Home / Spettacoli / Al Teatro Verdi di Trieste torna Madama Butterfly

Al Teatro Verdi di Trieste torna Madama Butterfly

Appuntamento dal primo ottobre a sabato 9 con l'opera di Giacomo Puccini

Al Teatro Verdi di Trieste torna Madama Butterfly

Madama Butterfly, musica di Giacomo Puccini, torna al Teatro Verdi di Trieste dall’1 al 9 ottobre. Maestro Concertatore e Direttore Francesco Ivan Ciampa, regia di Alberto Triola con la collaborazione di Libero Stellutti, Maestro del Coro Paolo Longo. Allestimento, orchestra, coro e tecnici della Fondazione Teatro Lirico Giuseppe Verdi di Trieste.

In scena Madama Butterfly (Cio-Cio-San) sarà Evgenia Muravera e Federica Vitali, F.B. Pinkerton Francesco Castoro e Riccardo Rados, Sharpless Elia Fabbian e Luca Galli, Suzuki sarà Na’Ama Goldman. Goro verrà interpretato da Andrea Schifaudo, il Principe Yamadori da Dario Giorgelè, lo Zio Bonzo da Cristian Saitta, Kate Pinkerton da Silvia Verzier e Anna Katarzyna, il Commissario Imperiale/l’ufficiale del registro da Giovanni Palumbo e Giuliano Pelizon, il Mimo da Annalisa Esposito.

La prima rappresentazione al Verdi risale al 1914, l’ultima al 2019, “questa volta - anticipa il Direttore Artistico Paolo Rodda - c’è una rivisitazione nella regia che credo si rivelerà particolarmente interessante per il pubblico”.


“Ci si dimentica troppo spesso di un dettaglio che dettaglio non è - spiega nelle note di regia Alberto Triola - la protagonista di Madama Butterfly è una ragazzina di quindici anni. Ciò che mi ha guidato con Libero Stelluti nei primi passi dell’ideazione dello spettacolo è il tentativo di collocare il centro emotivo di tutta la storia dentro la testa - anzi: il cuore, l’anima - di questa adolescente, e di provare a vedere il mondo, gli altri, l’amore e la maternità con i suoi occhi. Abbiamo provato a sentire come sente una ragazzina sensibile e romantica, con anima di artista, colpita dal destino e dalle ristrettezze di una improvvisa miseria familiare, costretta a crescere troppo in fretta, in anni in cui il mondo inizia da un lato a rimpicciolirsi e dall’altro ad aprirsi a viaggi e a scoperte, creando occasioni di incontro tra culture diverse”.

Il Maestro Ciampa ha ottenuto numerosi premi e riconoscimenti nella sua carriera. Regolarmente invitato a dirigere nei teatri più importanti del mondo, ha guidato grandi produzioni italiane e internazionali, come La Traviata all’Opera Bastille, il Nabucco alla Deutsche Oper Berlin, L’Elisir d’Amore al Colon di Buenos Aires, La Traviata alla Fenice di Venezia e al Regio di Torino ed ancora Rigoletto e Madama Butterfly ad Ancona, Attila a Bilbao, Turandot e tante altre.
Triola dal 2002 è al vertice di teatri e festival italiani. Dopo aver maturato il proprio profilo professionale in quattordici stagioni al Teatro alla Scala, ha lavorato a fianco di grandi maestri e da dieci anni svolge una parallela attività artistica come regista. Si è distinto soprattutto in Germania e Austria, ma anche in altri Paesi, firmando diversi spettacoli che hanno raccolto un grande successo.
Anche Stellutti vanta alle spalle una lunga esperienza in Italia e all’estero, in oltre sessanta produzioni tra prosa e opera lirica, nelle quali ha lavorato come regista, aiuto regia e attore.

IL CAST: Madama Butterfly (Cio-Cio-San) sarà Evgenia Muravera e Federica Vitali. Muraveva ha vinto numerosi concorsi internazionali, è solista ospite regolare del Teatro Mariinsky, prima ancora era solista dell'Opera da camera di San Pietroburgo. Anche per Vitali tanti i riconoscimenti ottenuti, oltre a tanti ruoli ricoperti nei teatri di tutta Italia. Pinkerton avrà la voce di Francesco Castoro e Riccardo Rados. Castoro conta nella sua carriera tanti ruoli da protagonista, come Alfredo ne La traviata, Edgardo in Lucia di Lammermoor, Nemorino ne L’elisir d’amore, Tebaldo ne I Capuleti e i Montecchi, Gennaro in Lucrezia Borgia, Ernesto in Don Pasquale, Monostatos in Die Zauberflöte, e tanti altri, oltre a recital, concerti e tournée internazionali. Rados, giovane triestino classe 1992, ha studiato al conservatorio Tartini, con impegni negli ultimi anni in Italia e all’estero. Elia Fabbian e Luca Galli saranno Sharpless. Fabbian si è esibito nei più importanti teatri italiani e internazionali fra i quali Teatro alla Scala di Milano, Arena di Verona, Liceu de Barcellona, Deutsche Oper di Berlino, Bayerische Staatsoper di Monaco e tanti altri. Galli, giovanissimo, classe 1994, al Verdi di Trieste ha debuttato nel ruolo di Uberto nella Serva Padrona di G. Paisiello e poi in Betto, in Gianni Schicchi di G. Puccini. Suzuki sarà Na’Ama Goldman, protagonista in tanti teatri in Italia e all’estero, come solista si è esibita in numerosi concerti con le più importanti orchestre israeliane.

I PRECEDENTI: la prima rappresentazione di Madama Butterfly al Verdi risale al 1914, in scena poi nel 1929, 1939, 1942, 1945, 1948, 1949, 1954, 1962, 1966, 1972, 1979, 1984, 1989, 1997, e ancora nel 2002, 2005, 2010, 2014 e nel 2019. Per un totale di 128 rappresentazioni complessive.

LE DATE: Madama Butterfly andrà in scena l’1 e il 2 ottobre alle 20.30, il 3 ottobre alle 16, il 5 e l’8 ottobre alle 20.30 e e il 9 ottobre alle 16.

BIGLIETTERIA: è aperta da martedì a sabato dalle 9 alle 16. Domenica dalle 9 alle 13:30. È possibile contattare via telefono la biglietteria del Teatro Verdi tutti i giorni al numero verde 800 898 868, dalle 9 alle 21. A disposizione anche l’email boxoffice@teatroverdi-trieste.com.

MISURE DI SICUREZZA: per accedere a teatro è obbligatorio esibire all’ingresso il biglietto nominativo e il Green Pass (la certificazione conseguente al vaccino o la negatività al tampone). Resta in vigore l’obbligo di indossare la mascherina ffp2 o ffp3 durante tutto lo spettacolo.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori