Home / Spettacoli / Ecco la Stagione di Teatro ragazzi della Contrada

Ecco la Stagione di Teatro ragazzi della Contrada

In calendario 38 appuntamenti, tante iniziative per le scuole e il nuovo Corso di Teatro

Ecco la Stagione di Teatro ragazzi della Contrada

Livia Amabilino, Presidente dello Stabile di Trieste La Contrada, ed Enza De Rose, responsabile del settore per ragazzi, insieme all’attrice Daniela Gattorno hanno illustrato, in diretta sul canale Youtube della Contrada, tutte le rassegne dedicate agli spettatori più giovani e alle scuole. Con una grande novità: il lancio di un corso di teatro per bambini e ragazzi e uno per adulti dedicato alla Commedia dell’Arte.

"Riparte con tantissime proposte di qualità la Stagione di Teatro ragazzi della Contrada, per un settore che noi consideriamo fondamentale e non accessorio dalla nostra fondazione, essendo i bambini e i giovani il pubblico che rappresenta il futuro", ha dichiarato Livia Amabilino.

"Non vediamo l’ora di iniziare: i bambini hanno bisogno del teatro come gli adulti, come tutti noi", ha detto Enza De Rose, responsabile del settore. "Le compagnie che ospitiamo vengono da tutta Italia. Siamo molto contenti di ripartire con questa stagione al 100% delle forze, dopo che ci erano in parte state tolte da due anni di pandemia. Viva il teatro!".

Quest’anno La Contrada lancia la sua 41esima stagione di A Teatro in Compagnia, la rassegna pensata per le scuole (sempre in date infrasettimanali, alle ore 10), e la 32.ma di Ti Racconto una Fiaba, gli appuntamenti teatrali per le famiglie e i più piccoli (sempre la domenica o i festivi, alle ore 11): entrambe le rassegne si svolgeranno sia al Teatro dei Fabbri che al Teatro Bobbio. Sono invece tutte al Teatro dei Fabbri le Fiabe allo Zucchero Filato curate da Daniela Gattorno in quattro appuntamenti pomeridiani alle 16.30, il 26 novembre e il 3,10,17 dicembre (con tanto vero zucchero filato per i piccoli spettatori!) e la tradizionale Festa di Halloween Dolcetto o scherzetto?, il 31 ottobre alle 17.30, una festa teatrale per stare insieme in maschera, vestiti a tema, con tante storie di zucche, fantasmi e streghette. Ogni rassegna è composta da spettacoli in ospitalità e produzioni della Contrada.

Ti Racconto una Fiaba – Teatro dei Fabbri. I fili conduttori delle rassegne di quest’anno sono le fiabe tradizionali e la musica. Si parte il 23 ottobre 2022, al Teatro dei Fabbri, con la produzione La Contrada I musicanti di Brema, un vero e proprio spettacolo musicale tratto dalla famosa fiaba dei Fratelli Grimm, con la regia di Daniela Gattorno e interpretato da Enza De Rose, Francesco Godina e Francesco Paolo Ferrara. Si prosegue il 30 ottobre con Ginetto e la felicità, spettacolo di burattini con incursioni di animazione teatrale, poi L’allestimento teatrale (6 novembre), la produzione Teatrobàndus che svela ai più piccoli, con brevi e divertenti scenette, tutte le fasi di preparazione di uno spettacolo teatrale, e Il frigorifero lirico (13 novembre), bizzarra opera lirica nello spazio di un frigorifero.

Tra le produzioni originali de La Contrada c’è anche il cavallo di battaglia Biancaneve non aprite quella porta (27 novembre), “divertissement” sul testo della fiaba dei Grimm adattata da Livia Amabilino e Lorella Tessarotto, con Enza De Rose, Francesco Godina, Valentino Pagliei e la partecipazione di Adriano Giraldi. L’11 dicembre ci si avvicina alle feste con il classico dickensiano Canto di Natale, mentre Alice nel paese delle meraviglie (15 gennaio 2023), produzione La Contrada con la regia di Giulio Settimo, riambienta il classico di Lewis Carroll al giorno d’oggi fondendolo con il teatro di figura misto, l’animazione a vista, burattini e muppet. Il lupo e i sette capretti (29 gennaio) riprende la fiaba dei fratelli Grimm raccontandola attraverso il fascino del teatro delle ombre, mentre il 5 febbraio Belle bolle fa danzare enormi bolle di sapone sulle note della musica classica. Storie di Carnevale (19 febbraio) riunisce invece racconti, giocoleria, musica e tanti giochi invitando il pubblico di bimbi a venire a teatro in maschera: non mancheranno tanti lecca lecca!

Chiude il mese Il cavaliere sulla Luna (26 febbraio), mentre il 12 marzo va in scena Un principe piccolo piccolo, spettacolo-laboratorio che invita i bimbi a manipolare la carta e imparare origami e kirigami per narrare insieme Il Piccolo Principe di Antoine de Saint-Exupéry. Storie di Kirikù (26 marzo) infine racconta le avventure di un coraggioso bimbo africano.

Ti Racconto una Fiaba – Teatro Orazio Bobbio. Al Teatro Bobbio, sempre fra le produzioni de La Contrada, il 1 novembre (spettacolo pomeridiano alle 16.30) va in scena Anche le pulci hanno la tosse con la regia di Diana Höbel su un testo di Fulvio Tomizza che umanizza gioie e drammi degli animaletti saltanti, interpretato da Enza De Rose, Marzia Postogna (soprano), Francesco Godina e Giacomo Segulia (tenore). Il 20 novembre tocca a Gaia e Re Ciclo, con Zita Fusco e Valentino Pagliei, che ha invece al centro l’ecologia, e il 4 dicembre a Le quattro stagioni che intreccia teatro, danza e musica per raccontare la natura nelle sue forme e colori partendo dalla sinfonia di Antonio Vivaldi.

L’atmosfera natalizia è inaugurata dallo spettacolo di danza Lo schiaccianoci (18 dicembre, in orario pomeridiano alle 16.30) che ripropone il celebre balletto di Ciajkovskij, mentre l’8 gennaio 2023 Esmeralda la farfalla del bosco insegna ai bimbi con una tenera fiaba i valori della differenza e della libertà. Il pirata Edward benda nera (22 gennaio), stimola la creatività dei bimbi con piccole prove in uno spettacolo di pupazzi e cartoni. Il 12 febbraio La regina delle nevi, produzione La Contrada, fa conoscere ai piccoli una tremenda sovrana che vuole distruggere l’arte e creare un freddo mondo nuovo rapendo tutti i folletti. Concludono la rassegna uno speciale Pinocchio (5 marzo) raccontato con burattini e ombre e Cipì (19 marzo) ispirato all’omonimo libro del maestro Mario Lodi.

Gli appuntamenti avranno un biglietto unico di 7 euro, con la possibilità di scegliere una Card 5 ingressi a 30 euro e una Card a 8 ingressi a 40 euro.

A Teatro in Compagnia. La rassegna per le scuole delle ore 10, A Teatro in Compagnia, riprende tra i lunedì e i mercoledì a partire 24 ottobre e si svolge sia al Teatro dei Fabbri che al Teatro Bobbio. In scena, per le scuole che ne faranno richiesta, I musicanti di Brema (24 ottobre), Il gatto con gli stivali (8-9 novembre), spettacolo con attori e pupazzi sulla tradizionale fiaba di Charles Perrault, Il frigorifero lirico (14 novembre), La classe dei banchi vuoti (29-30 novembre), per spiegare con delicatezza la mafia ai bambini, lo spettacolo di danza Lo Schiaccianoci (19 dicembre), Il lupo e i sette capretti (30-31 gennaio 2023), Il cavaliere sulla luna (27-28 febbraio), Pinocchio (6-7 marzo), Un principe piccolo piccolo (13-14 marzo), Cipì (20 marzo) e Storie di Kirikù (27-28 marzo).

Gli appuntamenti avranno un biglietto unico di 5€ a bambino (gratuito per gli insegnanti e gli operatori che accompagnano i ragazzi). 3 euro se si prenotano almeno 3 spettacoli.

Tutte le iniziative del Teatro per l’Infanzia e la Gioventù della Contrada godono del sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Friuli Venezia Giulia e del patrocinio del Comune di Trieste.

Informazioni: 040.948471; teatroragazzi@contrada.it; biglietteria@contrada.it www.contrada.it.

Il nuovo corso di teatro della Contrada. La Contrada inaugura nuovi corsi di teatro rivolti ai bambini e agli adulti. Le lezioni sono divise per fasce d’età: 6 ai 10 anni, dagli 11 ai 13 anni e dai 14 ai 18 anni, più il corso adulti dedicato alla Commedia dell’Arte. La frequenza è una volta alla settimana, con saggio finale al Teatro Bobbio.

I corsi, organizzati da Gli Amici della Contrada, sono proposti in due moduli da dieci lezioni ciascuna, da ottobre a dicembre e da gennaio a marzo. Ogni corso prevede una quota associativa di 15 euro e un costo di per ogni modulo di 275 euro. La prima lezione è gratuita.

Informazioni e iscrizioni al numero 340.7775747; teatroragazzi@contrada.it, www.contrada.it

Corso pomeridiano per bambini dai 6 ai 10 anni (Lunedì dalle 17 alle 18.30, prima lezione 24 ottobre): insegnante Valentino Pagliei. Un percorso nel mondo del teatro adatto ai bambini della scuola primaria, per sviluppare la conoscenza del loro corpo e delle loro emozioni, per acquisire più sicurezza con se stessi e nel rapporto con gli altri. I vari linguaggi utilizzati (la parola, il gesto, il ritmo, il suono, il canto) consentiranno ai bambini di sviluppare la propria creatività in una dimensione ludica che prevede momenti di training fisico ed esercizi di tipo sensoriale, di espressione corporea, di approfondimento del linguaggio gestuale.

Corso pomeridiano per i ragazzi dagli 11 ai 13 anni (Martedì dalle 17 alle 18.30, prima lezione 12 ottobre): insegnante Ilaria Marcuccilli. I corsi rivolti agli adolescenti sono ispirati a una pedagogia che mira al benessere della persona, dedicati alle diverse fasi di crescita dei partecipanti. Le parole chiave sono “creatività” e “relazione”, insieme a insegnanti scelti per la loro particolare esperienza e attitudine al al mondo emotivo dell’adolescenza.

Corso pomeridiano per ragazzi dai 14 ai 18 anni (Venerdì dalle 17 alle 19, prima lezione 14 ottobre): insegnante Ilaria Marcuccilli. In questo corso si propone l’introduzione alla recitazione e alle dinamiche della scena, lo sviluppo degli strumenti espressivi del singolo (gestualità, parola, movimento) e delle capacità interpretative e improvvisative, l’abitudine all’interazione cooperativa con gli altri. Verranno proposti esercizi di espressione corporea sulla presenza scenica, interazione (contatto, fiducia, relazione, ascolto), comunicazione non verbale e improvvisazioni guidate a uno o più personaggi.

Corsi serali per adulti (Lunedì dalle 19.30 alle 21.30, prima lezione 10 ottobre): insegnante Giacomo Segulia. Attraverso i personaggi tradizionali della Commedia dell’Arte, come Arlecchino, Colombina e Pantalone, scopriremo delle situazioni senza tempo alla base delle quali si trovano l’amore, l’odio, il potere, i tradimenti, gli inganni. Il mondo della Commedia dell’Arte, che ha reso celebre il teatro italiano in tutto il mondo, è più vivo che mai anche al giorno d’oggi.

0 Commenti

L'economia in un click

Cultura

Economia

Sport news

Politica

Il Friuli

Green

Business

AGENDA

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori