Home / Spettacoli / Al Verdi di Pordenone la magia di Slava’s Snowshow

Al Verdi di Pordenone la magia di Slava’s Snowshow

Da mercoledì 26 a sabato 29 ottobre in scena lo spettacolo di culto dell'inarrivabile mimo e clown di origine russa

Al Verdi di Pordenone la magia di Slava’s Snowshow

Un mondo fatto di nevicate di bolle di sapone, palloncini al guinzaglio, letti-velieri nel mare in burrasca, cappotti che si animano, bufere di fiocchi di carta: questo è l’incantevole universo del prodigioso artista Slava Polunin inarrivabile mimo e clown di origine russa, considerato un vero poeta del pensiero e del gesto: il suo spettacolo di culto, il celeberrimo Slava’s Snowshow, approda in prima regionale al Teatro Verdi di Pordenone tra mercoledì 26 e sabato 29 ottobre (ore 20.30, sabato in doppia replica 16.30 e 20.30), ulteriore evento chiamato a celebrare il Centenario della nascita del teatro pordenonese.

In scena dal 1993 con oltre 6000 spettacoli e oltre 4 milioni di spettatori, lo show ideato da Slava - considerato "il miglior clown del mondo" - è definito come "un classico del teatro del XX secolo" (The Times, Londra).

Asissai, il suo clown più celebre, una figura commovente e ironica vestito di una tuta gialla da lavoro e con un paio di pantofole rosse soffici, incanta il pubblico senza distinzioni di età, in uno show epico e lirico, tenero e appassionato, saggio e ingenuo. Questo personaggio meditabondo, gentile e poetico come si conviene a un clown di tradizione, seppur rivisitato in chiave contemporanea, è nato prendendo spunto dalla tristezza poetica dei clown di Leonid Engibarov, dalla raffinata filosofia della pantomima di Marcel Marceau, dall’umanità e dalla comica amarezza dei grandi film di Chaplin, che l’artista li considera i suoi maestri.

Slava e la sua Compagnia – fondata nel 1979 – danno da subito una nuova valenza al ruolo del clown, estrapolandolo dal mondo circense e portandolo nelle strade prima, e nei più grandi teatri del mondo poi. La sua tecnica fonde teatro visivo e clownerie e molti degli ex-allievi di Slava hanno preso parte alle produzioni del Cirque du Soleil. In “Slava’s Snowshow” si concentrano le gag e i numeri più suggestivi della sua carriera. Il suo teatro si fonda, come dice lo stesso artista "su taccuini di appunti, dove annoto continuamente le mie fantasie: se devo proprio azzardare dei riferimenti letterari, posso dire che i miei autori preferiti sono Gogol e Bulgakov".

Slava Polunin nasce in una piccola città russa, lontano dai grandi centri urbani. Trascorre tutta la sua infanzia in mezzo alle foreste, ai campi e ai fiumi. Vive in un mondo incontaminato che ha sviluppato le sue capacità di inventare cose e storie sempre nuove. Il suo sogno è quello di poter diventare un clown; un desiderio talmente forte che lo spinge all'età di 17 anni a trasferirsi a San Pietroburgo (allora Leningrado): l'intenzione di studiare ingegneria ben presto si interrompe e si iscrive a una scuola di mimo. Inizia così il lungo cammino di Slava verso la riscoperta e la riaffermazione dell'arte del vero clown. Slava’s Snowshow è un vero e proprio cult poetico teatrale, universale e senza tempo che ha incantato centinaia di città e milioni di spettatori di tutte le nazionalità, genere, tipi ed età, probabilmente come nessun altro spettacolo. Una festa in cui abbandonarsi alla meraviglia.

Info e biglietti: www.teatroverdipordenone.it, biglietteria@teatroverdipordenone.it Tel 0434 247624

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori