Home / Spettacoli / Dietro lo schermo, protagonisti e successi del cinema in regione

Dietro lo schermo, protagonisti e successi del cinema in regione

Serata evento al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, venerdì 25 settembre, ripercorrendo la storia del Fondo per l’Audiovisivo del Fvg

Dietro lo schermo, protagonisti e successi del cinema in regione

Tredici anni di attività sul territorio regionale e tanti importanti obiettivi raggiunti: è un bilancio più che positivo quello che il Fondo per l’Audiovisivo del FVG, associazione finanziata dall’Assessorato Regionale alle Attività Produttive, si appresta a raccontare nel corso dell’evento Dietro lo schermo. Storie, protagonisti e successi del cinema FVG, in programma al Teatro Nuovo Giovanni da Udine venerdì 25 settembre 2020 (inizio ore 18.30) alla presenza dei rappresentanti delle istituzioni pubbliche e private della Regione.

Attivo dal 2007, il Fondo si pone l’obiettivo di contribuire alla qualificazione delle risorse professionali e di favorire lo sviluppo delle imprese locali attive nel settore della produzione audiovisiva. Nel suo curriculum si collocano ad esempio il sostegno alla friulana Rosamont di Giuseppe Battiston e Marica Stocchi, che ha prodotto il film Le sorelle Macaluso di Emma Dante recentemente presentato a Venezia e ora in circuito nelle sale italiane, nonché a tanti altri pluripremiati progetti come Tir, Zoran il mio nipote scemo, Dancing with Maria, Easy, L’ultima spiaggia. Fra i registi, corrono i nomi di Alberto Fasulo, Matteo Oleotto, Davide Del Degan, Andrea Magnani, Ivan Gergolet.


Dietro lo schermo offrirà dunque l’occasione per ripercorrere le tappe fondamentali dell’attività del Fondo ma non solo: saranno infatti presentati i risultati di un’indagine - la più estesa mai realizzata per il settore in FVG – che ci consegnerà la fotografia delle imprese regionali operanti nell’audiovisivo testimoniandone la crescita e i successi. “Successi che sono il risultato di una strategia basata su azioni con una ricaduta diretta, nello specifico i contributi per formazione, sviluppo e distribuzione - precisa il Direttore del Fondo, Paolo Vidali - e azioni con una ricaduta indiretta, ovvero tese a favorire la crescita del know-how, del networking e dell’accesso al mercato internazionale delle imprese audiovisive regionali. La combinazione di queste attività ha permesso al Fondo di promuovere la produzione culturale di alta qualità e allo stesso tempo di fare impresa, creando le condizioni ottimali per la crescita del settore audiovisivo dal punto di vista economico.”

Nel corso della serata sarà consegnato anche un premio agli autori e all’impresa che più si sono contraddistinti nella produzione audiovisiva regionale. Tre i riconoscimenti in palio: al miglior regista di fiction, al miglior regista di documentari e all’impresa che, negli anni, ha raggiunto i migliori risultati in termini di mercati raggiunti e partecipazione a festival.

Finanziato dall’Assessorato alle Attività Produttive della Regione Friuli Venezia Giulia, il Fondo per l’Audiovisivo del FVG si pone come obiettivo principale quello di favorire lo sviluppo delle imprese locali che operano nel settore della produzione audiovisiva, nonché di contribuire alla qualificazione delle relative risorse professionali. Attraverso l’istituzione di più Bandi all’anno l’Amministrazione Regionale, tramite il Fondo, concede contributi ad imprese di produzione indipendenti aventi sede nel Friuli Venezia Giulia fino alla misura massima del 50 per cento della spesa ammissibile per la formazione, lo sviluppo di progetti e la distribuzione di prodotti audiovisivi destinati al mercato regionale, nazionale e internazionale; il beneficiario dovrà garantire il resto del finanziamento. Per le borse di studio, il contributo potrà arrivare al 90 per cento. Tre sono i settori interessati alla richiesta dei contributi: formazione, sviluppo e distribuzione. Possono venire presentate opere dei seguenti generi: cortometraggi, filmati d’animazione, documentari e fiction.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori