Home / Spettacoli / Dub e Fleshtones all'Astro Club di Fontanafredda

Dub e Fleshtones all'Astro Club di Fontanafredda

Venerdì delle crew di Pordenone, mentre sabato spazio al garage d’annata degli statunitensi

Dub e Fleshtones all\u0027Astro Club di Fontanafredda

Venerdì 8 novembre arriva PN DUB SOUND, l’evento di Dub Music delle crew pordenonesi. Un impianto autocostruito e selecter massicci faranno vibrare l’Astro con ritmo in levare per ore e ore. Dal Reggae Roots al Dub più wise in circolazione. Ai controlli Andy B, Cultural redemption, King Claudio outta Wicked Dub Division Band e Black Lion Hi-Vibes resident system in full power.

Apertura porte alle 22, è previsto un contributo, obbligatoria la tessera Federitalia. Sabato 9 novembre arrivano i Fleshtones! Sopravvissuti al punk rock, alla new wave, alla no wave, al neo garage, al post-punk, al grunge, senza mai cedere di fronte alle mode passeggere, ai sorrisi di scherno dei loro detrattori e alla birra non alcolica, The Fleshtones sono la bandiera del garage rock mondiale.

La loro biografia è una di quelle dove mito e leggenda si confondono alla realtà dei fatti. Secondo il mito The Fleshtones nascono a New York, in un caseggiato del Queens quando due ragazzi, Keith Streng e Marek Pakulski trovano alcune chitarre nello scantinato della casa dove abitano. Senza la minima idea di come si accorda una chitarra o di come si pizzica una corda, ma imbottiti di rock and roll e rithm and blues, imbracciano quelle chitarre, trovano degli amplificatori e cominciano a far rimbombare quello scantinato con l'aiuto di un batterista locale. Un giorno Peter Zaremba, un amico studente d'arte con un'armonica e lunghi basettoni si attacca a un fusto di birra e chiama la band The Fleshtones.
Secondo la storia il debutto avvenne al CBGB nel 1976 e nel 1980 pubblicarono con la I.R.S. Records il loro primo album Roman Godsand Hexbreaker, considerato la pietra miliare del genere garage rock.

Negli anni '80 e '90 The Fleshtones hanno pubblicato una serie di album e hanno regolarmente girato in tour dai piccoli club ai grandi festival. Oggi The Fleshtones sono l'unica band tra tutte quelle che a metà anni settanta suonavano regolarmente al CBGB e al Max's Kansas City ad essere ancora sulla cresta dell'onda senza un solo anno di inattività. Oltre 20 album, una quantità infinità di concerti e numerosi Ep sono il bagaglio che si portano appresso questi signori del garage. E, non dimentichiamolo, inventano il più micidiale cocktail che si possa immaginare: garage rock, R&B, disco music, horror music e frat rock, il tutto shakerato per bene e servito con litri e litri di birra, il Super rock.
Forse la cosa può sembrare parecchio noiosa, è vero, ma se così pensate probabilmente non li avete mai visti sul palco: ironici, iperattivi, veri intrattenitori oltre che musicisti impeccabili… un vero spettacolo.

Prima di loro spazio al garage sound dei The Thinglers. Apertura porte alle 22, è previsto un contributo oltre alla tessera Federitalia obbligatoria.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori