Home / Spettacoli / Ecco il programma del Muja Buskers Festival

Ecco il programma del Muja Buskers Festival

La sesta edizione si terrà a Muggia, dal 25 al 28 agosto, con un cartellone ricchissimo

Ecco il programma del Muja Buskers Festival

Il Muja Buskers Festival, festa del circo contemporaneo e teatro di strada, torna a Muggia dal 25 al 28 agosto con un cartellone ricchissimo. 38 appuntamenti tra spettacoli per tutte le età e laboratori per bambini verranno messi in scena da 8 compagnie e da 9 allievi della prestigiosissima Scuola di Circo Flic di Torino. Artisti provenienti da Argentina, Austria, Belgio, Cile, Guatemala, Inghilterra, Italia, Messico, Spagna e Svizzera faranno divertire e sognare il pubblico dando vita a divertenti commedie circensi, bubble show, incredibili numeri di bicicletta acrobatica, trapezio, equilibrismo, corda e tessuti aerei, giocoleria e clown. Le performance - per lo più a ingresso libero o con biglietto venduto al prezzo simbolico di 2 euro -avranno luogo nei sei spazi di piazza Caliterna, piazza Marconi, Teatro Verdi, Biblioteca Comunale, Oratorio Penso e Sal de Mar.

La manifestazione, con la direzione artistica di Riccardo Strano, è organizzata dall’Associazione Sparpagliati con il Comune di Muggia e il sostegno del Ministero della Cultura – Fondo Unico per lo Spettacolo, del Servizio Attività Culturali e del Servizio Turismo della Regione Friuli Venezia Giulia.

Il programma della sesta edizione del festival è stato accuratamente scelto per essere anche un punto d'incontro, confronto e crescita tra artisti esperti e talenti più giovani. Come spiega il direttore artistico Riccardo Strano: “Un’atmosfera fatta di emozioni e poesia. Il Muja Buskers Festival è come un’onda che arriva all’improvviso, tutti la osservano e aspettano che invada la città. È così che il circo contemporaneo fa capolino nelle menti e nel cuore di tutto il pubblico e insieme agli artisti trasforma il festival in uno dei patrimoni culturali della città. Siamo giunti alla sesta edizione, il festival è diventato un appuntamento annuale a livello nazionale per il circo contemporaneo. Il Muja Buskers è qualcosa di unico e irriproducibile: una settimana di incontro, di ricerca e creazione artistica tra giovani artisti e professionisti internazionali e provenienti da tutta Italia".

"Attraverso le sperimentazioni che si svolgono la mattina, in sala prove, gli artisti si incontrano e mettono a disposizione i propri metodi in momenti laboratoriali di scambio, mettendosi in gioco anche con l’intento di scardinare i propri stili. Le esibizioni pomeridiane e serali sono cariche di questa energia e di questi stimoli. Per gli artisti di circo contemporaneo il Muja Buskers è un appuntamento di fine stagione che lascia il segno perché hanno la possibilità di provare a modificare la propria ricerca artistica avendone un diretto riscontro con un pubblico, come quello di Muggia, che è estremamente accogliente, attento e che entra molto in relazione con il performer. Allo stesso tempo gli spettatori sono coinvolti in un’atmosfera di intensa partecipazione che crea una grande empatia e una stretta relazione con gli artisti. Il Muja Buskers Festival fa parte dell’iniziativa Circo contemporaneo Fvg".

Così Andrea Lovrecic, presidente dell’Associazione Sparpagliati: “Torna il Muja Buskers Festival con tutta la sua magia! Gli Sparpagliati si ritrovano per essere motore dell'incantesimo generato dall'interazione tra gli artisti, la splendida Muggia, i suoi abitanti e il pubblico, affezionato e nuovo. La manifestazione è cresciuta nel tempo anche grazie al Comune di Muggia e alla Regione Friuli Venezia Giulia e grazie alla rete creatasi con moltissime realtà associative territoriali e con le realtà di circo regionali e nazionali. Nei giorni del festival, la macchina organizzativa si muove anche grazie a oltre cinquanta volontari. Oggi il Muja Buskers Festival è una realtà di circo pienamente riconosciuta e apprezzata, ha anche ottenuto il riconoscimento del Ministero dei Beni Culturali che lo ha premiato con il sostegno del FUS Fondo unico dello spettacolo sia nel 2021, come festival di circo contemporaneo non competitivo, sia nel 2022 con un finanziamento triennale. Al centro del Muja Buskers ci sono i valori del volontariato, dell’aggregazione sociale, dell’arte di strada e della cultura come mezzo per intessere relazioni umane, creare ponti e prendersi cura gli uni degli altri. L'associazione è entusiasta di riabbracciare gli amici mujesani e i fantastici volontari per regalare a grandi e piccini un favoloso sogno e divertimento all'insegna della cultura, dello spettacolo dal vivo e della spensieratezza”.

“ll Muja Buskers Festival – ricorda Nicola Delconte, vicesindaco di Muggia - ritorna a Muggia in centro storico, finalmente senza le limitazioni legate al covid. Saranno quattro giorni di grandi spettacoli, che come sempre garantiranno intrattenimenti ai muggesani ma che susciteranno anche l'interesse di tanti turisti. Un evento che animerà nuovamente Muggia dopo il Carnevale estivo da poco concluso. Buon lavoro allo staff del Muja Buskers e buon divertimento a tutti”.

IL PROGRAMMA. La ricca proposta dell'edizione 2022 vedrà tra i suoi protagonisti Tripotes la Compagnie (Spagna/Svizzera) con Encore une fois, uno spettacolo basato sull'idea che l'errore sia consentito, che ridefinisce lo spazio verticale e orizzontale, senza far mai dimenticare al pubblico che il circo è rischio. Il tutto condito da acrobazie improvvisate a ritmo di... palline di ping-pong! La semplicità dell'assurdo, la fisicità e la magia dell'improvvisazione fanno godere gli spettatori di momenti di pura emozione. Accumulo, ripetizione, rischio, controllo, pericolo gli elementi in gioco in una performance emozionante e super acrobatica a ritmo di musica.

La combine Cile-Italia del ByK Cirque propone Istinto, uno spettacolo pieno di simboli che parla attraverso il circo e il teatro raccontando la storia di un uomo che cerca di reprimere il suo carattere, la rabbia, l'amore, la follia. Scala acrobatica, tessuti aerei, fruste, trapezio duo sono il punto di unione di questo intimo rito. Uno spettacolo di circo contemporaneo che comprende molte discipline circensi in una storia sui legami umani eterni e invisibili.

Il Duo Kaos (Guatemala/Italia) con Time to Loop, tra acrobazie e ruote, crea una storia sul movimento, la trasformazione e la poesia in una sincronia perfetta. La costruzione e la distruzione sono parte dello stesso meccanismo ma con romanticismo e leggerezza questo duo trasformerà il Kaos in Armonia. Acrobazie sincronizzate in un gioco d’amore e di equilibrio, poetico e romantico.

A riportare il pubblico in una dimensione più ludica e leggera ci penserà l'artista italiano Simone Romanò dando vita in Hip-Hop ad un personaggio immaginifico, sospeso tra giocoleria e verticalismi, capace di coinvolgere il pubblico in un divertente viaggio nei suoi mondi fantastici.

Ne Il sogno diGambeinspallateatro (Italia) un attore alquanto singolare con l'aiuto di un carretto d’altri tempi trasporterà il pubblico nella propria stupefacente dimensione onirica, in un favoloso viaggio dal sapore antico che lo condurrà in un mondo di bolle di sapone: anime volanti che si trasformano, dai mille riflessi colorati e piene di fumo, un viaggio tra sogno e realtà, romanticismo e comicità.

E dalla delicatezza delle bolle di sapone ad una spericolata gara ciclistica il salto può essere veramente breve quando si parla di circo! Il giro della piazza della compagnia italiana Madame Rebiné è una commedia circense divertente, spettacolare e coinvolgente che si aspetta dal pubblico un tifo sfegatato! E dopo la frenesia di questa gara Madame Rebiné renderà giustizia a un vecchio clown che dopo novant’anni di sfortuna, delusioni e scivoloni torna alla riscossa, a cavallo della propria sedia a rotelle. E proprio La riscossa dei clown ci racconterà questa impresa impossibile, in cui renne acrobate, giocolieri miopi e mosche assassine cercheranno di mettere i bastoni tra le ruote (in tutti sensi) al nostro clown che a colpi di naso rosso farà occhi neri e lotterà fino all’ultimo respiro per difendere la sua dignità e se riuscirà ad avere giustizia sarà solo grazie al sostegno del pubblico presente in piazza.

Grazie alla collaborazione con la Flic Scuola di Circo diTorino, gli allievi del terzo anno artistico, che concludono il loro percorso di formazione artistica professionale, presenteranno i loro progetti personali nell’ambito del programma del festival. Gli spettacoli degli allievi della Flic Scuola di Circo sono dei work in progress frutto del lavoro di ricerca e creazione realizzata durante l’ultimo anno scolastico e vengono presentati al pubblico del Muja Buskers Festival come conclusione della loro formazione, ma anche come punto di partenza per lo sviluppo della propria ricerca artistica.

Tra gli allievi presenti al festival con i propri progetti:

Amina Riccetti Kummer (Austria) con Beatch - Un personaggio perfezionista e goffo fra acrobazia aerea e contorsionismo tratta varie tematiche invitando il pubblico a seguirlo in un viaggio in spiaggia.

Bruta Bruja (Messico/Germania) con Santa & Glitter - Circo, disco e stregoneria. Con il motto “We believe in Miracles”, il duo Bruta Bruja celebra la sua visione della realtà: dove da una pila del bucato escono una diva da disco e una santa appesa per i capelli.

Bryony Fowler (Inghilterra) con Eternità - Un rituale astratto che esplora i cicli della morte, l'ascensione e la rinascita, attraverso la corda aerea ed il movimento si celebra un rito che esplora ciò che è dentro e fuori di noi.

Laia Picas Rodoredra (Spagna) con La donna lampada - Una performance che mescola circo contemporaneo e riflessione critica. Un mondo intriso di surrealismo magico, dove le lampade prendono vita e le donne sembrano animali.

Miriana Nardelli (Italia) con Momentum - Danza, circo e teatro fisico si intrecciano per dar vita a un mondo onirico. E se fossi un sogno, che qualcuno sogna, un pensiero, che qualcuno pensa?

Il trio circ (Italia) con Concrete - In un mondo surreale un cosmonauta incontra due esseri bizzarri ed insieme sfideranno il vuoto e le altezze per riuscire a spiccare il volo in uno spettacolo emozionante e pieno di speranza.

Laboratorio di circo per bambini e ragazzi:

Un laboratorio circense aperto in cui bambini e ragazzi possono esprimersi liberamente iniziando a conoscere e approfondire i veri attrezzi da circo concepiti per la didattica delle discipline circensi quali giocoleria, equilibrio ed acrobatica. Un approccio creativo per potenziare lo sviluppo psicomotorio dei bambini.

I laboratori sono aperti a bambini dai 6 ai 12 anni con accesso libero su prenotazione e si terranno presso l'Oratorio Penso di Muggia.

Accesso agli spettacoli:

Gli spettacoli gratuiti sono ad ingresso libero e non prevedono alcuna prenotazione. I posti per gli spettacoli a pagamento sono limitati e si consiglia la prenotazione tramite il sito www.mujabusker.com. Il biglietto verrà inviato via mail e si potrà stampare o mostrare sullo schermo del cellulare.

Turismo. Il Muja Buskers contribuisce alla promozione del territorio, con alcuni appuntamenti speciali abbinati alla programmazione.

Venerdì 26 agosto alle 17.30 è invece prevista una visita al Castello di Muggia, un evento speciale per conoscere meglio il territorio che ospita il Festival da ormai sei anni. Tra gli eventi collaterali il 19 agosto nel parco Basaglia di Gorizia è stato presentato Fiabe d'amore e di morte di e con Renata Lapanja con musica originale di Andrea Pandolfo, uno spettacolo di fiabe in musica basato su storie della tradizione popolare in italiano e sloveno. L'appuntamento è parte del percorso di avvicinamento a GO!25 - Gorizia-Nova Gorica Capitale Europea della cultura 2025.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori