propria Oasi teatrale estiva.

Per la Scuola Sperimentale dell’Attore, in questo periodo, c’è anche l’impegno nella piccola arena bambini di piazza XX Settembre, organizzata dal Comune di Pordenone. Ogni giovedì, fino al 20 agosto, una favola breve e bella, alle ore 18, 19, 21.

 

ASPETTANDO GODOT
messo in scena dai clown...
di Samuel Beckett
adattamento e regia di Ferruccio Merisi
con Lucia Zaghet – Vladimiro, Martina Santelia – Estragone,
Daria Sadovskaia – Pozzo, Giuia Colussi - Lucky
produzione: Scuola Sperimentale dell’Attore - L’Arlecchino Errante 2020

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori