Home / Spettacoli / Enoarmonie, Pitars ospita il tango di Marcelo Nisinman

Enoarmonie, Pitars ospita il tango di Marcelo Nisinman

Alla cantina di San Martino al Tagliamento, doppio spettacolo domenica 26 febbraio alle 17 e alle 18.30. Con lui in concerto il chitarrista Alberto Mesirca e il contrabbassista Zoran Marković

Enoarmonie, Pitars ospita il tango di Marcelo Nisinman

Il moderno gioiello architettonico della Cantina Pitars di San Martino al Tagliamento ospiterà la seconda tappa di Enoarmonie 2017 domenica 26 febbraio, prima alle 17 e poi alle 18.30. Un doppio appuntamento viste le numerose richieste di partecipazione. Protagonista del concerto-sinestesia sarà uno dei più quotati bandoneonisti al mondo, l'argentino Marcelo Nisinman. Marcelo, lanciato e sostenuto dalla grande pianista Marta Argerich, è un celebre strumentista e anche un quotato innovatore del tango contemporaneo. L'appuntamento eccezionale ed imperdibile per tutti gli appassionati di questa musica sudamericana permetterà infatti di ascoltare dal vivo uno dei pochissimi compositori a livello mondiale cui venga riconosciuto il merito di un rinnovamento della grande tradizione del tango.

La fama di Nisinmann è testimoniata anche dal credito che gli è stato accordato da un elenco di straordinari partner di fama planetaria, tra cui Gidon Kremer, Gary Burton, i fratelli Assad, Fernando Suarez Paz, Charles Dutoit assieme all'Orchestra di Filadelfia, per arrivare recentemente, come si è detto, a Marta Argerich. Il programma del concerto, oltre ad alcuni immancabili capolavori della tradizione, presenterà musiche dello stesso Nisinman, composizioni che lasciano filtrare la vicinanza dell'artista con il mondo culturale di Parigi, sua patria d’adozione, e che propongono un interessante ammodernamento della tradizionale orchestra tanguera. Marcelo Nisinman fin da giovanissimo ha lavorato nelle sale da ballo (le ‘milonghe’) di tutto il Sud America, e ha sviluppato così una conoscenza vastissima del repertorio tradizionale per bandoneon. Come arrangiatore, si è confrontato con i tanghi degli anni ’20 e ’30, il “periodo aureo” precedente all’evoluzione del tango nuevo di Astor Piazzolla, e le sue composizioni originali, ricche anche di elementi stilistici fortemente contemporanei, riescono a creare una connessione diretta tra la tradizione e le espressioni innovative dell’avanguardia. Le vecchie melodie vengono destrutturate, ricomposte e riemergono in momenti di forte tensione musicale in cui gli strumenti creano straordinari effetti percussivi e dissonanti.

Assieme all'argentino suoneranno altri due quotatissimi musicisti, il chitarrista italiano Alberto Mesirca e il carismatico contrabbassista serbo Zoran Marković. I grandi vini dell'Azienda Pitars saranno presentati assieme alla musica da Claudio Farinone, al suo debutto come enorelatore, già chitarrista specializzato in questo genere e conduttore molto popolare nella radio culturale della Svizzera Italiana.

0 Commenti

Cronaca

Economia

Politica

Sport news

Cultura

Il Friuli

Business

Green

Family

Invia questa pagina ad un tuo amico
I campti contrassegnati con * sono obbligatori